Terremoto Macerata M 2.1/ Ingv ultime scosse, sisma anche a Potenza

- Davide Giancristofaro Alberti

Terremoto Macerata M 2.1, Ingv ultime scosse: tremano nuovamente le Marche, con un sisma registrato nella tarda serata di ieri

terremoto salerno ingv 640x300
Terremoto

Nuovo appuntamento con la situazione terremoto sul suolo italiano. Nella giornata di oggi, domenica 5 gennaio, non si è verificato alcun movimento tellurico, l’ultimo è quello avvenuto nella tarda serata di ieri, sabato 4 gennaio. Poco dopo le 11 di sera, precisamente alle ore 23:04, un sisma di magnitudo 2.1 gradi sulla scala Richter ha colpito il territorio delle Marche, e di preciso, la provincia di Macerata, zona ad alta intensità sismica. I colleghi dell’Istituto nazionale italiano di geofisica e vulcanologia, l’Ingv, hanno individuato l’epicentro in località Caldarola, con coordinate geografiche pari a 43.12 gradi di latitudine e 13.2 di longitudine. La profondità, l’ipocentro, è stata invece di soli 8 chilometri sotto il livello del mare: un terremoto quindi decisamente superficiale. I comuni che sono stati interessati dal sisma sono stati quelli di Cassapalombo, Camporotondo di Fiastrone, Belforte del Chienti, Serrapetrona, Fiastra, San Ginesio e Acquacanina.

TERREMOTO IN PROVINCIA DI POTENZA M 2.4

Nel raggio di 65 chilometri si trovano invece le città di Teramo, Perugia, Ancona e Foligno. Vista la moderata entità del terremoto, non si sono verificati danni a edifici, ne tanto meno dei feriti. Un’altra scossa che non vi avevamo ancora segnalato si è verificata nel pomeriggio di ieri, in provincia di Potenza (Basilicata). Il sisma è stato di magnitudo 2.4 sulla scala Richter, in territorio Tramutola, con coordinate geografiche di 40.33 gradi di latitudine, e 15.79 di longitudine, nonché una profondità di 9 km sotto il livello marino. Il terremoto è stato registrato dalla sala sismica Ingv in Roma alle ore 15:52 di ieri pomeriggio, ed è stato avvertito nei vicini comuni di Marsicovetere, Paterno, Montesano sulla Marcellana, Grumento Nova, Viggiano e Padula. La città più vicina all’epicentro è invece Potenza, che dista circa 35 chilometri. Anche in questo caso il terremoto non ha provocato danni ne tanto meno dei feriti.

© RIPRODUZIONE RISERVATA