Achille Lauro/ “Contratto con Amazon Prime è arte non marketing, ecco cosa farò”

- Davide Giancristofaro Alberti

Achille Lauro ha stretto un accordo con Amazon Prime, un overall deal attraverso cui l’azienda di Bezos gestierà il brand dell’artista italiano

Achille Lauro
Achille Lauro a Sanremo (LaPresse)

Achille Lauro ha firmato un importante contratto con Amazon Prime, un cosiddetto “overall deal”, vendendo il proprio brand alla piattaforma di Jeff Bezos. L’artista è quindi passato nel giro di pochi anni da emergente nel mondo del rap e della trap, a stella e imprenditore di successo: “Il mio modus operandi? Quello delle aziende di successo – racconta il cantante in un’intervista a MoltoFuturo – le stesse che vedono in noi artisti un brand con un’identità forte e ben definita. Sono un marchio? Achille Lauro in effetti è un progetto dietro a cui lavorano tante persone, dove nulla è lasciato al caso. Io ho seguito e seguo ogni passo curandone ogni dettaglio”.

Secondo Achille Lauro non serve la scuola per diventare un imprenditore: “Cosa serve? Fermarsi costantemente. non si può andare alla cieca: bisogna essere preparati e circondarsi di gente altrettanto preparata. Io come faccio? Stando attento a quello che succede, ora, ad esempio, è il momento degli NFT. Siamo di fronte ad una rivoluzione, abbiamo visto crollare il mondo della musica e dei giusti compensi a chi lavora alla composizione di brani. Abbiamo seguito la tecnologia che ha rotto tutte le catene di retribuzione precedenti. Penso sempre però che tutto abbia un senso”. E ancora: “Introdurremo nel mercato musicale nuove e innovative forme di business in favore degli artisti che spesso basano le proprie economie solo sulla discografia. Gli NFT potrebbero essere una chiave di volta impressionante, ci credo molto”.

ACHILLE LAURO E AMAZON PRIME: “LA MODA? UN PASSO CHE MI INTERESSA”

Ma l’accordo con Amazon Prime è più marketing o arte? “Non è un progetto basato sul marketing – replica il cantante nato a Verona – ma sulle idee e sulla creatività. Cosa prevede il contratto? La produzione di contenuti d’intrattenimento, filmografia, serie, documentari e format streaming. Ho cominciato questa collaborazione con la produzione di colonne sonore, inediti e la partecipazione al film “Anni da Cane”.

Ma cosa vedono i brand in lui? “Dovremmo chiederlo a loro, penso apprezzino il mio gusto e il mio modo di fare musica. Ho una personalità chiara quando mi esprimo”. I suoi look estrosi, le sue trasformazioni iconiche a Sanremo e la collaborazione con Gucci, Achille Lauro sembra pronto per l’ingresso nel mondo della moda a più pari: “In questi anni ho affinato molto il mio occhio sul mondo dell’high fashion – dice a riguardo – ho fatto molta ricerca, è un passo che mi interessa fare, ma lascio parlare il tempo”.



© RIPRODUZIONE RISERVATA