Treviso, rogo in abitazione: due donne morte carbonizzate/ Ferito un uomo di 69 anni

- Davide Giancristofaro Alberti

Treviso, un rogo ha bruciato un’abitazione provocando la morte di due donne di anni 74 e 58. Ferito anche un uomo di 69 anni al momento in ospedale

Minaccia suicidio
(LaPresse, immagini di repertorio)

Tragedia in provincia di Treviso dove un rogo scoppiato in un’abitazione ha provocato la morte di due persone e il ferimento di una terza. L’episodio è riportato in queste ore da numerose testate online, a cominciare da Treviso Today, ed è avvenuto di preciso in località Castagnole di Paese. Le fiamme sono scoppiate attorno all’1.40 della notte fra martedì 9 e mercoledì 10 giugno, ed hanno distrutto anche dei magazzini annessi alla casa situata in via Feltrina, vicino alla “Gaivi”. Le vittime si chiamavano Franca Fava, di anni 58 e Fiorella Sandre, 74enne amica di famiglia. Inizialmente risultavano disperse, poi i loro cadaveri sono stati scoperti dalle forze dell’ordine. Ferito in maniera grave ma non è in pericolo di vita, Sergio Miglioranza, classe 1951, che è stato trasportato in ospedale dove è stato successivamente ricoverato in stato confusionale e intossicato. I corpi delle due donne sono stati rinvenuti carbonizzati, una volta che le fiamme sono state domate dai pompieri.

TREVISO, ROGO IN ABITAZIONE: INDAGINI IN CORSO

Quando è stato lanciato l’allarme sul posto si sono recati i vigili del fuoco delle compagnie di Treviso, di Asolo, di Conegliano e Mestre, che sono poi rimasti a lungo sul luogo dove è scoppiato l’incendio per eseguire i vari accertamenti e le indagini, di modo da capire cosa possa aver scatenato le fiamme che hanno poi distrutto gran parte dell’edificio. In base ad alcune testimonianze sembra che sul posto siano state udite delle esplosioni prima che scoppiasse il rogo, quindi non è da escludere che del materiale infiammabile abbia avuto qualche reazione, anche se al momento si tratta solo di ipotesi. Sul posto anche i carabinieri della compagnia di Montebelluna, nonché il pubblico ministero Anna Andreatta. Giuseppe Quinto, vicecomandante dei vigili del fuoco di Treviso, ha spiegato: «A dare l’allarme, con una drammatica telefonata al 113, è stata una delle due donne, intrappolata in casa dal fuoco. Un cadavere, carbonizzato, è stato trovato in bagno, il secondo in un’altra stanza. Miglioranza si trovava invece al piano superiore: è riuscito a mettersi in salvo attraverso una scala esterna».



© RIPRODUZIONE RISERVATA