SERIE A/ 10a Giornata: risultati, classifica, assist e gol

- La Redazione

I risultati finali della decima giornata di campionato

vucinic_gol_R400_30ott10
Mirko Vucinic, attaccante della Roma
Pubblicità

Anche la decima giornata di Serie A finisce in archivio. Un turno di campionato che visto qualche sorpresa in particolare nelle zone altre della classifica. Ieri sera l’Inter ha pareggiato in casa contro il Brescia mentre il Bologna ha vinto due a uno contro il Lecce. Oggi nell’anticipo delle 12.30 vittoria della Fiorentina contro il Chievo con il gol di Cerci. Nel pomeriggio il Milan espugna il San Nicola di Bari per tre a due grazie ai gol di Ambrosini e Flamini nel primo tempo, mentre nel secondo tempo gol di Kutuzov che ha accorciato le distanze, ma Pato prima e poi Barreto hanno chiuso il match. Nel derby capitolino vittoria della Roma per due a zero con i gol di Borriello e Vucinic entrambi su rigore, molte proteste della Lazio per un clamoroso rigore non concesso per fallo di Riise su Mauri. La Juventus vince tre a uno contro il Cesena in casa con i gol di Del Piero su rigore, Quagliarella e Iaquinta che hanno capovolto il momentaneo vantaggio degli ospiti con Jimenez. Anche il Napoli fa bottino pieno in casa contro il Parma con una doppietta del solito Cavani, mentre pareggiano zero a zero Sampdoria e Catania e uno a uno Udinese e Cagliari. Questa sera posticipo serale tra Palermo e Genoa.

I risultati della decima giornata di campionato:

Bologna-Lecce 2-0 (giocata ieri)

Inter-Brescia 1-1 (giocata ieri)

Fiorentina-Chievo 1-0 (giocata alle 12.30)

Bari-Milan 2-3

Juventus-Cesena 3-1

Lazio-Roma 0-2

Napoli-Parma 2-0

Palermo-Genoa (posticipo ore 20.45)

Sampdoria-Catania 0-0

Udinese-Cagliari 1-1

Classifica provvisoria Serie A in attesa del posticipo:

 

Lazio 22

Milan 20

Inter 19

Juventus 18

Napoli 18

Sampdoria 15

Roma 15

Chievo 14

Udinese 14

Fiorentina 12

Palermo 11*

Cagliari 11

Catania 11

Genoa 11*

Bologna 11

Lecce 11

Brescia 10

Parma 8

Cesena 8

Bari 8

 

 

Pubblicità

BARI-MILAN 2-3: il Milan di Allegri passa sul difficile campo di Bari per tre a due al termine di un match strano che ha visto i rossoneri divorarsi l’impossibile e subire il ritorno dei padroni di casa nel finale. L’uno a zero dei rossoneri arriva al nono minuto con il gol di Ambrosini che in tuffo mette dentro un assist al bacio di Clarence Seedorf. Il vantaggio galvanizza il Milan che prima spreca la palla del due a zero con Robinho e poi sigla il raddoppio con Flamini che un delizioso pallonetto a tu per tu con Gillet finalizza l’ottimo assist di Ibrahimovic. Nella ripresa clamorosa palla gol divorata da Robinho che solo davanti al portiere del Bari prova un pallonetto inefficace. Il Bari reagisce e trova il gol della speranza al 65′ minuto con Kutuzov che riesce a superare sia Nesta che Yepes e deposita in rete il due a uno. Passano però nove minuti e il Milan ritrova nuovamente la via della rete con Pato che entra in area di rigore e di sinistro batte Gillet. Il Bari prova a rientrare in partita e ci riesce al 90′ minuto con Barreto che mette dentro al volo di destro un assist di Rossi da centrocampo. Finisce tre a due per i rossoneri che ora sono a due punti dalla vetta.

 

Pubblicità

JUVENTUS-CESENA 3-1: la Juventus soffre all’inizio ma poi trova tre punti importanti. Il Cesena di Ficcadenti dimostra di essere un avversario imprevedibile e dopo undici minuti passa in vantaggio con il gol di Jimenez che mette dentro da pochi passi un assist di testa di Bogdani. Il Cesena si fa pericoloso in più di qualche circostanza ma la Juventus trova il pareggio al 31esimo minuto con Del Piero che realizza un calcio di rigore procurato da Bonucci che è stato atterrato in area sugli sviluppi di un calcio d’angolo da Pellegrino che nell’occasione verrà anche ammonito. Dieci minuti dopo la svolta del match con il secondo giallo al difensore argentino e dopo due minuti vantaggio della Juventus con Quagliarella che in tuffo mette dentro un assist di Marchisio. Nella ripresa si fa male nuovamente Felipe Melo. La partita si chiude all’86’ minuto con Iaquinta che mette dentro su assist di Salihamidzic.

