AGOSTINO PENNA È ANDREA BOCELLI/ “Il suo timbro non c’era” (Tale e Quale Show)

- Morgan K. Barraco

Agostino Penna è Andrea Bocelli, Tale e Quale Show 2019 – Il Torneo: il campione si confronta con il grande tenore, ma non va proprio bene.

Tale e Quale Show - Il torneo
Nella terza puntata di Tale e Quale Show - Il torneo Agostino Penno sarà Andrea Bocelli

Nell’ultima puntata di Tale e Quale Show, Agostino Penna imita un Andrea Bocelli un pochino in carne. Non convince più di tanto il look, anche se l’impegno c’è stato e si nota tutto. Quanto alla voce, questa risulta simile solo nelle parti alte. Sergio Castellitto: “Apprezzabile lo straordinario coraggio nell’interfacciarsi a un personaggio del genere. Hai riproposto bene la sua compostezza”. Gigi Proietti: “La sua voce, come timbro, è più scura. Esecuzione straordinaria, ma su questo c’è poco da fare”. La voce di Bocelli, in effetti, è un vero prezzo unico. Loretta Goggi: “Padronissimo delle sue corde vocali, però il tipico timbro di Andrea non c’era”. Giorgio Panariello: “Conosco bene Bocelli, questa non era la sua voce. Lui, comunque, è un grande cantante”. (agg. di Rossella Pastore)

Agostino Penna, imitare Andrea Bocelli impresa impossibile?

Una nuova impresa per Agostino Penna, proprio in dirittura d’arrivo e per la finale di Tale e Quale Show 2019 – Il Torneo. Questa sera, il concorrente dovrà interpretare una delle voci più conosciute e forse difficili della musica italiana: Andrea Bocelli. Anche in questo caso, come è già accaduto in appuntamenti precedenti, Penna ha deciso di condividere sui social uno scatto con il celebre tenore. L’occasione che li ha visti l’uno affianco all’altro è particolare: “L’onore di essere col grande Andrea Bocelli nel giorno dell’attribuzione della Stella sulla Walk of Fame di Hollywood nel 2010… e questo venerdì il privilegio di omaggiarlo nell’ultima del torneo di Tale e Quale Show”. Clicca qui per guardare la foto di Agostino Penna e Andrea Bocelli. La voce del tenore rientra di sicuro nelle corde del concorrente, che ha già dimostrato di avere delle qualità importanti in ambito canoro. Purtroppo la classifica generale lo vede fin troppo distante dal primo posto e ci sono forti possibilità che rimanga addirittura all’esterno del podio. Intanto Penna festeggia un altro traguardo: il riconoscimento speciale che il sindaco di Contrada (AV), Pasquale De Santis, ha voluto consegnargli per la sua vittoria nel talent di Carlo Conti. “Un’occasione per me ulteriormente emozionante per la presenza della mia famiglia e dei tanti cari amici che ho avuto il piacere di riabbracciare”, ha scritto. Clicca qui per leggere il post di Agostino Penna e guardare la foto.

Agostino Penna: il clamoroso crollo con Eduardo De Crescenzo

Crollo clamoroso per Agostino Penna nella precedente puntata di Tale e Quale Show 2019 – Il Torneo. Il campione di quest’anno non è riuscito a convincere del tutto la giuria con il suo Eduardo De Crescenzo, che gli ha regalato alla fine solo un sesto posto nella classifica della serata e con un totale di 53 punti. Ancora non è di certo il brano che ha permesso ad Agostino di riscuotere il solito successo, anche se consideriamo le sue performance dal punto di vista della classifica generale. 110 punti e anche in questo caso una quinta posizione che permette al concorrente di distanziare di un solo punto Roberta Bonanno.

Purtroppo ci sono invece ancora 22 punti di differenza con il campione in testa Antonio Mezzancella. “Bravissimo, la vocalità sua stupenda e anche quella maniera di fare questa canzone con le mani dietro… Veramente bravo, soprattutto i finali. Io ti aspettavo lì”, ha detto l’ospite Rita Pavone. “Oramai ci ha abituato a grandi performance. Questa è un’altra di quelle importanti, anche se io ho trovato altre sue cose precedenti molto più forti di questa, nonostante la bravura”, ha detto invece Loretta Goggi, sollevando un mormorio fra i presenti. D’accordo anche Vincenzo Salemme, che ha sottolineato come il concorrente non sia riuscito a rendere giustizia al cantante originale, ma solo per quanto riguarda l’aspetto fisico. Dati i fischi in studio, Giorgio Panariello si è limitato a dire “Uguale, uguale, uguale”, solo per far contento il pubblico e non svelare il suo vero giudizio. Clicca qui per guardare il video di Agostino Penna.

L’onore di essere grandi



© RIPRODUZIONE RISERVATA