Testo Ragazzo fortunato di Jovanotti, cover a Sanremo 2021/ Nel disco “Lorenzo 1992”

- Elisa Porcelluzzi

Ragazzo fortunato di Jovanotti, tra le cover al Festival di Sanremo 2021. Il brano è uno dei più iconici di Lorenzo Cherubini contenuto nell’album “Lorenzo 1992”.

Jovanotti (Instagram)
Jovanotti (Instagram)

Ragazzo fortunato di Jovanotti, la hit del 1992

Il brano Ragazzo fortunato” di Jovanotti è una delle cover che verrà presentata nella terza serata di Sanremo 2021, da Random con i The Kolors. La canzone, pubblicata nel 1992 come quarto singolo dell’album “Lorenzo 1992”, è stato recentemente usata come colonna sonora della prima puntata de Il Collegio 5, ambientato proprio nel 1992. “Ragazzo fortunato” è senza dubbio uno dei già grandi successi di Lorenzo Cherubini, in arte Jovanotti, tanto da essere inserito nella compilation Hit Parade del 1993. Un testo fresco e giovanile, che racconta gli alti e bassi della vita del protagonista – all’epoca 26enne – ma anche di quella di tutti i coetanei e di quelli che lo ascoltano. “Problemi zero e problemi a non finire”, ma sempre con la consapevolezza di essere un ragazzo fortunato perché la vita è un dono sempre e comunque, sia pure quando piena di difficoltà. L’amore poi non manca anzi è una delle ragioni che rendono fortunato il giovane che la sera può tornare a casa dalla sua amata, “la fortuna è di incontrarti ancora”. Parlando del successo delle sue canzoni, Jovanotti ha detto a Il fatto quotidiano: “La mia anomalia, che è la mia fortuna, è nel fatto che molte mie canzoni sono allegre e questo mi dà uno spazio tutto mio nella musica italiana che invece è occupata prevalentemente da malinconia e canzoni struggenti. Questo mi mette al riparo dall’erosione massiccia”.

Lorenzo Cherubini in arte Jovanotti

Alla fine degli anni Ottanta un giovane cantautore dal nome accattivante entra a far parte del panorama musicale italiano. Lorenzo Cherubini in arte Jovanotti nasce a Roma il 27 settembre del 1966, terzo di quattro fratelli. Rapper, dj e cantautore italiano conquista il cuore del suo giovane pubblico con la sua freschezza e vivacità, con la sua voglia di stare sul palco e con i suoi modi coinvolgenti. Cresce a Cortona, un comune in provincia di Arezzo, dove oggi ancora risiede e di cui è cittadino onorario. Un talento destinato non solo a crescere ma anche a maturare, che passa dai primi brani di gioventù irruenti e agguerriti, a una musicalità sempre più funky e hip hop, accompagnata da testi che rispecchiano sempre di più l’impegno sociale e politico dell’artista. Il primo palcoscenico Jovanotti lo conquista nel 1987 col brano “Walking” e poco dopo nel 1988 entrando nella scuderia di Claudio Cecchetto che lo coinvolge nella redazione di Radio Deejay. Il 1988 vede inoltre l’uscita del suo primo singolo subito seguito dal primo album “Jovanotti for president” che scala le classifiche e gli frutta la presenza come ospite al Festivalbar. Una carriera in rapida ascesa che lo vede affiancarsi in collaborazioni importanti come quelle con Edoardo Bennato e Zucchero. Alcuni grandi successi sono ormai pilastri della musica italiana. Citiamo: “A te” del 2007, “Baciami ancora” nel 2010 premio David di Donatello come miglior colonna sonora del film omonimo di Gabriele Muccino. Fino a citare uno dei successi più recenti, nel 2019, che lo vede interprete con Takagi & Ketra, Tommaso Paradiso e Calcutta del singolo “La luna e la gatta”.

Ragazzo fortunato, il testo della canzone di Jovanotti

Se io potessi starei sempre in vacanza
Se io fossi capace scriverei il cielo in una stanza
Ma se devo dirla tutta, qui non é il paradiso
All’inferno delle verità io mento col sorriso

Problemi zero, problemi a non finire
Un giorno sembra l’ultimo, un altro é da impazzire
Ma se devo dirla tutta, qui non é paradiso
All’inferno delle verità io mento col sorriso

Di dieci cose fatte te n’è riuscita mezza
E dove c’è uno strappo non metti mai una pezza
Di dieci cose fatte te n’è riuscita mezza
E dove c’è uno strappo non metti mai una pezza

Sono un ragazzo fortunato
Perché m’hanno regalato un sogno
Sono fortunato perché non c’è niente che ho bisogno
E quando viene sera e tornerò da te
è andata com’è andata la fortuna é di incontrarti ancora
Sei bella come il sole, a me mi fai impazzire
Sei bella come il sole, a me mi fai impazzire

Siddharta me l’ha detto che conta solo l’amore
E tutto quello che ti serve può stare dentro al cuore
Ma se devo dirla tutta, qui non é il paradiso
All’inferno delle verità io mento col sorriso.

Di dieci cose fatte te n’è riuscita mezza
E dove c’è uno strappo non metti mai una pezza
Di dieci cose fatte te n’è riuscita mezza
E dove c’è uno strappo non metti mai una pezza

Sono un ragazzo fortunato
Perché m’hanno regalato un sogno
Sono fortunato perché non c’è niente che ho bisogno
E quando viene sera e tornerò da te
è andata com’è andata la fortuna é di incontrarti ancora
Sei bella come il sole, a me mi fai impazzire
Sei bella come il sole, a me mi fai impazzire

Sei bella come il sole, a me mi fai impazzire
Sono un ragazzo fortunato
Perché m’hanno regalato un sogno
Sono fortunato perché non c’è niente che ho bisogno
E quando viene sera e tornerò da te
è andata com’è andata la fortuna é di incontrarti ancora

Eh, m’hanno regalato un sogno
Oh yeah, non c’è niente che ho bisogno



© RIPRODUZIONE RISERVATA