BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

ISLAM/ La battaglia per Santa Sofia: diventerà una moschea?

Il Parlamento ha avviato una discussione per trasformare nuovamente la storica basilica di Santa Sofia di Trebisonda, sul Mar Nero, a Istanbul in moschea. La chiesa ortodossa si oppone

Una visione di Istanbul (Foto: Infophoto) Una visione di Istanbul (Foto: Infophoto)

Da qualche settimana si è sparsa la voce e in Turchia non si parla d’altro: il Parlamento ha avviato una discussione per trasformare nuovamente la storica basilica di Santa Sofia di Trebisonda, sul Mar Nero, a Istanbul in moschea. È da più di un mese che è iniziato l’esame da parte della Grande Assemblea di Ankara di una petizione che chiede l'uso come luogo di preghiera islamico anche dei uno dei monumenti più celebri della metropoli del Bosforo, oggi museo. La basilica di Trabzon, costruita attorno al 1200, era stata trasformata già in moschea dopo che la capitale dell’allora impero cristiano del Mar Nero fondato da Alessio Comneno era caduta nella mani delle forze ottomane nel 1461. Negli anni 1960 è stata trasformata in museo, come l’omonima basilica di Istanbul. L’interno della chiesa è interamente affrescato da scene del Nuovo e del Vecchio testamento, considerate preziosi capolavori di arte bizantina. Gli affreschi, coperti di intonaco quando l’edificio venne adibito a moschea, sono stati ritrovati e restaurati dopo la trasformazione in museo. Continua a pieno regime, dunque, come scrivono i giornali locali, l’islamizzazione del paese avviata dal premier Recep Tayyip Erdogan. L'opposizione laica accusa il premier di avere un piano di re-islamizzazione del Paese. A dimostrarlo, secondo quanto scrive il quotidiano Milliyet è il fatto che nei 10 anni di governo Erdogan sono state costruite in Turchia 17mila nuove moschee. La riconversione segue quella già attuata per la chiesa di Haghia Sophia di Nicea, diventata un museo locale, mentre oggi si parla del progetto per riconvertire quella di Trabzon, nonostante da qualche anno avesse espresso una ferma opposizione il patriarca greco ortodosso Bartolomeo I. La sua posizione non è cambiata:”Vogliamo che Santa Sofia rimanga un museo. È stata una chiesa cristiana per oltre un millennio”, ha detto Bartolomeo, intervistato da Milliyet, uno dei maggiori quotidiani turchi. “Se deve essere riaperta al culto, ha aggiunto, allora dovrebbe essere di nuovo una chiesa cristiana, dato che è stata costruita per essere una chiesa non una moschea”. Trabzon, nell’estremo nord-est della Turchia, è abitata da una popolazione di quasi 300 mila abitanti. Di questi poche decine sono cristiani. Il 5 febbraio 2006 è stato assassinato il sacerdote italiano Andrea Santoro ad opera di un giovane nazionalista islamico.

© Riproduzione Riservata.