Alessandro Di Battista: “M5s è irrilevante”/ “Vorrei Zagrebelsky al Colle”

- Carmine Massimo Balsamo

Alessandro Di Battista in tackle sul Movimento 5 Stelle: “Più che sul Pd sono sudditi più o meno inconsapevoli del Draghistan”

alessandro di battista
Alessandro Di Battista (LaPresse)

Alessandro Di Battista è un fiume in piena. L’ex esponente del Movimento 5 Stelle ha rilasciato una lunga intervista al Corriere della Sera e non ha risparmiato critiche ai pentastellati. L’ex deputato è in tour per l’Italia per promuovere battaglie politiche, ma non è ancora arrivato il momento di un nuovo partito. E ha già le idee chiare su chi contattare per il futuro nuovo progetto, a partire da Virginia Raggi: “Sono sempre più convinto che abbiamo perso una grande sindaca”.

Alessandro Di Battista si è soffermato sull’azione del Movimento 5 Stelle, tornando sul paragone fatto un anno fa, il M5s di Crimi come l’Udeur: “L’Udeur toccava più palla. Il M5s oggi è drammaticamente irrilevante. Sono troppo schiacciati sul Pd? Più che sul Pd sono sudditi più o meno inconsapevoli del Draghistan”.

ALESSANDRO DI BATTISTA: “RIELEZIONE DI NAPOLITANO INDECENTE”

Dopo aver parlato delle condizioni per un suo possibile ritorno nel Movimento 5 Stelle – “dovrebbero disconoscere il 90% di quello che hanno fatto in questi ultimi 9 mesi. Non credo che abbiano il coraggio di farlo”Alessandro Di Battista si è soffermato sulle parole di Silvio Berlusconi sul reddito di cittadinanza: “Captatio benevolentiae. Vuole il Quirinale. Tra un po’ dirà che ho fatto bene a leggergli la sentenza Dell’Utri sotto casa”. L’ex grillino ha rivelato di voler vedere Gustavo Zagrebelsky al Quirinale e di essere a favore dell’introduzione in Costituzione del limite di un solo mandato per il Colle: “Trovai indecente la rielezione di Napolitano”.



© RIPRODUZIONE RISERVATA