CHIUSURA BORSA ITALIANA, ANDAMENTI E TITOLI/ Oggi venerdì 4 luglio 2022: MIB -0,05%

- Lorenzo Torrisi

Borsa italiana oggi lunedì 4 luglio 2022. Piazza Affari inizia una nuova settimana: gli aggiornamenti e la chiusura delle azioni. Seduta in parità: tutti i titoli principali

borsa italiana
Piazza Affari, la Borsa di Milano (LaPresse)

CHIUSURA DI BORSA ITALIANA OGGI 4 LUGLIO 2022

La Borsa Italiana a Piazza Affari chiude in sostanziale parità questa prima giornata di contrattazioni della settimana: FTSE MIB perde lo 0,05% dopo una giornata di diverse variazioni, mentre FTSE Italia All-Share fino a 23.369 punti. La Borsa di Milano chiude in continuità con le principali piazze europee, peggiorando lo Spread che tocca i ì190 punti (+6 rispetto a ieri), con rendimento del BTP decennale pari al 3,24%.

Come spiega la nota di Teleborsa in chiusura dei mercati oggi 4 luglio 2022, «Dai dati di chiusura di Borsa Italiana, risulta che il controvalore degli scambi nella seduta odierna è stato pari a 1,63 miliardi di euro, in calo del 31,39%, rispetto ai 2,37 miliardi della vigilia; mentre i volumi scambiati sono passati da 0,64 miliardi di azioni della seduta precedente agli odierni 0,47 miliardi». Tra i titoli che guadagnano di più oggi vedono spiccare il volo DiaSorin (+3,72%), Tenaris (+3,65%), ENI (+2,40%) e Ferrari (+2,39%). Ribassi più forti invece con Saipem (-6,94%) e Banca Intesa Sanpaolo, -2,4%. Le più forti vendite, invece, si sono abbattute su Fincantieri, che ha terminato le contrattazioni a Piazza Affari con -2,65%. (agg. di Niccolò Magnani)

PIAZZA AFFARI, AGGIORNAMENTO BORSA DELLE ORE 15

Con un indice FTSE MIB in rialzo allo 0,61% la seduta della Borsa Italiana fino ad ora si può dire «moderatamente positiva», come esprime la stessa Piazza Affari nell’aggiornamento degli andamenti titoli di oggi 4 luglio 2022. Al pari delle principali piazze europee, la Borsa Italiana registra una lieve crescita dell’Euro sul Dollaro (1,045) ma con lo stallo generale dovuto ai perduranti rischi per inflazione e caro energia che ovviamente non possono che pesare nella tenuta complessiva dei mercati.

«Lo Spread peggiora, toccando i +191 punti base, con un aumento di 7 punti base rispetto al valore precedente, con il rendimento del BTP decennale pari al 3,21%», si legge nella nota della Borsa. Tra i titoli principali, in evidenza DiaSorin (+3,56%), Amplifon (+3,26%), Tenaris (+3,03%) e Telecom Italia (+2,96%); le peggiori performance invece vanno registrate per Saipem, che ottiene -8,93% e Banco BPM all’1,92 in perdita, così come Intesa SanPaolo (-1,84%) e Stellantis (-0,96). Tra le vendite più forti, si registra un -2,27% per Fincantieri e un -2,7% per le contrattazioni su Webuild. (agg. di Niccolò Magnani)

PIAZZA AFFARI SENZA IL FARO DI WALL STREET

Non sono molti i dati macroeconomici in agenda  nella giornata di oggi, complice anche la festività del 4 luglio che negli Stati Uniti terrà chiusa Wall Street. Alle 8:00 conosceremo il saldo della bilancia commerciale tedesca relativo al mese di maggio. Alle 9:00 toccherà al tasso di disoccupazione spagnolo di giugno. Alle 11:00 sapremo l’indice dei prezzi alla produzione aggregato a livello europeo relativo al mese di maggio.

Venerdì Piazza Affari ha chiuso in rialzo dello 0,29% a 21.354 punti. Sul listino principale si è messa in luce Saipem con un +8,3%. Superiori al punto percentuale anche i rialzi di A2A (+2,3%), Amplifon (+3,9%), Enel (+1,8%), Exor (+1,4%), Ferrari (+1,4%), Generali (+2,2%), Hera (+1,9%), Inwit (+2,4%), Leonardo (+1,9%), Pirelli (+1,6%), Recordati (+3,7%), Snam (+1,8%), Telecom Italia (+3%) e Terna (+1,8%). Bper ha fatto peggio di tutti con un -3,1%. Superiori al mezzo punto percentuale anche i ribassi di Azimut (-1,1%), Banco Bpm (-2,4%), Campari (-0,8%), Eni (-0,9%), Intesa Sanpaolo (-0,7%), Moncler (-1,4%), Nexi (-0,8%), Prysmian (-0,9%), Stellantis (-0,6%), Stm (-2,9%) e Tenaris (-1,9%). Lo spread tra Btp e Bund è sceso sotto i 198 punti base.

— — — —

Abbiamo bisogno del tuo contributo per continuare a fornirti una informazione di qualità e indipendente.

SOSTIENICI. DONA ORA CLICCANDO QUI





© RIPRODUZIONE RISERVATA