BOLLETTINO CORONAVIRUS ITALIA 27 NOVEMBRE/ 90 morti, 12.877 casi e 68 ingressi in TI

- Davide Giancristofaro Alberti

Bollettino coronavirus Italia, i dati del Ministero Salute di oggi 27 novembre 2021: 90 morti, 12.877 casi e 68 ingressi in terapia intensiva, tasso di positività al 2,2%

Gilberto Corbellini
(LaPresse)

Torna a salire il numero dei morti per Covid in Italia: sono 90 le vittime finite nel bollettino di oggi, sabato 27 novembre 2021, diffuso dal Ministero della Salute. Di conseguenza, si arriva a 133.627 vittime dall’inizio della pandemia Covid. I casi registrati nelle ultime 24 ore invece sono 12.877, che fanno avvicinare il totale a quota 5 milioni. Sono 4.994.891 i contagi certificati dall’inizio dell’emergenza. Considerando che i tamponi processati sono 596.898, il tasso di positività Covid scende al 2,2%, registrando un calo dello 0,3 per cento. Ci sono anche 6.451 guariti, nel complesso 4.682.318. Pertanto, le persone attualmente positive al coronavirus in Italia sono 178.946, di cui 173.496 in isolamento domiciliare.

Passiamo all’analisi della situazione ospedaliera. In aree mediche Covid sono ricoverate 4.826 persone con sintomi (+18 saldo tra ingressi e uscite), mentre in terapia intensiva ci sono 624 malati, di cui 68 sono ingressi giornalieri, mentre il saldo con le uscite mostra un +18. Passiamo alla ripartizione dei casi per regione: sono stati registrati 2.113 casi in Veneto, 1.926 in Lombardia, 1.273 in Emilia-Romagna, 1.204 nel Lazio e 1.154 in Campania. (agg. di Silvana Palazzo)

ATTESO BOLLETTINO CORONAVIRUS MINISTERO SALUTE

Facciamo il consueto punto sulla pandemia di covid in Italia grazie al nuovo bollettino coronavirus, quello che il ministero della salute emanerà dopo le ore 17:00 di oggi, sabato 27 novembre. Si sta per chiudere un’altra settimana di pandemia, e nel giro di 48 ore se ne aprirà una nuova che vedrà alcune regioni tornare in zona gialla, alla luce dei contagi in forte aumento nelle ultime due settimane. E anche il bollettino di ieri ha evidenziato questa tendenza, visto che i nuovi casi di coronavirus segnalati sono stati in totale 13.686 a fronte di 557.180 tamponi processati nei vari laboratori, sia antigenici quanto molecolari.

Il tasso di positività è stato pari al 2.5 per cento (+0.3), mentre il numero dei morti da covid è stato ieri di 51, per un totale da inizio pandemia, dal 20 febbraio 2020, di 133.537 decessi. Negli ospedali continua il rialzo dei ricoveri, e al momento troviamo 606 persone in terapia intensiva e altre 4.748 in area medica, due dati aumentati rispettivamente di 18 e 59 unità. Infine, per quanto riguarda la Lombardia, segnaliamo 2.209 nuovi contagiati (qui il bollettino di ieri).

CORONAVIRUS ITALIA: IL COMMENTO DI VISCO

E alla luce dei numeri del contagio covid in rialzo, ha espresso i propri timori anche Ignazio Visco, il numero uno della Banca d’Italia. Uscendo allo scoperto nella giornata di ieri, così come riportato dall’edizione online di SkyTg24.it, il governatore ha confessato: “Il nuovo incremento dei contagi in Europa e in altri paesi sposta ancora in avanti la prospettiva post-Covid. A differenza dello scorso anno, le società del mondo avanzato sono oggi meno vulnerabili grazie alle massicce campagne di vaccinazione che hanno avuto successo”.

Quindi Ignazio Visco ha concluso il suo intervento dicendo: “Occorre proseguire con decisione nei programmi di immunizzazione ed estenderli alle aree che ne hanno beneficiato meno. Ci sono due questioni: bisogna fare in fretta e bisogna farlo a livello globale, perché il definitivo superamento della pandemia può avvenire soltanto a livello globale”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA