Tom Hanks “ero paralizzato dal Covid”/ “Non riuscivo a concentrarmi più di 10 minuti”

- Davide Giancristofaro Alberti

Tom Hanks e l’infezione da coronavirus: “Dolori paralizzanti e mancanza di concentrazione. Il tutto è durato un paio di settimane”

the-post-tom-hanks_web
Una scena del film "The Post" (Foto dal web)

Tom Hanks è stato uno dei personaggi famosi che ha contratto il coronavirus a inizio pandemia. A marzo, infatti, mentre stava girando in Australia, lui e la moglie Rita Wilson hanno contratto l’epidemia di covid-19, fra i primi e sicuramente i più famosi ad occidente: era il 10 del mese e i due e rimasero in ospedale per tre giorni. “Siamo bene – dice la celebrità americana parlando oggi con il tabloid britannico The Guardian – il nostro disagio a causa del virus è durato di fatto due settimane e abbiamo avuto reazioni molto diverse, è stato strano. Mia moglie ha perso il senso del gusto e dell’olfatto, aveva una forte nausea e una febbre molto più alta di me. Io avevo solo dolori paralizzanti, ero sempre affaticato e non riuscivo a concentrarmi su nulla per più di circa 12 minuti. Quest’ultima parte è un po ‘come il mio stato naturale”.

TOM HANKS: “QUANDO ERAVAMO IN OSPEDALE…”

Quindi Hanks ha continuato nella sua disamina, fra il serio e l’ironico: “Quando eravamo in ospedale, ho detto ai medici: ‘Ho 63 anni, ho il diabete di tipo 2, avevo uno stent nel cuore – sono un caso di bandiera rossa?’ Ma finché la febbre non aumentava, e i nostri polmoni non si riempivano di qualcosa che sembrava polmonite, non erano preoccupati. Non sono uno che si sveglia la mattina chiedendosi se vedrò o no la fine della giornata. Sono abbastanza calmo a riguardo”. Il giornalista domanda poi ad Hanks cosa ne pensa della gestione dell’epidemia da parte degli Stati Uniti, il paese con più infetti e più vittime in assoluto: “Oh caro! – replica il divo di Hollywood – Non ho altro che punti interrogativi sulla posizione ufficiale e sulla scelta individuale. Ci sono davvero solo tre cose che tutti devono fare: indossare una maschera, distanza sociale, lavarsi le mani. So che a livello sociale è stato politicizzato, ma non capisco, amico. Non capisco come si possa abbassare il piede e dire: ‘Non devo fare la mia parte’”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA