Terremoto Marche oggi/ Ingv ultime scosse Ancona: sisma di magnitudo 3.5 nella notte

- Davide Giancristofaro Alberti

Terremoto nelle Marche di magnitudo 3.5: l’Ingv segnala una scossa moderata avvenuta nella notte passata nell’anconetano

terremoto ancona 2020 ingv 640x300
Terremoto ad Ancona

Una scossa di terremoto superiore alla magnitudo 3.0 si è verificata nelle scorse ore nelle Marche. Come comunicato dall’Ingv, l’Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia, l’evento tellurico è avvenuto di preciso nella provincia di Ancona, a cinque chilometri a nord di Cerreto d’Esi. Un sisma di 3.5 gradi sulla scala Richter, e che ha avuto come coordinate geografiche precise 43.37 gradi di latitudine, 13 di longitudine, e un ipocentro localizzato a sei chilometri di profondità. Il terremoto si è verificato durante la notte appena passata, quella fra mercoledì 26 e giovedì 27 agosto, alle ore 4:46, ed è stato avvertito in maniera indistinta da numerosi comuni limitrofi l’epicentro, leggasi Poggio San Vicino, Genga, Fabriano, Serra San Quirico, Apiro, Mergo, Matelica, Cupramontana, Sassoferrato e molti altri. Le città più importanti vicine alla zona del terremoto sono invece state Ancona, Foligno, Fano e Perugia, dislocate in un raggio massimo di circa 50 chilometri. Al momento non sono stati segnalati danni a edifici vari, ne tanto meno feriti, di conseguenza il terremoto ha causato solamente un grosso spavento ai residenti.

TERREMOTO OGGI NELLE MARCHE E IN CALABRIA

Quello avvenuto nel territorio marchigiano non è l’unico sisma verificatosi nella giornata di oggi. Alle ore 4:58 di stamane, infatti, ha tremato la zona del mar Tirreno meridionale di fronte alla Calabria, precisamente nelle province di Catanzaro, Vibo Valentia, Reggio di Calabria. L’evento è stato più lieve rispetto a quello precedente, avendo avuto una magnitudo di 2.1 gradi sulla scala Richter, mentre le coordinate geografiche precise sono state 38.96 gradi di latitudine, 15.71 di longitudine, e 172 chilometri di profondità, un aspetto quest’ultimo che ha attutito in maniera notevole gli effetti del movimento tellurico. Essendo verificatosi in mare aperto, non vi sono comuni che sono stati interessati dal sisma, mentre le città più vicine all’epicentro sono state Lamezia Terme, Cosenza, Catanzaro, Messina e infine Reggio Calabria. Anche in questo caso non sono stati segnalati danni e feriti.



© RIPRODUZIONE RISERVATA