AUTORI / Roberto Albonetti

Roberto Albonetti, nato nel 1963, laureato in Giurisprudenza. Dal 2013 direttore generale Attività produttive, ricerca e innovazione di Regione Lombardia. In precedenza, dal 2010, capo della Direzione generale Famiglia, Conciliazione, Integrazione e Solidarietà Sociale della Regione Lombardia, dopo essere stato per cinque anni direttore generale per l'Istruzione e la formazione. È stato anche presidente del Cefass - Centro europeo di formazione per affari sociali e sanità pubblica. Nel 1988 e 1989 è stato capo della segreteria del sottosegretariato del Ministero dell'Industria, commercio e artigianato. Dal 1992 al 94 è stato direttore dei rapporti istituzionali di Confcommercio, di cui è stato dirigente dal 1988 al 1991. Dal 1999 al 2004 è stato segretario della Fondazione Alma Mater (Università di Bologna), nel 1998-99 direttore comunicazioni e relazioni esterne di Technogym Spa, nel 1996 e 1997 direttore marketing della Rizzoli Ortopedia e dal 1990 al 1996 direttore di Federcarni. Le sue principali aree di competenza sono le Pmi, la formazione professionale, universitaria e post-lauream, il Fondo sociale europeo, la gestione di partnership internazionali. Feed Rss

TUTTI GLI ARTICOLI

PIANO BRUNETTA/ Un buon esempio di nuova gestione della PA: la trasformazione delle università in fondazioni

Si conclude, con il terzo e ultimo contributo, la disamina del piano Brunetta, fatta per ilsussidiario.net da ROBERTO ALBONETTI, presidente di Cefass. La possibilità per gli atenei di trasformarsi in fondazioni (proposta recepita nel decreto 112) rappresenta un modello virtuoso che può creare un effetto domino per una nuovo modo di concepire la pubblica amministrazione. All'interno, i precedenti interventi. Domani su ilsussidiario.net l’intervista al ministro Renato Brunetta

PIANO BRUNETTA/ Una politica thatcheriana, ma solo in parte. Ecco cosa manca alla riforma della PA

Prosegue, con il secondo contributo, la disamina del piano Brunetta, fatta per ilsussidiario.net da ROBERTO ALBONETTI, presidente di Cefass. Brunetta, con operazioni di buon senso, recupera aspetti della politica thatcheriana, ma dimentica che quella era accompagnata da una privatizzazione dei servizi. Il secondo grave difetto del piano dei tagli è che lo si vuole applicare in maniera omogenea in tutta Italia a discapito delle aree virtuose. All'interno, il precedente intervento sul Piano Brunetta

PIANO BRUNETTA/ Oltre la retorica dei fannulloni cosa cambierà davvero?

Prosegue, con il secondo contributo, la disamina del piano Brunetta, fatta per ilsussidiario.net da ROBERTO ALBONETTI, presidente di Cefass. Brunetta, con operazioni di buon senso, recupera aspetti della politica thatcheriana, ma dimentica che quella era accompagnata da una privatizzazione dei servizi. Il secondo grave difetto del piano dei tagli è che lo si vuole applicare in maniera omogenea in tutta Italia a discapito delle aree virtuose. All'interno, il precedente intervento sul Piano Brunetta

ISTRUZIONE/ Servono autonomia e valutazione? Londra e Milano fanno scuola

Continua l’indagine de ilsussidiario.net sui diversi modelli di autonomia scolastica. Il sistema lombardo, secondo ROBERTO ALBONETTI (Direttore generale Istruzione, Formazione e Lavoro della regione Lombardia), è un esempio efficace di applicazione dell’autonomia in Italia. Il contributo di GIACOMO ZAGARDO (ricercatore Isfol) analizza il caso delle "Trust School" inglesi. All'interno, gli interventi di Luisa Ribolzi e Tiziana Pedrizzi sulle "charter school" americane