 

LAZIO-ROMA 0-2: la capolista Lazio viene fermata nel match più importante della Capitale, il derby contro la Roma. I giallorossi allenati da Ranieri vincono due a zero contro la formazione di Reja. Primo tempo abbastanza equilibrato con Hernanes che va vicino al gol con un tiro al volo di sinistro, mentre nella Roma è Borriello a cercare con insistenza la via del gol. Secondo tempo che si apre con un calcio di rigore fischiato a favore della Roma per un tocco di mano di Lichtsteiner sul tiro di Simplicio. Sul dischetto si posiziona Borriello che segna ma Muslera aveva intuito e bloccato il pallone che poi è scivolato in rete. Nel secondo tempo ancora Hernanes impensierisce Julio Sergio che si supera sul sinistro del brasiliano. La Roma attacca e Simplicio colpisce una clamorosa traversa. Al 78′ minuto episodio chiave del match con Morganti che non vede una netta trattenuta di Riise in area su Mauri. I giocatori della Lazio protestano. A tre minuti dalla fine Dias stende Baptista in area di rigore, ancora un calcio di rigore per la Roma trasformato da Vucinic che spiazza Muslera. Finisce due a zero il derby romano.

 

NAPOLI-PARMA 2-0: Napoli sempre più nel segno di Edinson Cavani. La formazione di Mazzarri batte il Parma di Marino per due a zero grazie alla doppietta dell’attaccante uruguagio e si rialza dopo la sconfitta in campo europeo contro il Liverpool per tre a uno. Al 20′ minuto del primo tempo Napoli in vantaggio con Zuniga che serve un assist d’oro per Cavani che partito in posizione regolare fredda Mirante con un perfetto diagonale. Al 37′ minuto miracolo di De Sanctis su Crespo che non trova il gol da pochi passi. Nella ripresa il Napoli spinge e sfiora il raddoppio sempre con Cavani, ma è il Parma ad andare vicino al gol nuovamente con Crespo che viene anticipato da pochi passi dalla porta dal difensore del Napoli Campagnaro. Il raddoppio partenopeo arriva all’85’ minuto ancora con il gol di Cavani che da posizione defilata trova il guizzo vincente per il due a zero.

 

SAMPDORIA-CATANIA 0-0: unico zero a zero della giornata al Marassi di Genova tra Sampdoria e Catania. Un match privo di vere emozioni con i blucerchiati che sentono troppo l’assenza di Cassano fuori a causa del litigio con il presidente Garrone. Nel primo tempo è il Catania ad avere una palla gol colossale con Bellusci che solo in area di rigore manda a lato di testa. La Sampdoria prova con i lanci lunghi per Pazzini che non può avere la meglio sull’intera retroguardia etnea. Nella ripresa dopo pochi minuti Andujar si supera su un tiro a girare di Guberti. Non succede più nulla, da registrare un gol annullato alla Sampdoria per fallo di mano di Marilungo. Finisce zero a zero al Marassi.

 

UDINESE-CAGLIARI 1-1: il Cagliari di Bisoli dimostra di essere in salute e pareggia sul campo dell’Udinese per uno a uno. Partono forte i sardi che al decimo minuto trovano un eurogol con Daniele Conti che nel giorno della sua 300esima partita in Serie A trova il guizzo con un destro al volo che batte Handanovic. L’Udinese prova a reagire con Di Natale ma l’occasionissima è sui piedi di Floro Flores che scarica un tiro potentissimo che viene parato da Agazzi. E’ il preludio del gol che arriva a un minuto dal termine del primo tempo con Floro Flores che da posizione ravvicinata fredda il portiere dei sardi. Nella ripresa Guidolin manda in campo il giovane Armero che sfiora il primo gol in Serie A con un tiro preciso che finisce vicino al palo. Udinese sfortunata con Di Natale che colpisce una traversa clamorosa. Finisce uno a uno.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pubblicità

I commenti dei lettori