Yari Carrisi e la compagna Thea/ “Come Al Bano e Romina? Loro sono potenza pura”

- Davide Giancristofaro Alberti

Yari Carris e la fidanzata Thea si sono raccontati ai microfoni del Corriere della Sera, parlando del loro amore, e anche di Al Bano e Romina Power, i genitori di lui

yari_carrisi_storie_vere_2017
Yari Carrisi a Storie Vere

Yari Carrisi e la fidanzata Thea si esibiranno il prossimo 2 ottobre a Otranto, al Faro di Punta Palascia, per un “concerto spirituale” in attesa dell’alba lunare: lui suonerà chitarra, tambura, harmonium indiano e voce, mentre lei harmonium, campane tibetane e voce, e si esibiranno nel mantra dell’Himalaya e in canzoni della cultura Peace Love Meditation. Impossibile non fare i paragoni con i genitori di lui, Al Bano e Romina Power: “Mio padre e mia madre – racconta Yari ai microfoni del Corriere della Sera in data 26 settembre – sono stati una coppia talmente potente, powerful, per usare il cognome di lei, che è difficile uscire fuori da quella luce. Sono il simbolo della coppia e chi vuole trovare una somiglianza con noi si ritrova una strada asfaltata”. Thea interviene: “La storia che hanno avuto i suoi genitori è un dono, quindi è bello poter essere loro amici”. Un amore nato su internet quello fra i due, con Yari Carrisi che ha iniziato a cercare persone sul web per un suo progetto speciale, trovando appunto Thea: “Ho aspettato che venisse per un concerto in Puglia e sono andato a sentirla con mia madre”. Così la compagna, che narra di un amore a prima vista: “Di Yari non sapevo nulla, non ho la tv a casa e non la guardo mai. E invece al secondo incontro mi sono trasferita da lui a Otranto. Mi ha chiesto: tu cosa vuoi fare? E io ho risposto: voglio vivere con te”.

YARI CARRISI E THE: “NOI COME AL BANO E ROMINA? MA SOLO AL PERIODO ANNI 60-70…”

Yari Carrisi e Thea come Al Bano e Romina? Per Carrisi junior il paragone potrebbe starci ma solo al periodo prima di di Felicità: “Quando tra loro c’era collaborazione vera – racconta ancora lo stesso – scrivevano pezzi insieme, musica di alta qualità che in Italia non ha mai preso piede, ma all’estero sì: penso ad album come Atto I, 1978, Aria pura. Erano dei veri spiriti liberi”. Yari Carrisi racconta di aver preso dal padre la miopia (scherza ndr) ma “dovrei dire anche la voce. Durante un concerto mi prese in contropiede dicendomi che avrei potuto fare le stesse cose che fa lui… Era un bel complimento. Da mia madre l’inglese shakespeariano”. Il sogno della coppia è quello di cantare con il mitico duo: “Stiamo aspettando di trovare il pezzo giusto – specifica Yari – che ci veda coinvolti anima e cuore, al di là di un ritornello”, e Thea aggiunge: “Con Romina abbiamo già cantato insieme Don’t Worry, Be Happy: un testo spensierato con un messaggio spirituale. Per noi è importante utilizzare, in senso buono, la nostra unione per trasmettere un messaggio che alzi il livello di coscienza degli altri”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA