Alessia Marcuzzi dopo lite Patrick-Elia “Crotalo mi fa ridere”/ I social si dividono

- Davide Giancristofaro Alberti

Alessia Marcuzzi appoggia Patrick Pugliese dopo la lite con Antonella Elia: “Crotalo mi fa ridere, più offensivo dire ciccione”

grande fratello vip 4 coronavirus
Antonella Elia e Patrick Pugliese

La lite accesa in diretta tv fra Patrick Pugliese e Antonella Elia, avvenuta ieri sera nella casa del Grande Fratello Vip 4, ha tenuto milioni di telespettatori attaccati davanti al televisore, e fra questi anche una Very important person come Alessia Marcuzzi. La conduttrice di casa Mediaset è una delle più grandi fan del GF Vip 4, e anche ieri sera ha dato vita ad una sorta di “diretta” del programma, attraverso la propria pagina Twitter. La Marcuzzi si è schierata apertamente dalla parte di Patrick nella “sfida” con la Elia, pubblicando il tweet con scritto: “Crotalo, crotalo, crotalo, sto volando”. Alessia si è riferita ovviamente alle parole rivolte da Patrick ad Antonella, che ha “insultato” la Elia paragonandola ad un serpente. Uno schieramento, quello della Marcuzzi, che ha però diviso il popolo della rete, al che la stessa si è sentita in dovere di intervenire per dare una spiegazione dei fatti.

ALESSIA MARCUZZI SU TWITTER: “CROTALO MI FA RIDERE!”

“Mi fa ridere la parola crotalo! – scrive la Marcuzzi sempre su Twitter rispondendo ad una fan che l’accusava – ma poi invece lei che dice disgustoso, ciccione, sì, solo perchè è una donna? Ma di che parli dai, crotalo fa ridere. Per me dire croalo in quel modo, imitando Sgarbi, non è violenza. Per me usare parole come “disgustoso ciccione” è molto offensivo”. In generale, comunque, i seguaci della Marcuzzi sembrano appoggiare lo schieramento della stessa, così come il popolo dei social, indignato per come la Elia ha trattato Patrick negli scorsi giorni, prendendolo appunto in giro per il suo peso, e continuando a chiamarlo a più riprese ciccione di M e tricheco. Molti hanno invocato al bullismo, chiedendo la squalifica della soubrette, ma la produzione ha preferito non intervenire.

© RIPRODUZIONE RISERVATA