Andrea Giacobazzi, l’uomo che ispirò Colpa d’Alfredo di Vasco Rossi è morto/ Il rocker: “Mi mancherai”

- Stella Dibenedetto

Lutto per Vasco Rossi che dice addio all'amico Andrea Giacobazzi, l'uomo che ispirò la sua canzone "Colpa d'Alfredo".

Vasco Rossi 640x300 Vasco Rossi (Foto: web)

Andrea Giacobazzi è morto: l’annuncio di Vasco Rossi

Andrea Giacobazzi, l’uomo che ispirò la famosa canzone di Vasco Rossi “Colpa d’Alfredo”, è morto a 66 anni. Ad annunciarlo è stato lo stesso rocker di Zocca che, sul proprio profilo Instagram, ha pubblicato un toccante messaggio a corredo di un carosello di immagini in cui è insieme ad Andrea Giacobazzi a cui era legato da una lunga amicizia. “Caro Ciciui,  mi mancherai moltissimo. Sarai sempre vivo dentro il mio cuore! Viva Andrea Giacobazzi (Colpa d’Alfredo )”: così inizia il messaggio di Vasco Rossi.

 “Andrea è sempre stato dalla mia parte anche quando molti mi voltavano le spalle, facevano finta di non conoscermi, non credevano in quello che facevo. Lui insieme a Marengo (a Modena) mi sono sempre stati vicini. Questo vorrei ricordarlo perché so che ci teneva! Last but not least, è stato tra i primi ad avere la visione di quello che poi è diventato Modena Park”, ha concluso il rocker.

Chi era Andrea Giacobazzi

Colpa d’Alfredo è una delle canzoni più famose di Vasco Rossi e più amate dai suoi fan. Un brano che fu pubblicato nel 1980 e che Vasco ha cantato anche al Modena Park per festeggiare i suoi 40 anni di carriera. L’Alfredo della canzone era proprio Andrea Giacobazzi, l’uomo che fece saltare un appuntamento a Vasco con una ragazza. Non si sa come sarebbe andato quell’appuntamento che, a causa di Alfredo ovvero Andrea Giacobazzi, non ci fu mai.

Sotto il post di Vasco, sono tanti i commenti dei fan che salutano l’amico di una vita del rocker. “Gli hai dato l’immortalità come la vostra Amicizia, ti siamo vicini Vasco”, “L’ho visto diverse volte sotto al tuo palco. Si vedeva che, nonostante le difficoltà, ci tenesse tanto ad essere lì”, “Ciao Alfredo. Vivrai con noi sotto ad ogni palco di un concerto del Kom”, “Io grazie a lui ho iniziato a lavorare nel 2007 al tuo tour! I suoi abbracci i suoi sorrisi la sua autenticità . Per sempre nel mio cuore”, scrivono.







© RIPRODUZIONE RISERVATA

Ultime notizie di È morto

Ultime notizie