Bonus casa green 2023/ Come detrarre il 50% dell’IVA per l’acquisto di immobili A e B

- Maria Melania Barone

Bonus casa green, come funziona e come ottenere una riduzione dell'iva del 50% per l'acquisto di immobili di classe energetica elevata

casa casa

La legge di bilancio approvato il 28 dicembre 2022 ha introdotto una novità, il bonus casa green 2023: lo sconto al 50% dell’IVA per l’acquisto degli immobili di classe energetica A o B. La misura è stata denominata appunto bonus casa green 2023 e, come affermato anche dall’agenzia delle entrate, vale anche per le seconde case.

Bonus casa green 2023: la precisazione dell’Agenzia delle Entrate

Il motivo per cui il contributo viene esteso anche alle seconde case è dovuto al fatto che nella legge di bilancio non è specificato che l’agevolazione viene applicata solo alle prime case.

L’articolo 1 comma 76 della legge di bilancio prevede che: “Ai fini dell’imposta sul reddito delle persone fisiche, si detrae dall’imposta lorde, fino alla concorrenza del suo ammontare, il 50% dell’importo corrisposto per il pagamento dell’imposta sul valore aggiunto in relazione all’acquisto, effettuato entro il 31 dicembre 2023 di unità immobiliare a destinazione residenziale di classe energetica aob ai sensi della normativa vigente cedute da organismi di investimento collettivo del risparmio oicr immobiliari o delle imprese che le hanno costituite“.

Bonus casa green 2023: quale documentazione è necessaria per poter ottenere l’agevolazione

Nutrimento da parte dell’Agenzia delle Entrate rispetto a l’estensione del bonus casa green anche alle seconde case, si è reso necessario a causa di fatto che all’interno della normativa approvata dal governo non vi era alcun tipo di specificazione in merito all’estensione della legge anche per le seconde case. La legge, così come era scritta infatti non prevedeva l’attuazione di questa agevolazione solo per le prime case. Non essendo presente questa specificazione l’Agenzia delle Entrate ha preferito estendere l’applicazione del bonus anche per tutte le seconde case. Quindi tutti i proprietari di seconde case che hanno acquistato l’immobile appartenente alle categorie A e B, può richiedere l’agevolazione purché ciò venga inserito all’interno del rogito.

Per la precisione il bonus casa green 2023 viene erogato anche alle seconde case soltanto se l’attestazione della classe energetica viene allegata all’atto d’acquisto. La detrazione si ripartisce in dieci quote costanti a partire dal periodo d’imposta in cui vengono effettuate le spese e nei nove anni successivi. Quindi la detrazione parte dall’anno successivo alla richiesta.





© RIPRODUZIONE RISERVATA

Ultime notizie di Fisco

Ultime notizie