Alex, cucciolo senza zampe/ Foto, raccolta fondi per le protesi “Servono 5mila euro”

- Davide Giancristofaro Alberti

Alex, cucciolo senza zampe: per impiantargli le protesi servono 5.000 euro, scattata la raccolta fondi sul web

Il piccolo Alex (Fb)
Il piccolo Alex (Facebook)

Si chiama Alex, ed è un cucciolo senza zampe la cui storia sta commuovendo e nel contempo appassionando, migliaia di persone. Il fido amico in questione è un bel cucciolotto di pastore australiano, che a pochi giorni dalla nascita ha dovuto subire l’amputazione di tre delle quattro zampe, a causa di una serie di complicazioni. A riuscire a salvarlo è stata la veterinaria Alessandra Gentile di Napoli, prima che Alex si trasferisse nel Pavese. La stessa dottoressa aveva diramato un appello sui social per cercare casa al piccolo Alex, a cui ha risposto Oriana Zago, che insieme a Carla e Katia, hanno dato vita al Progetto Wonderdog, che si occupa di educare, rieducare e inserire i cani disabili in tutta Italia. Oriana ha accolto il simpatico cucciolo nella propria casa sulle colline di Corvino San Quirico, e negli scorsi giorni ha lanciato una raccolta fondi sul web per permettere al cane una vita migliore.

ALEX, IL CUCCIOLO SENZA ZAMPE: RACCOLTA FONDI PER LE PROTESI

Servono infatti 5mila euro per impiantare tre protesi e le successive cure riabilitative, nonché i controlli periodici. «Prima Alex dovrà essere preparato da un fisioterapista – ha spiegato Oriana Zago – poi potrà iniziare a camminare con le protesi. Non sa come si cammina perché è sempre stato disteso. Dovrà prendere confidenza con il movimento naturale e sviluppare i muscoli che ora non ha». Di questi 5.000 euro, 2.600 circa serviranno per le protesi provvisorie, mentre i restanti per impiantare quelle fisse che permetteranno così ad Alex di tornare a camminare e a correre, svolgendo quindi una vita normale. «Per questo abbiamo lanciato una raccolta fondi online», fanno sapere le ragazze di Wonderdog, e qualsiasi aiuto, anche non economico, è ben accetto. A riguardo si segnala l’offerta di una piscina della zona che si è proposta per la riabilitazione in acqua di Alex dopo l’intervento. Tutte le informazioni sulla questione potete trovarle sulla pagina ufficiale Facebook del Progetto Wonderdog, con la speranza che questa triste vicenda possa avere un lieto fine.



© RIPRODUZIONE RISERVATA