Beppe Sala chiude campagna elettorale con Carola Rackete/ Ira Centrodestra

- Carmine Massimo Balsamo

Beppe Sala e Carola Rackete insieme a poche ore dalle elezioni comunali di Milano, Salvini: “Proporranno più clandestini e degrado?”

beppe sala
Beppe Sala, sindaco di Milano (LaPresse)

Mancano poco più di dieci giorni alle elezioni amministrative e la battaglia di Milano è sicuramente tra le più attese. Il sindaco uscente Beppe Sala, sostenuto dal Centrosinistra, dovrà fare i conti con il candidato del Centrodestra Luca Bernardo e la campagna elettorale è stata parecchio vibrante. Ed ecco la nuova polemica: il Partito verde europeo e il gruppo Greens-Efa all’Europarlamento hanno organizzato l’European Ideas Lab, che vedrà sullo stesso palco prima delle comunali l’attuale primo cittadino di Milano e Carola Rackete

L’European Ideas Lab sarà un altro appuntamento elettorale per Beppe Sala, l’ultimo prima del voto, e quindi chiuderà la campagna con l’attivista tedesca, nota per aver forzato un blocco navale e speronato una motovedetta della Guardia di Finanza nel 2019 per portare in Italia una nave colma di migranti

BEPPE SALA CON CAROLA RACKETE, IRA CENTRODESTRA

La mossa di Beppe Sala ha scatenato la rabbia del Centrodestra, in primis della Lega. Matteo Salvini, già a processo per insulti a Carola Rackete, ha messo nel mirino il candidato di sinistra con un lungo post sui social: «Ma vi rendete conto? Il fermo, seduto, svogliato e litigioso Sala salirà sul palco con chi sperona motovedette della Guardia di Finanza. La Lega chiuderà la campagna elettorale con tanti milanesi in periferia (nel quartiere Niguarda). Due visioni del mondo diverse, due idee di città diverse. Un po’ di sicurezza in più, un po’ di controlli in più, un po’ di legge e ordine in più a Milano servono, non è un capriccio della Lega: non è possibile non poter vivere il parco sotto casa. Chissà cosa proporranno Sala e Rackete, forse più clandestini e degrado?». Durissima anche la presa di posizione di Silvia Sardone, come riporta Il Giornale: «Si stanno schierando apertamente dalla parte di chi favorisce l’immigrazione irregolare: una gravità enorme».



© RIPRODUZIONE RISERVATA