Vaccino Johnson & Johnson: valutazione Ema l’11 marzo/ Anche Merck produrrà siero

- Carmine Massimo Balsamo

Arrivano importanti novità sul vaccino Johnson & Johnson: il via libera dell’Agenzia del farmaco europea potrebbe arrivare nelle prossime due settimane

vaccini come shoah massimiliano quaresima
Vaccino anti-Covid (LaPresse)

Dopo Pfizer, Moderna e Astrazeneca potrebbe arrivare il momento del vaccino Johnson & Johnson. Dopo il via libera della Fda, è atteso l’ok definitivo da parte dell’Ema, l’Agenzia europea del farmaco. Secondo quanto riportano i colleghi di Sky Tg 24, la riunione per valutare l’autorizzazione al farmaco di J&J è fissata per l’11 marzo 2021.

Come evidenziato nel corso degli scorsi giorni, l’ok al vaccino di Johnson & Johnson potrebbe arrivare nel corso delle prossime due settimane, fornendo così un’arma in più nella lotta al Covid-19. Marco Cavaleri, presidente della task force sui vaccini dell’European Medicines Agency (Ema), aveva rimarcato a La Stampa: «La decisione arriverà entro metà marzo. Gli Stati Uniti hanno dato un permesso d’emergenza di cui noi non disponiamo. La nostra è un’autorizzazione piena, anche se sotto condizione di aggiornamenti, e richiede più tempo».

VACCINO JOHNSON & JOHNSON, ANCHE MERCK PRODURRÀ SIERO

Novità sul vaccino Johnson & Johnson sono arrivate anche dagli Usa. Come riportato dai colleghi di Rai News 24, il colosso farmaceutico Merck ha accettato l’alleanza con J&J per consentire di aumentare più rapidamente la produzione del farmaco. Ricordiamo che il vaccino è monodose e questo accordo permette una significativa spinta alla produzione. Il Washington Post ha messo in rilievo che Merck aveva provato a gettare le basi per la produzione di un suo vaccino, ma il tentativo è andato a vuoto. Il quotidiano a stelle e strisce aggiunge inoltre che le prime somministrazioni del vaccino di Johnson & Johnson sono in programma tra oggi e domani, mercoledì 3 marzo 2021.



© RIPRODUZIONE RISERVATA