UCRAINA/ La regia Usa nella riforma dei Servizi: la rete di potere dietro Zelensky

- Roberto Favazzo

Zelensky vuole riformare i servizi di sicurezza della Sbu e si affida a un giro di collaboratori e oligarchi a lui vicini. I nomi

ucraina zelensky 3 lapreesse1280 640x300
Il presidente ucraino Volodymyr Zelensky (LaPresse)

Più volte negli articoli precedenti abbiamo sottolineato il ruolo del servizio di sicurezza ucraino Sbu. Il suo peso, anche all’interno del sistema di potere ucraino, è infatti molto importante, non solo a livello intrinseco, ma anche per il ruolo che il direttore occupa e per le sue relazioni con il premier ucraino.

Un anno fa il Parlamento ucraino approvava il disegno di legge per riformare l’agenzia di intelligence nazionale, la Sbu. Da allora, il progetto guidato dal suo capo, Ivan Bakanov, è rimasto bloccato anche dagli emendamenti delle varie commissioni parlamentari.

Questa vasta revisione dell’agenzia, che ha iniziato a introdurre cambiamenti strutturali interni all’inizio della presidenza di Volodymyr Zelensky, è stata spesso imposta dagli Stati Uniti come prerequisito per avere in cambio il suo sostegno proattivo contro la minaccia che Kiev sente arrivare dal suo vicino russo. Le richieste di Washington per queste garanzie politiche e di sicurezza sono diventate essenzialmente i progetti chiave del mandato di Zelensky: la sua legge contro le oligarchie, le misure anticorruzione più severe e, una volta approvata, la riforma appunto della Sbu. Sulla stessa linea si è mossa Londra. E a questo proposito lo scorso anno la capitale inglese aveva ospitato una delegazione ucraina, guidata dal presidente Zelensky, per finalizzare un accordo navale redatto nel 2020.

Ma esattamente che cosa ha offerto Londra all’Ucraina? Sei imbarcazioni Barzan ad attacco rapido da far costruire al subappaltatore della difesa Babcock International e armate da Thales e Mbda, industrie francesi – oltre a due cacciatori di mine sottomarini Sandown -, e la costruzione di due nuove basi navali altamente strategiche, una nel Mar Nero e l’altra nel Mar di Azov.

Londra è andata alla ricerca di opportunità per la sua industria navale. Anche la delicata questione dei finanziamenti è stata rapidamente affrontata da parte britannica, che ha erogato un prestito di 1,25 miliardi di sterline, stanziato specificamente per ampliare la flotta navale ucraina. Per vincere la commessa, il team di marketing e diplomazia del Regno Unito ha fatto di tutto, anche inviando la sua Hms Defender al porto di Odessa, a giugno, a bordo della quale il ministro britannico degli appalti della difesa, Jeremy Quin, e Tony Radakin hanno firmato l’accordo di cooperazione navale il 21 giugno. Radakin diventerà poi il capo dello staff della Difesa britannico il 30 novembre. Due giorni dopo, la Hms Defender si è imbattuta in diverse navi russe che hanno sparato colpi di avvertimento, dopo che la nave inglese si è avvicinata alla Crimea.

Gli inglesi hanno anche cercato di rafforzare i legami politici con Kiev, mostrando interesse per le questioni ucraine. Il focus di questi sforzi è stato sulle regioni contese della penisola di Crimea e dell’Ucraina orientale.

Ma torniamo a Bakanov. Nell’agosto 2019, sempre nei primi giorni del suo mandato, Zelensky ha offerto il timone dell’agenzia al suo amico d’infanzia Bakanov, insieme al compito di supervisionare la sua riforma. Un novizio dell’intelligence, la cui nuova posizione gli ha automaticamente dato un seggio nel consiglio nazionale di difesa e sicurezza Rnbo, che ha potuto attingere all’esperienza di tre deputati veterani: Serhiy Andrushchenko, Volodymyr Gorbenko e Aleksandr Yakushev. Ma che fine aveva fatto il precedente direttore del servizio di sicurezza ucraino? Vasyl Gritsak, l’ex capo della Sbu, fu messo in riserva con decreto presidenziale il 27 dicembre di due anni fa. Gritsak, nonostante fosse vicino alla Cia, è stato messo sotto inchiesta per presunta corruzione, furto, abuso di potere, tradimento e spionaggio.

