Napoli Calciomercato/ Guarente a un passo: a ore l’ufficialità

- La Redazione

Il centrocampista dell’Atalanta dovrebbe siglare nelle prossime ore il contratto che lo legherà ai partenopei

Guarente_r375_10mag10

CALCIOMERCATO NAPOLI – Manca davvero poco all’ufficialità di Tiberio Guarente, primo rinforzo del Napoli in vista della stagione 2010-2011. Il centrocampista dell’Atalanta lascerà Bergamo a breve per trasferirsi in quel di Castel Volturno. Secondo le ultime indiscrezioni all’Atalanta andrebbero 4 milioni di euro più la comproprietà di Vitale. Il nerazzurro rappresenta infatti il giocatore ricercato da Mazzarri, in grado di unire tanta qualità a molta sostanza. ll giocatore tra l’altro ha indubbie quali tecniche tanto che nel mercato di gennaio il suo nome era stato sondato anche dalla Juventus.

«Mi piacerebbe giocare qui», ha detto Guarente ieri al San Paolo, mentre questa la conferma del presidente De Laurentiis: «Cerchiamo un centrale mancino, un mediano e una prima punta da 20 gol. Guarente è un ottimo centrocampista, per la difesa mi piace Ruiz dell’Espanyol, in attacco Pazzini, ma in caso di Champions non credo lascerà Genova». Un Napoli che potrebbe addirittura “saccheggiare” il club bergamasco visto che nel mirino ha anche il difensore centrale Thomas Manfredini. Per lui è stato effettuato un sondaggio e non è da escludere che a breve possa concretizzarsi il trasferimento.

Da segnalare intanto le dichiarazioni del suo agente Giovanni Bia che getta acqua sul fuoco in merito alla conclusione dell’affare. «C’è stato un approccio, niente più. La trattativa probabilmente – dice in esclusiva a tuttonapoli.net –  la faranno le due società, personalmente non sono stato ancora chiamato in causa. Smentisco nella maniera più assoluta che ci sia già un accordo. Mettere in giro false voci è sbagliato, soprattutto in un momento così delicato per l’Atalanta. I giocatori vivono sotto scorta ormai da una settimana. Se il corteggiamento dovesse diventare concreto ci siederemo attorno ad un tavolo e valuteremo. Bisogna, però, onorare prima il campionato con la maglia della Dea».

 



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori