Valentina Sampaio, prima modella trans Victoria’s Secret/ A 8 anni il cambio di sesso

- Carmine Massimo Balsamo

Valentina Sampaio è la prima modella transessuale di Victoria’s Secret: l’icona del mondo Lgbtq+ volto della linea VS Pink, ecco il suo annuncio.

valentina sampaio victoria’s secret
Valentina Sampaio intervistata da Tv Uol

Valentina Sampaio nella storia: la modella brasiliana è la prima modella transessuale di Victoria’s Secret. Una svolta per l’azienda americana, giunta dopo il caos scatenato dalle parole del suo chief marketing officer, Ed Razek: a suo avviso, Victoria’s Secret non avrebbe nulla a che vedere con il mondo Lgbtq+, così come con quello delle donne curvy. In buona sostanza, aveva affermato di non voler includere nel fashion show televisivo modelle trans e oversize: dichiarazioni che hanno sollevato un polverone e per le quali sono giunte le repentine scuse, con tanto di ammirazione e rispetto per il mondo transgender. Un nuovo capitolo della storia del noto brand, che ha “arruolato” la 22enne di Fortaleza per promuovere l’azienda: l’annuncio è stato dato dalla diretta interessata con un post su Instagram. E pochi minuti dopo è arrivata la conferma di Lais Ribeiro, supermodella del brand che si è detta entusiasta per la scelta del marchio.

CHI E’ VALENTINA SAMPAIO, PRIMA MODELLA TRANS DI VICTORIA’S SECRET

Figlia di un pescatore e di una docente, Valentina Sampaio ha iniziato il suo percorso per il cambio di sesso all’età di 8 anni, supportata da una psicologa: l’incontro con il mondo della moda è avvenuto sette anni più tardi, trampolino di lancio per diventare un simbolo del mondo arcobaleno. Nonostante il supporto della famiglia, la 22enne ha dovuto fare i conti con qualche episodio di bullismo, ma ha sempre voluto trasmettere messaggi positivi per chi si trova nella sua stessa situazione. Volto di Vogue nel 2017, ha anche preso parte a diversi progetti cinematografici (Berenice procura) e televisivi. Intervistata recentemente da Vogue, ha sottolineato: «Ci stiamo battendo per un mondo più giusto. Penso che, seppur molto lentamente, stiamo facendo passi avanti. Per esempio, l’Organizzazione mondiale della salute ha di recente tolto la transessualità dalla lista delle malattie: assurdo che non fosse stato fatto prima. È una grande vittoria per la popolazione trans di tutto il mondo».

 



© RIPRODUZIONE RISERVATA