ADRIANO PANZIRONI/ Video Le Iene: “Testimoni di Life 120 dicevano falsità”

- Silvana Palazzo

Le Iene si occupano di nuovo di Adriano Panzironi: video. Parla un ex collaboratore che spiega cosa si celerebbe realmente dietro le testimonianze di presunti pazienti

adriano panzironi iene
Adriano Panzironi a Le Iene

L’inchiesta de Le Iene su Adriano Panzironi accende i riflettori sul business della dieta Life 120. Un ex collaboratore ha vuotato il sacco e, dopo aver parlato di «pillole vendute in nero» e di «pazienti mai sottoposti ad analisi», si è soffermato sulle consulenze telefoniche del sistema Panzironi; una paziente aveva denunciato di «soffrire di cervicale, forte mal di testa ed ansia. Sto assumendo da 3 giorni gli “Orac” “Stress killer” e melatonina ma sono preoccupato, è possibile che i miei sintomi sono peggiorati?», questa la replica ricevuta: «Può capitare». E l’ex collaboratore di Adriano Panzironi aggiunge poco dopo: «Se ne fregano di quello che gli dice la gente. Altri gli dicevano “ho 300 di colesterolo”, loro gli dicono: “E’ normale”. Cioè qui secondo me tra un po’ ci inizia a scappare il morto…». (Aggiornamento di Massimo Balsamo)

ADRIANO PANZIRONI, EX COLLABORATORE: “PAZIENTI? MAI NESSUNA ANALISI”

Adriano Panzironi non lo ferma nessuno. E Le Iene riaccendono i riflettori sul presunto passato da immobiliarista poco chiaro del giornalista che grazie a Life 120 ha cambiato la vita di tante persone ma soprattutto la sua. Proprio dopo le indagini avviate dal programma di Italia 1 le autorità si sono mosse prendendo poi diversi provvedimenti nei confronti di Panzironi. Ora, un suo ex collaboratore ha raccontato ad Andrea Agresti l’inizio di tutto: dalle prime pillole realizzate e vendute a nero, alla crescita degli ordini. E dopo Life 120 Inc. con sede a Miami Panzironi aprì anche Life 120 Romania per evitare problemi a causa dei controlli. Ed in Italia le pillole sarebbero state rivendute tramite un sito, ovviamente, secondo il collaboratore, sempre tutto in nero, dal 2014 al 2017. “Solo a giugno 2017 abbiamo iniziato a fare le ricevute fiscali. Quando c’ero io facevano 12, 13 milioni di euro l’anno solo di pillole”, ha aggiunto, lasciando comprendere la vera miniera d’oro realizzata da Panzironi. Ma cosa ha raccontato invece delle testimonianze di coloro che andavano in tv? “Non esistevano né cartelle cliniche né analisi”, ha asserito ancora il collaboratore, “I testimoni andavano in trasmissione e dicevano quello che volevano. Praticamente ti facevi una vacanza gratis a Roma perché era tutto pagato”. (Aggiornamento di Emanuela Longo)

“PILLOLE LIFE 120 VENDUTE IN NERO”

Le ultime furbizie di Adriano Panzironi”, questo il titolo del nuovo servizio de “Le Iene” sul “guru” di Life 120. Dopo aver ripercorso le varie tappe della vicenda, che si è aperta due anni fa con i primi servizi, l’inviato Andrea Agresti torna alla carica. Il Ministero gli impone la scritta a scorrimento in sottopancia in cui deve spiegare che le sue teorie non sono supportate da evidenze scientifiche? Lui opta per un sottopancia minuscolo la cui scritta scorre anche abbastanza rapidamente, rendendo difficile la lettura. E sopra fa scorrere un’altra frase, più lenta e grande, quindi più leggibile. Ma più grave è l’accusa rivolta da un uomo che ha lavorato con Adriano Panzironi: per 3 anni avrebbe venduto pillole in nero. «Prendeva 10 capsule, ci metteva la polverina dentro, poi con questa faceva “trac” e aveva fatto 10 pillole. E ha cominciato a venderle così, in nero». Visto il successo, ha fondato Life 120 Inc. con sede a Miami, facendosi fare le pillole da un’azienda americana. Poi ha scelto la Romania, per paura dei controlli americani. Ma di questi ordini, dal 2014 al 2017, non esiste ricevuta fiscale. Solo dal 2017 hanno cominciato a fare le ricevute fiscali. Ma “Le Iene” ha acceso i riflettori anche sul suo passato da immobiliarista: per 10 anni avrebbe riscosso affitti di case di cui non ha mai pagato i mutui. (agg. di Silvana Palazzo)

LE IENE SU ADRIANO PANZIRONI: AFFITTI IN NERO PRIMA DI LIFE 120?

Adriano Panzironi torna in tv, ma non per promuovere la sua dieta “Life 120”, il metodo con cui promette di guarire da ogni male e far vivere fino a 120 anni. Il “guru” è finito nuovamente nel mirino de “Le Iene”, infatti il programma ha realizzato un nuovo servizio. A firmarlo è l’inviato Andrea Agresti, che in un certo senso risponde così anche a quanto dichiarato da Adriano Panzironi nel salotto di Barbara D’Urso. «Sembra che non abbiano più niente da dire», disse dopo che la conduttrice mostrò uno dei vari servizi realizzati su di lui dalla trasmissione. E invece qualcosa da dire ce l’ha, come si evincerà dal filmato che andrà in onda nella puntata di stasera. A quanto pare sono tante le cose che “Le Iene” ha da dire. A partire dal passato di Adriano Panzironi. Cosa faceva prima di diventare il “guru” con le sue pillole Life 120? Si parla anche di presunti affitti in nero all’inizio della sua “scalata”. C’è una fonte che ha parlato ad Andrea Agresti di un passato da immobiliarista di Adriano Panzironi.

LE IENE SU ADRIANO PANZIRONI: IL PASSATO DA IMMOBILIARISTA

Le ombre su Adriano Panzironi non riguardano solo la dieta “Life 120” e gli integratori che vende, ma anche il suo passato. Lo rivela “Le Iene”, che parla di aspetti poco chiari riguardo la precedente attività di immobiliarista. L’inviato Andrea Agresti si è allora presentato da Adriano Panzironi per chiedere di fare chiarezza sui nuovi aspetti che sono emersi di recente. Ad esempio, gli chiedono dei presunti affitti in nero che avrebbe preso da alcuni appartamenti ad Anzio. «È vero che lei ha comprato delle case all’asta con un mutuo e questo mutuo non l’ha mai pagato?», gli chiede la Iena, come si evince dal video di anticipazione del servizio che andrà in onda oggi, domenica 27 ottobre 2019. «Nel frattempo però aveva le persone dentro, dalle quali prendeva gli affitti in nero. Questo corrisponde a verità?», incalza poi Andrea Agresti. «Si faceva pagare in contanti, 500-600 euro». Ma lui ignora le domande e si limita a chiedere: «Non si vergogna di fare questo lavoro?», e poi via in ascensore.



© RIPRODUZIONE RISERVATA