BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

SCIOPERO/ Lunedì 10 novembre fermi i trasporti pubblici

A causa dello sciopero nazionale indetto dai sindacati confederali. Fasce garantite a Milano e Roma

Metropolitana_serrandaR375_24sett08.jpg (Foto)

Autobus, tram e metrò a rischio lunedì 10 novembre per lo sciopero nazionale del trasporto pubblico indetto da Filt-Cgil, Fit-Cisl, Uilt-Uil, Ors, Cisal, Ugl e Fast.

Le modalità di adesione previste per il trasporto pubblico variano da città a città. A Milano, il servizio di metro, bus e tram sarà garantito al mattino fino alle 8,45 e dalle 15 alle 18. Per la linea funicolare Como-Brunate, corse sicure fino alle 8,30 e dalle 16,30 alle 19,30.

Per minimizzare i disagi di chi si muoverà con i mezzi pubblici, ATM attiverà come di consueto il servizio di Infomobilità. I livelli di servizio per il trasporto di superficie e nelle metropolitane saranno comunicati in tempo reale attraverso annunci sonori, messaggi sui display delle 5000 paline e pensiline di fermata e sui video presenti nelle stazioni del metrò e a bordo dei bus. Costantemente aggiornate le emittenti radiofoniche.

Atm garantirà il servizio dal mattino fino alle 8:45 e dalle 15:00 alle 18:00. Maggiori informazioni e dettagli sono disponibili al numero verde 800-808181 (operativo dalle 7:30 alle 19:30) e sul sito www.atm-mi.it

A Roma e nel Lazio, i trasporti nelle ore in cui si muovono studenti e pendolari saranno garantiti: le corse di bus urbani  ed extraurbani, filobus, tram, metropolitane e le ferrovie regionali per Ostia, Civitacastellana-Viterbo e Giardinetti partiranno sino alle 8:29 e dalle 17:01 alle 19:59.   

Dalle 8.30 alle 17:00 e dalle 20:00 al termine del servizio diurno non sarà garantito il servizio.

A rischio poi, nella notte tra lunedì 10 e martedì 11, anche il trasporto notturno.

Maggiori informazioni sul sito www.atac.roma.it

© Riproduzione Riservata.