Andrea Mirò, fidanzata Enrico Ruggeri/ Quattro Sanremo tra cui uno in coppia

- Rossella Pastore

Andrea Mirò è la fidanzata di Enrico Ruggeri. I due si sono conosciuti negli anni Novanta e collaborano anche a livello artistico.

Andrea Mirò
La cantautrice e musicista Andrea Mirò

Si chiama Andrea Mirò la fidanzata di Enrico Ruggeri, una musicista con cui il cantautore di Mistero collabora dagli anni Novanta (precisamente dal ’94) e che ha firmato insieme a lui il successo sanremese Nessuno tocchi Caino. Sono ben quattro, in realtà, le edizioni di Sanremo a cui Andrea ha preso parte, le prime tre come solista e la quarta, nel 2003, in coppia con Ruggeri.

I due si sono conosciuti proprio in ambito musicale, quando la Mirò è entrata a far parte della band di Enrico e in seguito ha iniziato a frequentarlo anche al di fuori di quel contesto. Il suo debutto, in realtà, risale agli anni Ottanta: Andrea ha vinto il Festival di Castrocaro nel 1986, per poi partecipare l’anno successivo al suo primo Sanremo.

Chi è Andrea Mirò, fidanzata di Enrico Ruggeri: “Mi piace definirmi artista”

Andrea Mirò ha alle spalle una carriera prolifica sia come cantante che come musicista, culminata nel 2018 con la scelta da parte degli organizzatori di nominarla maestro concertatore della Notte della Taranta. In particolare, Andrea suona il violino e la chitarra, anche se non ama molto definirsi ‘solo’ violinista o ‘solo’ cantante. “In genere mi definisco artista, parola che contiene tutte queste accezioni, per me una vale l’altra perché, a seconda dell’esposizione e della performance, diversifico le mie competenze”, ha spiegato lei stessa in un’intervista del 2019 al magazine online Onda musicale.

In quell’occasione, l’artista ha anche ripercorso la sua vita professionale: “8 dischi totalmente miei – per ora – sono un discreto percorso, molte partecipazioni in dischi altrui, alcune produzioni in dialogo con cantautori di nicchia, direzioni e arrangiamenti orchestrali per eventi grossi ed importanti, molte repliche di spettacoli teatrali tra musica e recitazione… direi che la musica, senza paura di esser troppo retorica, è la mia vita. È il modulo espressivo che ho scelto – o mi ha scelto – per istinto e naturalezza. Lo studio è stato il modo per avere accesso ai codici di scrittura e comprensione culturale della musica, dopodiché ho potuto scegliere se cosa e quando usarli a modo mio (ma non ho ancora finito di sperimentare tutto quello che vorrei, una sola vita è troppo corta…)”. Nessun cenno, invece, alla sua relazione con Ruggeri: i due hanno sempre mantenuto un certo riserbo intorno alla loro vita sentimentale, anche se non sono mancate, nel corso degli anni, diverse apparizioni in pubblico come coppia.

© RIPRODUZIONE RISERVATA