Arisa/ I miei followers mi amerebbero molto di più se avessi una bellezza canonica ma…

- Morgan K. Barraco

Arisa, dalla parrucca alla testa rasata la ragazza è stata al centro delle polemiche anche in questi giorni. Oggi la rivedremo a Gigi, questo sono io in replica.

arisa verissimo
Arisa

Arisa è sempre al centro dell‘attenzione di ammiratori e hater. Ogni sua piccola mossa, così come quella di tanti altri artisti dalla grande visibilità, finisce così nel mirino di chi la vuole colpire. Oppure no. “Io non sono come tu mi vuoi, ma vado bene lo stesso. Sono un essere umano, una donna e mi spiace che una parrucca sia un valido espediente per farmi amare da te, anche dopo un periodo così sensibile come quello che abbiamo vissuto e stiamo ancora vivendo”, scrive in questi giorni su Instagram. Il motivo è semplice: Arisa aveva condiviso tempo prima una foto in cui indossava la parrucca e i commenti positivi non sono mancati. L’artista però ha scelto di evidenziare che in realtà si tratta di un’invenzione e che la vera se stessa è quella donna dai capelli corti corti che mostra nel nuovo post. “Io voglio essere quella che sono, amarmi senza remore e non pensare più che se fossi più bella di come sono meriterei maggiore attenzione da parte tua”, scrive ancora. Un trampolino di lancio che permette ad Arisa di rivolgersi a tutte le donne, ma anche a tutti quegli uomini che grazie alla loro voce possono far comprendere al mondo femminile che apparire e aspetto fisico hanno uno spazio, ma non rappresentano il tutto. Clicca qui per leggere il post di Arisa.

Arisa, l’esibizione con Gigi D’Alessio

Sono trascorsi tanti anni da quando Arisa, armata di occhiali e con la sua voce importante, ha conquistato il cuore degli italiani. La ricordiamo ancora al fianco di Gigi D’Alessio nel programma Gigi, questo sono io, in onda in replica nella prima serata di oggi, sabato 30 maggio 2020. Un momento di pura musica in cui il padrone di casa e la cantante si sono uniti per cantare Sincerità, il singolo di debutto di Rosalba Pippa. I due artisti però non si sono fermati e hanno interpretato anche un’altra canzone, E poi poropopo, scritto dal cantautore napoletano. Infine Tu sì na cosa grande, un’altra delle hit di Gigi. Intanto Arisa ha approfittato di questi giorni per parlare di quanto sta vivendo a Vieni da me. Durante l’ospitata, la cantante ha sottolineato di essersi lasciata convincere a indossare la parrucca per amore dei suoi fan. “A volte mi faccio indurre in tentazione perchè i miei followers mi fanno capire che mi amerebbero molto di più se avessi una bellezza canonica”, ha detto a Caterina Balivo. Anche se per Arisa l’aspetto fisico non conta così tanto, anzi. “Essere al posto giusto nel momento giusto è molto importante, però, poi se non hai niente da dire e niente da dare te ne torni a casa”, ha aggiunto.

Video, il duetto con Gigi D’Alessio

Foto, il cambio di look

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Io non sono come tu mi vuoi, ma vado bene lo stesso. Sono un essere umano, una donna e mi spiace che una parrucca sia un valido espediente per farmi amare da te, anche dopo un periodo così sensibile come quello che abbiamo vissuto e stiamo ancora vivendo. Per le piogge di likes alla mia bella parrucca, farò i complimenti a chi l’ha fatta, ma io sono questa, che tu lo voglia o no. Io voglio essere quella che sono amarmi senza remore e non pensare più che se fossi più bella di come sono meriterei maggiore attenzione da parte tua. Aiutami a farlo anche tu e aiuta tutte noi ad amarci un po’ di più, fai che la nostra autostima non dipenda da un like, fai che una donna possa pensare di valere e di poter stare al mondo al di là del suo aspetto fisico e di quanto riesca ad apparire fica sui social,fa che ci sia dell’altro, osserva bene, ascolta, valuta, concedimi tempo e l’opportunità di farmi amare. Ne ho di cose da dire, di cose da dare.. tutte noi siamo un pozzo prezioso di sorprese e abilità ma spesso ci lasciamo condizionare e ci perdiamo un bicchier d’acqua, CORAGGIO TIPE. #rosalbapippa

Un post condiviso da Arisa (@arisamusic) in data:



© RIPRODUZIONE RISERVATA