ANDAMENTI E TITOLI BORSA ITALIANA OGGI GIOVEDÌ 19 MAGGIO 2022/ Chiusura a -0,09%

- Lorenzo Torrisi

Borsa italiana oggi giovedì 19 maggio 2022. Piazza Affari chiude in rosso. Sul listino principale bene Diasorin. Male invece Amplifon. Gli aggiornamenti sulle azioni

crollo borsa di milano coronavirus spread
(LaPresse)

PIAZZA AFFARI, LA CHIUSURA

La Borsa italiana chiude in calo dello 0,09% e sul listino principale troviamo in rialzo Banca Generali (+0,74%), Banca Mediolanum (+0,51%), Banco Bpm (+2,17%),  Bper (+0,63%), Diasorin (+2,25%), Ferrari (+0,03%), Fineco (+1,43%), Generali (+0,56%), Nexi (+1,02%), Prysmian (+2,03%), Recordati (+0,36%), Saipem (+2,18%), Snam (+0,26%), Stm (+0,03%), Telecom Italia (+1,15%) e Unicredit (+1,35%). I ribassi più ampi sono quelli di Amplifon (-2,89%), Azimut (-1,23%), Campari (-2,1%), Cnh Industrial (-1,9%), Hera (-1,41%), Inwit (-1,2%), Italgas (-1,03%), Iveco (-1,56%), Mediobanca (-1,03%), Moncler (-1,37%), Pirelli (-0,63%) e Tenaris (-2,58%). Il cambio euro/dollaro sale verso quota 1,06, mentre lo spread tra Btp e Bund si attesta sopra i 195 punti base.

PIAZZA AFFARI, AGGIORNAMENTO DELLE ORE 15:40

La Borsa italiana scende dello 0,3% e sul listino principale troviamo in rialzo Atlantia (+0,1%), Banca Generali (+0,1%), Banco Bpm (+0,7%),  Diasorin (+1,5%), Eni (+0,2%), Fineco (+0,9%), Generali (+0,9%), Leonardo (+0,9%), Prysmian (+0,8%), Saipem (+1,2%), Snam (+0,4%), Telecom Italia (+0,1%), Unicredit (+2%) e Unipol (+0,1%). I ribassi più ampi sono quelli di Amplifon (-3,2%), Azimut (-1%), Bper (-0,7%), Campari (-3,4%), Cnh Industrial (-1,2%), Exor (-0,8%), Ferrari (-1,2%), Hera (-0,9%), Interpump (-1,8%), Inwit (-2%), Italgas (-1,3%), Iveco (-1,5%), Mediobanca (-0,7%), Moncler (-3,5%), Pirelli (-1,3%), Poste Italiane (-0,5%), Recordati (-0,8%), Stellantis (-0,8%), Stm (-0,5%), Tenaris (-2,5%) e Terna (-0,6%). Il cambio euro/dollaro sale sopra quota 1,05, mentre lo spread tra Btp e Bund si attesta sopra i 196 punti base.

PIAZZA AFFARI, AGGIORNAMENTO DELLE ORE 10:20

La Borsa italiana cede l’1,1% e sul listino principale troviamo in rialzo solamente Atlantia (+0,1%), Generali (+0,3%), Leonardo (+0,8%), Nexi (+0,6%) e Snam (+0,1%). Italgas e Saipem, invece, si trovano in parità. I ribassi più ampi sono quelli di Amplifon (-1,8%), Azimut (-1,5%), Banca Mediolanum (-1,5%), Banco Bpm (-1,1%), Bper (-2,4%), Campari (-1,5%), Exor (-2,2%), Ferrari (-1,7%), Interpump (-3,1%), Intesa Sanpaolo (-1,6%), Iveco (-3,1%), Mediobanca (-1,1%), Pirelli (-1,4%), Poste Italiane (-1,1%), Stellantis (-2,5%), Tenaris (-3,1%) e Unipol (-1,4%). Il cambio euro/dollaro scende sotto quota 1,05, mentre lo spread tra Btp e Bund sale a 197 punti base.

PIAZZA AFFARI ATTENDE I VERBALI DELLA BCE

Anche oggi sono previsti in diffusione dati macroeconomici rilevanti, provenienti perlopiù dagli Stati Uniti. Alle 11:00 conosceremo il saldo delle partite correnti dell’Eurozona relativo al mese di marzo. Alle 13:30 verranno pubblicati i verbali della riunione del Consiglio direttivo della Bce dello scorso mese. Alle 14:30 dagli Usa arriveranno le richieste settimanali di sussidi alla disoccupazione e l’indice relativo all’attività manifatturiera redatto dalla Fed di Filadelfia relativo al mese di maggio. Alle 16:00 toccherà al numero di case esistenti vendute negli Usa ad aprile. In giornata è prevista l’emissione di titoli di stato spagnoli con durata fino a trent’anni e francesi con scadenza fino al 2028.

Ieri Piazza Affari ha chiuso in calo dello 0,89% a 24.085 punti. Sul listino principale si è messa in luce Iveco con un +2,3%. Superiori al mezzo punto percentuale anche i rialzi di Hera (+0,8%), Intesa Sanpaolo Prysmian (+0,9%), Snam (+1,3%), Terna (+1,6%) e Unicredit (+2%). Saipem e Amplifon hanno fatto peggio di tutti con un -5,1%. Superiori al punto e mezzo percentuale anche i ribassi di Campari (-3,2%), Diasorin (-2,5%), Ferrari (-3,1%), Mediobanca (-2,4%), Moncler (-3,5%), Nexi (-4,1%), Pirelli (-2,4%), Stellantis (-1,6%), Stm (-2,2%) e Telecom Italia (-2,9%). Lo spread tra Btp e Bund è salito sopra i 191 punti base.

— — — —

Abbiamo bisogno del tuo contributo per continuare a fornirti una informazione di qualità e indipendente.

SOSTIENICI. DONA ORA CLICCANDO QUI





© RIPRODUZIONE RISERVATA