PAGELLE/ Napoli-Bologna (4–1): la cronaca, i voti e il tabellino (tredicesima giornata)

- La Redazione

Napoli-Bologna si è svolta sotto una pioggia costante e molto forte, che alla fine della partita si è mescolata con le lacrime dei flesinei

hamsik_maggio_R400_4ott10
Hmsik, foto Ansa

Napoli-Bologna si è svolta sotto una pioggia costante e molto forte, che alla fine della partita si è mescolata con le lacrime dei flesinei per una bruttissima sconfitta e con quelle dei tifosi napoletani pazzi di gioia per un terzo posto riaffermato con forza in questa tredicesima giornata, fondamentale per il cammino nelle zone alte della classifica dove tutte le grandi hanno affrettato il passo.

Neanche il tempo di archiviare il bello spettacolo fatto vedere in occasione del minuto di raccogliemnto in onore di Dino De Laurentiis e subito il Napoli passa in vantaggio con uno dei suoi giocatori recentemente più contestati dalla tifoseria: Christian Maggio. Il gol arriva con uno splendido stacco di testa su calcio d’angolo battuto da Lavezzi, pochi minuti per capire che stasera il Pocho è davvero in grande spolvero. Spazio per togliersi qualche sassolino dalla scarpa da parte da Maggio che non esulta dopo un gol pesantissimo. Il Bologna prende l’iniziativa del gioco, ma è il Napoli che fa male sulle ripartenze, con Lavezzi, Maggio e Dossena scateanti. Hamsik e Cavani sono in agguato e al 36′ il Bologna se ne accorge. Contropiede di marca Lavezzi-Cavani palla in mezzo per Hamsik: il tiro è sporcato dalla difesa e Viviano non può che raccogliere il pallone in fondo al sacco. Il Bologna mantiene possesso del pallone ma la manovra superata la tre quarti si squaglia come neve al sole. Lavezzi invece è una costante spina nel fianco: gli avversari sono paletti da saltare, boe da aggirare, birilli da passare in slalom per poi cambiare marcia e partire palla al piede nell’iperspazio. Da non credere.

Nella ripresa Malesani getta nella mischia Siligardi e Meggiorini al posto di Gimenez e Garics e la mossa si rivelerà tardiva quanto azzeccata. Non c’è tempo però di apprezzarla subito perchè al terzo della ripresa il napoli mette in rete il pallone del 3-0. Corner battuto rasoterra, Campagnaro prolunga per un compagno e tocco fulmineo di Hamsik, che irrompe alle spalle di tutti. Il Bologna si scuote e ci prova più volte con Siligardi e Meggiorini scatenati. Al 23′ è proprio Meggiorini ad accorciare le distanze con uno stacco di testa su preciso assist di Rubin. L’illusione di una rimonta impossibile è però davvero troppo breve: assist del neo entrato Sosa per Cavani e colpo di grazia del Napoli che al 29′ chiude la partita. Il resto del tempo è solo attesa del triplice fischio.

 

NAPOLI-BOLOGNA 4-1 (2-0)

 

MARCATORI: Maggio (N) al 3′, Hamsik (N) al 36′ p.t.; Hamsik al 2′, Meggiorini (B) al 22′, Cavani al 28′ s.t.

 

NAPOLI (3-4-3): De Sanctis; Santacroce, Cannavaro (22′ pt Cribari), Campagnaro; Maggio, Pazienza, Gargano, Dossena, Hamsik (12′ st Sosa); Lavezzi; Cavani (30′ st Maiello). (Iezzo, Grava, Vitale, Dumitru). All.: Mazzarri.

 

BOLOGNA (4-3-3): Viviano; Garics (1′ st Siligardi), Portanova (20′ st Moras), Britos, Rubin; Ekdal, Krhin, Della Rocca, Buscè, Di Vaio, Gimenez (1’st Meggiorini). (Lupatelli, Casarini, Radovanovic, Cherubini). All.: Malesani.

 

ARBITRO: Gervasoni. Reti: .

 

NOTE: Nessun ammonito. Angoli 7-4 per il Bologna. Recupero: 2′ e 1′.

