AUTORI / Marta Dell’Asta

Marta Carletti Dell’Asta, nata a Varese nel 1953, si è laureata in lingua e letteratura russa all’Università Cattolica di Milano, nel 1977. Lo stesso anno è entrata come ricercatrice presso la Fondazione Russia Cristiana, dove si è specializzata sulle tematiche del dissenso e della politica religiosa dello Stato sovietico. Pubblicista dal 1985, è direttore responsabile della rivista della Fondazione, «La Nuova Europa»; ha al suo attivo numerosi articoli e traduzioni di testi dal russo. Nel 1999 ha scritto una biografia del gesuita italiano Pietro Leoni, nel 2003 ha pubblicato la storia del dissenso Una via per incominciare. Attualmente sta lavorando ad una storia dei campi di concentramento sovietici. Marta Carletti Dell’Asta, born in Varese in 1953, graduated in Russian Language and Literature from the Catholic University of Milan in 1977. She became a researcher for the Russian Christian Foundation, where she specialized in dissent and religious politics of the Soviet Union. She has been a publicist since 1985, and is now the Director of the magazine of the Foundation, “La Nuova Europa” (“The New Europe”). She has written numerous articles and has done many translations from Russian. In 1999, she wrote the biography of the Italian Jesuit Pietro Leoni. She is currently working on the history of Soviet concentration camps. Feed Rss

TUTTI GLI ARTICOLI

Scelte di vita...

In Russia, da 18 anni, l'Associazione Memorial cerca di educare gli studenti a recuperare una posizione difronte a un passato contraddittorio. MARTA DELL'ASTA

La rivoluzione del bisnonno

Un certo signor Denis Karagodin di Tomsk in Siberia si è messo a indagare nel passato del bisnonno, un contadino fucilato nel 1938. Una ricerca dagli sviluppi imprevisti. MARTA DELL'ASTA

La memoria, il nemico del potere

Quello della lettura pubblica dei nomi dei fucilati, il 29 ottobre, è ormai un "rito civile" affermatosi in Russia da dieci anni. Un vero riscatto della memoria. MARTA DELL'ASTA

Questione di felicità

C'è una guerra orami dimenticata che fa ancora vittime, quella in Ucraina. MARTA DELL'ASTA ci parla di associazioni e volontari che si occupano dei bambini "della speranza"

Di cosa vive l'uomo?

Nessuno sa in chi o cosa credeva lo studente bengalese Faraaz Hossain che si è sacrificato per i suoi amici, ma il suo esempio ricorda tanti martiri cristiani. MARTA DELL'ASTA

Valentina e l'esercito

In Russia i tagli alla spesa stanno colpendo pesantemente in tutti i campi. E' arrivato il turno di libri e biblioteche. Ma qualcuno non ci sta e la società risponde. MARTA DELL'ASTA

Occorre un fascino più grande

L'idea di un "recinto di protezione" con cui tenere lontani i rischi del confronto, o i nemici di ogni risma, è trasversale a tutta la società russa. Vale persino per Checov. MARTA DELL'ASTA

La menzogna e la fede

Non solo i grandi del mondo, i politici e i giornali, ma anche nella Chiesa si verificano casi di menzogna e mancanza di rispetto per la gente. E i cristiani cosa fanno? MARTA DELL'ASTA

Chi ci dà il diritto di indignarci?

In Russia la mentalità è che ad ogni sopruso e violenza ci si sente in diritto di reagire con gli stessi mezzi. Ma qualcuno ha il coraggio di scegliere diversamente. MARTA DELL'ASTA

Fare il bene per legge?

Se, invece di farci scudo del potere nell'attesa di una rapida e facile vittoria, fossimo disposti al più lungo e impegnativo percorso della responsabilità personale? MARTA DELL'ASTA

La corazzata Potjomkin

Il continuo ripetersi di una visione in bianco e nero, l'eterno ritorno del manicheismo storico che mette tutte le colpe da una sola parte impediscono la riconciliazione. MARTA DELL'ASTA

La Chiesa che non si difende

In Russia sono volate scintille tra due campi che paiono non avere possibilità di dialogo. Laici contro la Chiesa ortodossa, Chiesa contro laici. Il commento di MARTA DELL'ASTA

Ucraina, la "parola magica"

I russi in questi giorni pensano tutti alla stessa cosa: quel 9 maggio che segna la vittoria su Hitler. Il fatto è che oggi in Russia è sempre colpa di qualcun altro. MARTA DELL'ASTA

Conformisti o importuni

In passato si poteva pensare che l'origine del conformismo sociale fosse il terrore, ma oggi ci si accorge che non è più necessario nemmeno quello. MARTA DELL'ASTA

Russia, tra le barricate e la fuga

E' possibile che, dopo l'omicidio dell'oppositore Boris Nemtsov, in Russia si assista a una sorta di rivoluzione arancione vista a Kiev sul Majdan nel 2004? Il commento di MARTA DELL'ASTA

Leviathan e il moralismo

Si parla anche in Occidente di un film russo che sta facendo incetta di premi. Si intitola "Leviathan" ed è del regista Andrej Zvjagincev. E' diventato un caso. MARTA DELL'ASTA

Quando le idee oscurano i volti

Dov'è finita la generazione scesa in piazza a Mosca nel '91, per difendere la libertà dei Paesi baltici? Spesso, per individuare la "parte giusta", dimentichiamo noi stessi. MARTA DELL'ASTA

Putin a Milano e i miracoli a Mosca

Se, come si dice, un paese ha i governanti che si merita, com'è la Russia che si esprime in Putin? All'autoritarismo e allo statalismo fanno da contrappeso diverse novità. MARTA DELL'ASTA

Un "io" a Mosca

La Russia sta scivolando su una china pericolosa con moto accelerato. Tutti gli indicatori sono negativi, la propaganda detta legge. Eppure, ricominciare è possibile. MARTA DELL'ASTA

La Russia e il parmigiano

MARTA DELL'ASTA e le sanzioni dell'Occidente a danno della Russia si fanno sentire pesantemente sul cibo a disposizione della popolazione. Ma è anche un problema culturale

Si può non essere di parte?

La guerra pone di fronte alla scelta se essere uomini o non esserlo. Questa scelta così radicalmente personale, si ripresenta oggi a ciascuno, in Russia e in Ucraina. MARTA DELL'ASTA

Voto e perdono in Ucraina

Il nuovo presidente ucraino, Petr Porošenko è stato eletto al primo turno col 54% dei voti. Cosa sta cambiando nel paese che ha la guerra ai confini orientali? MARTA DELL'ASTA

Ucraina, tra piazza e speranza

Vogliamo sperare in quell'anomalia che la situazione ucraina conserva rispetto ad altre proteste di piazza: lo spazio centrale occupato dal luogo di preghiera sul Maidan. MARTA DELL'ASTA