AUTORI / Francesco Chiari

Francesco Chiari, nato a Bergamo nel 1959 si è laureato in lettere presso l’Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano e in musicologia presso l’Università di Pavia. Insegna materie letterarie e latino presso il Liceo Linguistico “Simone Weil” di Treviglio. Come giornalista ha collaborato con “L’eco di Bergamo”, mentre collabora attualmente con “Il Popolo Cattolico”. È direttore responsabile delle due riviste edite dalla SIdMA (Società Italiana di Musicologia Afroamericana): Jam Session (didattica musicale) e Ring Shout (ricerca musicologica). Tra le sue ultime pubblicazioni: “Cultura jazz e pop: prospettive differenti. Una lettura di Shake, Rattle and Roll’, in “Ring Shout”, rivista di studi musicali afroamericani, Ed SIdMA, volume 3, anno III, 2004. Francesco Chiari was born in Bergamo in 1959. He graduated in Letters from the Catholic University of Sacred Heart of Milan and in Musicology from the University of Pavia. He teaches Literature and Latin at the “Simone Weil" Modern Language School in Treviglio. He is the managing editor of two magazines published by the SIdMA (Italian Society of African American Musicology): Jam Session and Ring Shout. Feed Rss

TUTTI GLI ARTICOLI

IVAN GRAZIANI/ Perché ci siamo dimenticati di lui?

A tredici anni dalla morte è ancora difficile inquadrare un talento come Ivan Graziani nella storia della musica italiana: troppo musicista per un’epoca di cantautori parolai, rocker come Vasco Rossi, ma senza il suo carisma animale, fine autore di testi, ma senza le sbrodolature. Il racconto di FRANCESCO CHIARI

MICHEL PETRUCCIANI/ Cercando la bellezza tra i tasti di un pianoforte

A dieci anni dalla scomparsa, FRANCESCO CHIARI ricorda Michel Petrucciani, pianista jazz malato da osteogenensis imperfecta, comunemente conosciuta come la "malattia delle ossa di vetro", che ne bloccò la crescita, ma da cui non si fece mai dominare. Un artista che, contro ogni previsione e pessimismo, ha sempre aspirato alla bellezza, donandosi al suo pubblico con tutte le sue forze