BORSA ITALIANA OGGI/ Chiusura a +0,13%, Telecom Italia a -5,52% (6 maggio 2021)

- Lorenzo Torrisi

Borsa italiana news. Piazza Affari resta in rialzo. Sul listino principale bene Unicredit e Cnh Industrial. Male invece Telecom Italia. Gli aggiornamenti sulle azioni più importanti

banca unicredit milano lapresse 2018 640x300
La sede di Milano di Unicredit (LaPresse)

PIAZZA AFFARI, LA CHIUSURA

La Borsa italiana chiude in rialzo dello 0,13% e sul listino principale troviamo in rosso Amplifon (-1,51%), Atlantia (-0,49%), Azimut (-0,2%), Banca Generali (-0,46%), Banca Mediolanum (-0,95%), Buzzi (-0,09%), Diasorin (-1,91%), Enel (-0,27%), Exor (-0,98%), Ferrari (-2,81%), Fineco (-1,78%), Interpump (-2,07%), Nexi (-0,84%), Poste Italiane (-0,36%), Prysmian (-1,21%), Recordati (-3,03%), Saipem (-1,13%), Stm (-2,22%) e Telecom Italia (-5,52%). I rialzi più significativi sono quelli di A2A (+1,11%), Banco Bpm (+1,36%), Bper (+1,95%), Campari (+0,92%), Cnh Industrial (+4,42%), Generali (+1%), Intesa Sanpaolo (+0,77%), Italgas (+0,74%), Leonardo (+1,07%), Moncler (+0,82%), Snam (+0,7%), Tenaris (+1,83%), Terna (+0,92%) e Unicredit (+5%). Il cambio euro/dollaro resta a quota 1,025, mentre lo spread tra Btp e Bund si attesta a 113 punti base.

PIAZZA AFFARI, AGGIORNAMENTO DELLE ORE 15:35

La Borsa italiana sale dello 0,1% e sul listino principale troviamo in rosso Amplifon (-2,2%), Atlantia (-0,9%), Banca Mediolanum (-0,6%), Buzzi (-0,3%), Diasorin (-1,8%), Enel (-0,1%), Eni (-0,3%), Exor (-0,7%), Ferrari (-2,2%), Fineco (-0,9%), Interpump (-1,3%), Inwit (-0,5%), Leonardo (-0,3%), Nexi (-0,8%), Pirelli (-1,1%), Poste Italiane (-1%), Prysmian (-0,9%), Recordati (-2,9%), Saipem (-2,3%), Stm (-2,9%), Telecom Italia (-5,9%) e Unipol (-0,2%). I rialzi più significativi sono quelli di A2A (+1,2%), Banco Bpm (+1,6%), Bper (+1,7%), Campari (+0,6%), Cnh Industrial (+3,9%), Generali (+0,8%), Intesa Sanpaolo (+1,2%), Stellantis (+0,5%), Tenaris (+0,6%), Terna (+0,7%) e Unicredit (+5,3%). Il cambio euro/dollaro sale a quota 1,025, mentre lo spread tra Btp e Bund supera i 114 punti base.

PIAZZA AFFARI, AGGIORNAMENTO DELLE ORE 10:45

La Borsa italiana guadagna lo 0,6% e sul listino principale troviamo in rosso Amplifon (-1,3%), Atlantia (-0,8%), Banca Mediolanum (-0,4%), Campari (-0,1%), Diasorin (-1,4%), Ferrari (-1,4%), Fineco (-0,2%), Interpump (-0,8%), Inwit (-0,4%), Moncler (-0,1%), Nexi (-0,2%), Pirelli (-0,3%), Poste Italiane (-0,2%), Saipem (-0,6%), Stellantis (-0,2%), Stm (-1,6%) e Telecom Italia (-5,4%). Buzzi, invece, si trova in parità. I rialzi più significativi sono quelli di A2A (+0,9%), Banco Bpm (+1,6%), Bper (+2,1%), Cnh Industrial (+2,7%), Enel (+1,4%), Eni (+0,8%), Generali (+1,2%), Hera (+0,7%), Intesa Sanpaolo (+1%), Italgas (+0,8%), Leonardo (+0,6%), Snam (+0,9%), Tenaris (+1,2%), Terna (+1,2%), Unicredit (+5,3%) e Unipol (+0,6%). Il cambio euro/dollaro sale verso quota 1,025, mentre lo spread tra Btp e Bund supera i 113 punti base.

A PIAZZA AFFARI LE TRIMESTRALI DI UNICREDIT E MPS

Non mancano alcuni dati macroeconomici rilevanti in diffusione nella giornata di oggi. Alle 8:00 sapremo gli ordini all’industria tedesca di marzo. Alle 10:00 sarà la volta della lettura finale dell’Indice PMI dei servizi di aprile relativo alla Gran Bretagna. Alle 11:00 toccherà alle vendite al dettaglio in Europa a marzo. Alle 13:00 conosceremo le decisioni di politica monetaria della Bank of England. Alle 14:30 dagli Usa arriveranno le richieste settimanali di sussidi alla disoccupazione e i dati su produttività e costo del lavoro nel primo trimestre dell’anno. In giornata è in programma l’emissione di titoli di stato spagnoli con scadenza fino al 2050 e francesi con scadenza fino al 2052.

Da Wall Street si attende la trimestrale di Moderna, da Francoforte quella di Volkswagen, da Parigi quella di Societe Generale, mentre a Piazza Affari quelle di Banco Bpm, Enel, Leonardo, Recordati, Unicredit, Anima, Mps, Banca Profilo, Banco di Desio, Carel Industries, D’Amico, Igd, Netweek, PanariaGroup e Unieuro. Ieri il Ftse Mib ha chiuso in rialzo del 2,03% a 24.463 punti. Sul listino principale si è messa in luce Stellantis con un +7%. Superiori ai tre punti percentuali anche i rialzi di Cnh Industrial (+5,3%) e Tenaris (+4,5%). Telecom Italia ha fatto peggio di tutti con un -0,6%. Chiusura in rosso anche per Hera (-0,2%), Italgas (-0,4%) e Terna (-0,1%). Lo spread tra Btp e Bund è salito a 111 punti base.

© RIPRODUZIONE RISERVATA