ESCLUSIVA CSKA MOSCA INTER/ Boninsegna: «Inter votata all’attacco ma occhio al campo!»

- La Redazione

ROBERTO BONINSEGNA, ex bomber nerazzurro, analizza la sfida di stasera (ore 18,30) allo stadio Luzhniki  

Inter_train_R375_6apr10

CSKA MOSCA INTER – In esclusiva per ilsussidiario.net l’ex grande attaccante nerazzurro Roberto “Bonimba” Boninsegna. Un commento del mantovano sulla gara di questa sera fra il Cska Mosca e l’Inter, uno sguardo al modulo tattico e all’ostacolo “sintetico”.

Boninsegna, il suo pronostico per Cska Mosca – Inter…

Penso che l’Inter abbia ottenuto la qualificazione in casa. All’andata, infatti, era più difficile fare risultato. Ora i nerazzurri devono difendere l’1 a 0 ma di fronte avranno una squadra che con grande probabilità si sbilancerà per cercare il gol e questo naturalmente favorirà l’Inter.

L’Inter potrebbe giocare col “modulo Chelsea” un’ipotesi molto probabile vista la difesa del Cska, sicuramente non imperforabile…

L’Inter non scenderà in campo per difendere il risultato ma cercherà di attaccare e di segnare altre reti. Con l’organico che ha non può andare a Mosca per chiudersi e difendere l’1 a 0 dell’andata. Il modulo Chelsea favorirà senza dubbio l’obiettivo.


 Secondo lei il manto sintetico potrebbe incidere sul risultato?

Questa è una questione da tenere in considerazione. Il campo sintetico è molto pericoloso e può provocare dei brutti infortuni. Mi sembra incredibile che la Uefa possa fare disputare una gara di Champions League su un campo del genere. Naturalmente si tratta di un vantaggio per i padroni di casa e di un handicap per l’Inter.

 

Di quale giocatore non farebbe a meno questa sera?

E’ difficile sceglierne uno vista che l’Inter ha una rosa talmente ampia e competitiva…

 

E Balotelli?

Adesso che ha risolti i suoi problemi con il tecnico, la società e i giocatori, è sicuramente da tenere in considerazione. E’ a disposizione della squadra ed è stato convocato, toccherà a Mourinho decidere se mandarlo in campo o meno.

 

(Davide Giancristofaro)

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori