ROMA SAMPDORIA/ I dubbi sull’arbitro Damato: interista e fan di Cassano

- La Redazione

Sulla partita disputata ieri sera tra Roma e Sampdoria pesano le sviste dell’arbitro Antonio Damato. E un vecchio articolo getta dubbi su di lui

Damato_Roma_SampdoriaR375

ROMA SAMPDORIA – L’arbitro Damato interista e fan di Cassano – Sulla partita disputata ieri sera tra Roma e Sampdoria pesano le sviste dell’arbitro Antonio Damato. Infatti in area della Sampdoria ci sono stati due tocchi di mano alquanto sospetti. L’esito della partita è noto: la Roma ha perso 2-1 e l’Inter è tornata prima in classifica.

 

Ma fa molto scalpore il fatto che l’arbitro della partita di ieri abbia già dichiarato la sua “fede” nerazzurra. Inoltre, essendo pugliese, l’arbitro Damato non ha mai nascosto la sua ammirazione per Antonio Cassano, giocatore della Sampdoria. Leggere l’articolo scritto il 5 gennaio 2002 dal collega Giuliano Foschini di Repubblica non fa che gettare ombre inquietanti sul direttore di gara di Roma-Sampdoria. Ne riportiamo di seguito il testo

«Il tifo tra gli arbitri non conta. E agli scettici da Bar sport del lunedì mattina basta chiedere conferma alla giacchetta nera barlettana Antonio Damato, 29 anni, interista da sempre. Cinque anni fa, durante la finale scudetto del campionato allievi tra la “sua” Inter e la Lazio, non ci ha pensato due volte a fischiare un rigore a favore della squadra romana. Il fato (benevolo) volle poi che dal dischetto il pallone non arrivò mai in rete e che i nerazzurri vincessero il tricolore.

Nel presente, per fortuna di Antonio, il piede di Vieri e Ronaldo fa spesso rima con il goal. E la sua carriera arbitrale sembra esplosa ormai definitivamente…

PER CONTINUARE A LEGGERE L’ARTICOLO SULL’ARBITRO DI ROMA-SAMPDORIA, ANTONIO DAMATO, CLICCA IL PULSANTE >> QUI SOTTO

Tutto era cominciato una dozzina di anni fa in una partita tra ragazzini al vecchio stadio di Barletta. Per gioco, tra l’altro, visto che l’oggetto del desiderio non erano tanto i cartellini e il fischietto quanto la tessera per entrare gratuitamente allo stadio (un classico per gli arbitri alle prime armi). Con il tempo, invece, è nata ed esplosa la passione. Nel mezzo ci sono state belle esperienze vissute, tanti nuovi posti conosciuti e fortunatamente nessun’aggressione (un altro classico, purtroppo, sui campi cosiddetti minori).

 

Antonio ne ha visti davvero tanti di calciatori. La maggior parte, racconta, ha appeso “le scarpe a qualche tipo di muro e adesso vive dentro un bar”. Qualcun altro non ha avuto paura di tirare un calcio di rigore, invece, e adesso gira in serie A. Nomi? Pinzi dell’ Udinese, Marazzina (la sorpresa del Chievo), Daniele Conti (il figlio del grande Bruno). E naturalmente Antonio Cassano.

 

Com’era? Praticamente com’è oggi. Dribblomane, sfrontato con i compagni, ma educato e disciplinato con il direttore di gara. “Un signore”, per Antonio. Che ricorda anche con piacere le giocate di Mitri del Martina Franca e di Stroppa, ai tempi del Foggia di Zeman, incontrato in un’amichevole contro il San Severo.

 

PER CONTINUARE A LEGGERE L’ARTICOLO SULL’ARBITRO DI ROMA-SAMPDORIA, ANTONIO DAMATO, CLICCA IL PULSANTE >> QUI SOTTO

La vita di un arbitro, a questi livelli, è a quella di un atleta a tutti gli effetti. Damato si allena tre volte a settimana. E in serata fa sempre un salto nella sua sezione, a Barletta, dove rappresenta un importante punto di riferimento per tutti i colleghi più giovani di lui.

 

La carriera, inevitabilmente, lo ha portato a trascurare altri aspetti della sua vita. Primo di tutti gli affetti. “Non è facile trovare una ragazza che sia pronta ad accettare questi ritmi. Il sabato e la domenica, in pratica, non ci sono mai”. Adesso è single, ma non ha perso la speranza. D’altronde il suo cartellino vincente potrà sempre essere il fascino della divisa.  

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori