Bollettino vaccini covid oggi 7 dicembre/ 47.4 mln di italiani con almeno una dose

- Davide Giancristofaro Alberti

Bollettino vaccini covid oggi 7 dicembre 2021: sono in totale 9.1 milioni le terze dosi somministrate in Italia. Ecco l’ultimo aggiornamento ufficiale

Vaccini in Emilia Romagna
Campagna vaccini anti-Covid in Emilia Romagna (LaPresse)

Il bollettino riguardante i vaccini anti covid di oggi, 7 dicembre 2021, è stato comunicato poco fa dal ministero della salute e dall’Iss, l’istituto superiore di sanità. Puntuale dopo le ore 6:00 il nuovo aggiornamento ha mostrato tutti gli ultimi numeri ufficiali, a cominciare dal dato riguardante le terze dosi, ad oggi giunto a quota 9.1 milioni di inoculazioni. Continua a crescere anche il numero di italiani che hanno effettuato la prima dose, molto probabilmente spinti dal decreto covid entrato in vigore ieri, e che ad oggi sono in totale 47.4 milioni, l’87.8 per cento del totale.

Le persone immunizzate, che hanno cioè già completato il ciclo vaccinale con due dosi o il monodose di Johnson & Johnson, sono invece in totale 45.8 milioni, mentre, il numero totale di somministrazioni dal 27 dicembre 27 dicembre 2020, poco più di un anno fa, ad oggi, è arrivato a quota 99.2 milioni, dato che nelle ultime 24 ore è aumentato di ben 500mila dosi (come potete scoprire dal bollettino di ieri), confermando quindi una nuova forte spinta delle vaccinazioni nelle ultime due settimane.

BOLLETTINO VACCINI COVID OGGI 7 DICEMBRE: VIOLA FAVOREVOLE ALL’OBBLIGO VACCINALE

Accoglie con ottimismo la possibilità che in Ue si faccia strada l’obbligo vaccinale, la nota e autorevole immunologa Antonella Viola, dell’università di Padova. Parlando ieri con i microfoni de La Stampa ha confessato: “In Italia parte da oggi (ieri ndr) l’uso del super Green Pass, nome un po’ esagerato ed esterofilo ad indicare un documento, rilasciato solo ai vaccinati e ai guariti da Covid 19, che consentirà l’accesso a bar, ristoranti, cinema, teatri e discoteche. Mentre in Europa si fa finalmente largo l’idea di imporre l’obbligo vaccinale, per tentare di lasciarsi alle spalle una crisi che non si può superare se non con la vaccinazione di tutta la popolazione mondiale”.

Secondo la Viola sarebbe auspicabile che l’intera Europa “si muovesse in questa direzione”. Si parla anche della variante Omicron: “L’arrivo della variante Delta, e adesso dell’Omicron, ci ha mostrato che i vaccini sono estremamente efficaci nel proteggerci dalla malattia severa e dalla morte causate dal SARS-CoV-2 ma che la loro efficacia nel difenderci dall’infezione è inferiore. Questo significa che per riuscire davvero a ridurre la circolazione del virus e proteggere così chi non risponde bene al vaccino, bisogna vaccinare tutti”.

98.7

© RIPRODUZIONE RISERVATA