Ad ogni modo sia Bakanov che Zelensky si sono incaricati di attuare la dolorosa riforma, che continua a ricevere reazioni negative dall’opposizione e da vari movimenti militanti. Il disegno di legge, che gli ambasciatori statunitensi e quelli del G-7 in Ucraina tengono d’occhio molto da vicino, ha avuto così tanti cambiamenti che è ormai poco somigliante con il progetto originale. Lo spirito del testo si è spostato in modo significativo da quando Bakanov lo ha presentato ottimisticamente al suo arrivo come capo della Sbu. “Immagino che ci vorranno tre anni, o meno, per attuare l’intera riforma della Sbu. Per le prime misure efficaci, credo che un anno sarà sufficiente” ha detto Bakanov il 29 agosto 2019, alla sua inaugurazione come capo della Sbu.

Questi successivi emendamenti parlamentari hanno gradualmente ridotto il mandato della Sbu nel rivolgere la propria attenzione sul controspionaggio, sull’antiterrorismo e sulla lotta alla disinformazione, così come sulle misure anticorruzione. Si prevede che subirà quasi 10mila tagli di personale in tre anni e dovrà fare a meno dell’esperienza economica del suo dipartimento K. I dati econometrici saranno raccolti dal nuovo ufficio di sicurezza economica, il Beb, creato lo scorso anno per ridurre i rischi di corruzione che hanno afflitto la Sbu sin dalla sua creazione nel 1992.

La nomina di Bakanov a capo della Sbu ha cambiato profondamente la sua vita come uomo d’affari. Avvocato per formazione, era responsabile dello Studio Kvartal 95 dal 2013. Questa è stata la società di produzione che ha prodotto la sitcom televisiva locale Servant of the People che ha portato Zelenksy, il suo attore principale, alla fama e in seguito ha prestato il suo nome al suo partito politico. Bakanov ha anche gestito la campagna presidenziale di Zelenksy tra il 2017 e il 2019. Lo Studio 95 ha spesso consultato lo studio legale Hillmont Partners per le problematiche aziendali.

Pochi giorni dopo l’elezione di Zelensky nel maggio 2019, Bakanov ha fatto il suo debutto alla Sbu come primo vicedirettore, posto a capo della lotta contro la corruzione e la criminalità organizzata. Ciò lo ha lasciato esposto alle critiche della stampa ucraina, a seguito delle quali è stato costretto a rinunciare al controllo di diverse entità, tra cui la società immobiliare spagnola Nueva Tierra Verde e il fondo cipriota Davegra.

Davegra è stato menzionato lo scorso ottobre nei Pandora Papers come al centro di una rete di società a Cipro e Belize che erano servite a consentire lo scambio discreto di fondi tra le squadre di Zelensky e le società di proprietà dell’oligarca Igor Kolomoisky. Oltre ad aver sponsorizzato la sitcom di Zelensky, Kolomoisky ha contribuito a finanziare la sua candidatura a presidente. Poche settimane dopo che Bakanov si è unito alla Sbu, sua moglie russa, Oxana Lazarenko, ha ottenuto la cittadinanza ucraina. Lazarenko ha partecipazioni in numerose aziende, tra cui Pks Energotek.

In questo entourage sono inclusi anche Boris Shefir e Serhiy Shefir, i pilastri dell’impero dello Studio 95, che comprende in tutto una mezza dozzina di entità. I fratelli sono stati coinvolti in quasi tutte le iniziative di Zelensky. Hanno lavorato a stretto contatto con il produttore televisivo Andriy Yakovlev e altri partner commerciali, come il regista di video musicali Alan Badoev. Serhiy Shefir ricopre attualmente la carica di primo aiutante del presidente, una posizione che lo ha lasciato esposto a un tentativo di assassinio nel settembre 2021. Oltre a gestire l’orario quotidiano e le comunicazioni di Zelensky, Serhiy viene spesso inviato a colloqui a porte chiuse con varie imprese e oligarchi ucraini.

— — — —

Abbiamo bisogno del tuo contributo per continuare a fornirti una informazione di qualità e indipendente.

SOSTIENICI. DONA ORA CLICCANDO QUI





© RIPRODUZIONE RISERVATA