Video/ Juventus A-Juventus B (3-1): gol e highlights, bagno di folla a Villar Perosa

- Stefano Belli

Video Juventus A-Juventus B (risultato finale 3-1): Paulo Dybala e Juan Cuadrado grandi protagonisti della tradizionale amichevole di Villar Perosa con tanto di invasione di campo.

Cuadrado_tiro_Juventus_Villar_Perosa_lapresse_2017
Juan Cuadrado (Foto LaPresse)

È durata soltanto 50 minuti l’amichevole Juventus A-Juventus B che si è conclusa – come potete vedere nel video con i gol e gli highlights – con l’invasione di campo dei tifosi bianconeri quando il punteggio era di 3-1 in favore della formazione diretta da Maurizio Sarri. Come ogni anno, a Villar Perosa, residenza estiva della famiglia Agnelli che ci tiene tantissimo a questo classico appuntamento che caratterizza la pre-season della Vecchia Signora, i campioni d’Italia ricevono l’abbraccio affettuoso della loro gente, anche se non è stato possibile vedere all’opera Cristiano Ronaldo e Matthijs De Ligt, entrambi tenuti a riposo per affaticamento muscolare. A entusiasmare il pubblico ci ha pensato Paulo Dybala con una doppietta nel primo tempo, l’argentino è stato tutta l’estate con le valigie pronte ma alla fine con ogni probabilità rimarrà a Torino e potrebbe rivelarsi una pedina fondamentale nella corsa al triplete che ormai sta diventando un vero e proprio tabù. Il numero 10 ha sbloccato la contesa con un calcio di rigore che lui stesso si è procurato quando, avvicinandosi verso la porta di Siano, ha costretto Riccio a commettere fallo dentro l’area. I ragazzi della Primavera, sotto la guida di Lamberto Zauli, sono persino riusciti a pareggiare i conti con l’autogol di Demiral che nel tentativo di intercettare il cross di Bandeira, calcola malissimo la traiettoria del pallone che finisce nella porta sbagliata, alle spalle di Szczesny che aveva preso da poco il posto tra i pali di Buffon. Poco prima dell’intervallo rimette le cose a posto, poi nella ripresa Cuadrado fa in tempo a segnare con il tacco, dopodiché gli steward non riescono più a contenere l’entusiasmo degli spettatori che così irrompono il terreno di gioco mettendo la parola fine alle “ostilità”. Per ottenere qualche indicazione in più sullo stato di forma degli uomini di Sarri bisognerà aspettare l’ultimo test-match prima dell’inizio del campionato in programma sabato prossimo contro la Triestina, dove con ogni probabilità si giocheranno tutti i novanta minuti.

VIDEO JUVENTUS A-JUVENTUS B 3-1, LE DICHIARAZIONI

Anche se non si tratta di una gara ufficiale, l’amichevole di Villar Perosa è uno degli appuntamenti più sentiti per la famiglia Agnelli, come testimoniano le affermazioni di John Elkann: “È bello essere qui con Andrea e tutti i parenti anche quest’anno, è un momento di grande festa per il popolo juventino, è importante che Sarri si senta a casa e capisca cosa voglia dire far parte di un club prestigioso e ricco di storia come il nostro. È la persona giusta per regalarci nuove vittorie attraverso il bel gioco, è contento dell’ambiente che ha trovato e noi faremo di tutto per consentirgli di svolgere il suo lavoro nel migliore dei modi”. Non poteva mancare l’intervento dello Chief Football Officer della Juventus, Fabio Paratici: “Come tutti i giorni durante le sessioni di mercato il mio telefono squilla in continuazione, di chiacchiere se ne fanno tante, di affari un po’ meno, del resto i soldi non sono illimitati. Siamo comunque fiduciosi per il futuro, per quanto riguarda i giocatori in esubero non ci sono elementi più vicini o lontani dalla cessione. C’è una lista su cui né io né il mister abbiamo potere, purtroppo la UEFA ci impone un numero limitato giocatori da portare in Champions e purtroppo dovremo compiere delle scelte dolorose. Abbiamo una rosa di grandissimo livello ed elevato spessore umano, tra le migliori al mondo, se poi ci sarà la possibilità di migliorarla ulteriormente cercheremo di sfruttarla. Non posso assolutamente lamentarmi di Dybala, Mandzukic e Higuain che sono tre grandi campioni. Non mi sorprende Sarri alla Juve, nemmeno Conte all’Inter. Il confronto tra Sarri e Agnelli? Ogni allenatore ha il suo stile di gioco, da parte mia posso solo ringraziare Max per gli splendidi cinque anni che ci ha regalato e per i titoli che ci ha aiutato a vincere”.



© RIPRODUZIONE RISERVATA