 

 

Le pagelle

 

Napoli

 

De Sanctis 6.5: Poco impegnato ma sempre molto attento. Incolpevole sul gol di Meggiorini.
Santacroce 6: Qualche incertezza di troppo, ma alla fine non demerita.
Cannavaro 6: Finchè rimane in campo disputa un’onesta partita, noie muscolari lo costringono ad abbandonare il terreno di gioco anzitempo. (Dal 23’pt Cribari 6: Poco impegnato, si disimpegna senza affanni.)
Campagnaro 6.5: Grintoso il centrale argentino che svolge bene la fase difensiva e non disdegna le sortite offensive.
Dossena 5.5: Un poco in affanno. Non spinge e sul gol del Bologna ritarda notevolmente la diagonale facendosi bruciare dal diretto avversario.
Pazienza 6: Fornisce solidità e concretezza alla mediana partenopea.
Gargano 6.5: Ottima la gara del centrocampista uruguaiano che domina la zona nevralgica con autorità.
Maggio 6.5: Prova finalmente positiva quella dell’esterno azzurro. Dopo un avvio di stagione estremamente scialbo trova finalmente la rete e una gara di spessore.
Hamsik 7.5: Risponde alle critiche piovutegli addosso nell’ultima settimana con una prestazione di buon livello ed una doppietta da vero trascinatore. (Dal 12’st Sosa 6: Si destreggia bene nella mezz’ora in cui è chiamato in causa).
Lavezzi 7.5: Quando è in questo stato di forma è come giocare con un uomo in più. Supera sistematicamente il diretto avversario.
Cavani 7: Realizza la nona rete in questa stagione e raggiunge nuovamente Eto’o in vetta alla classifica cannonieri. Oltre al gol gioca la solita prestazione di sacrificio. Importante la sua azione in occasione del primo gol di Hamsik, quando rimette in mezzo un pallone che tutti danno ormai già fuori. (Dal 32’st Maiello sv)

 

All. Mazzarri 7: Questa sera si è visto un buon Napoli. Partenopei che soffrono solo una decina di minuti nella ripresa, ma che tutto sommato, archiviano la pratica Bologna con larghissimo anticipo.

 

 

Bologna

 

Viviano 5: Brutta prestazione del portiere della nazionale. Incolpevole sui gol partenopei, ma autore di un paio di leggerezze che potrebbero costare caro.
Garics 5.5: Dossena non lo mette molto sotto pressione ma riesce comunque a disputare una prestazione non positiva. (Dal 1’st Siligardi 5.5: Qualche buono spunto, ma i compagni hanno già tirato i remi in barca e così il suo apporto risulta nullo.)
Britos 5: Goffo e impreciso, prima rischia di regalare un gol a Cavani con uno sciagurato retropassaggio di petto per Viviano, poi svirgola due volte la palla dal quale nasce il raddoppio partenopeo.
Portanova 5: Lavezzi gli continua a sfuggire per tutta la gara. Prestazione negativa la sua, ma molte delle colpe vanno anche sui suoi compagni che lo abbandonano troppo spesso nell’1 contro 1 in campo aperto. (Dal 20’st Moras 6: La partita è già abbondantemente finita quando fa il suo ingresso in campo).
Rubin 6: Il migliore del pacchetto arretrato felsineo.
Della Rocca 5.5: Partita condita da numerosi errori e poca lucidità.
Khrin 5: Il piede e le qualità le ha. Ma è ancora troppo acerbo.
Ekdal 5.5: Ruvido e impreciso. I dirimpettai napoletani lo sovrastano costantemente e non riesce mai a trovare le giuste misure.
Buscè 5: Sparisce troppo presto dalle scene perdendosi tra le serrate linee partenopee.
Gimenez 5: Non trova mai il guizzo giusto. Partita negativa e priva di spunti. (Dal 1’st Meggiorini 6.5: In 45 minuti dimostra che forse meriterebbe maggior considerazione. È il bolognese più deciso e realizza una rete tanto bella quanto inutile).
Di Vaio 5: Annullato sistematicamente dai centrali napoletani. Quest’oggi è lasciato troppo solo al suo destino.

 

All. Malesani 5: Il gol del Napoli in avvio gli sconvolge i piani di una partita basata su accortenza difensiva e ripartenze. Il suo Bologna però non mostra nessuna idea di gioco e tira i remi in barca troppo presto.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori