LAZIO-INTER / L’indignazione di dirigenti, politici e tifosi di tutto il mondo

- La Redazione

Rabbia, sconcerto, vergogna. Sono alcune delle impressioni a caldo dopo la vittoria dell’Inter all’Olimpico sul campo della Lazio. Per il presidente della Roma, Rosella Sensi, dopo quanto abbiamo visto, definire il nostro il campionato il più bello del mondo è quantomeno un paradosso

dirigenti_inter

Rabbia, sconcerto, vergogna. Sono alcune delle impressioni a caldo dopo la vittoria dell’Inter all’Olimpico sul campo della Lazio. Per il presidente della Roma, Rosella Sensi, “dopo quanto abbiamo visto, definire il nostro il campionato il più bello del mondo è quantomeno un paradosso. Al posto dell’Inter mi sarei vergognata di vincere in questo modo. Comunque sono certa di una cosa: la gioia dei tifosi della Lazio non è inferiore a quella dei tifosi nerazzurri”.
 
Per Gian Paolo Montali, coordinatore generale della Roma, “ieri all’Olimpico si è vissuta una delle pagine più brutte della storia del calcio. Dovrebbe indignare chi si occupa di sport in questo Paese. Ieri chi era più in imbarazzo sul campo erano i giocatori dell’Inter, la società e il presidente. Vedere l’Inter ieri, una squadra così forte, così nobile, dover giocare in quelle condizioni è stato imbarazzante. Se l’Inter ieri avesse giocato come sa avrebbe vinto comunque, ma quella scritta ieri è veramente una brutta pagina di questo sport che oggi dovrebbe essere listato a lutto”.
 
Anche se il presidente dell’Inter, Massimo Moratti, a chi gli chiede se si senta vergogni di come sono andate le cose ieri sera risponde: “Vergognarci? Non so per cosa. Rispetto la sensibilità di Rosella Sensi e preferisco non rispondere. Devo dire che è un problema fra Roma e Lazio, non riguarda l’Inter. Io sarò particolarmente apprensivo, ma ho sofferto fino alla fine. Più che altro il pubblico era assolutamente schierato per noi e questa era una situazione molto strana. Il campionato non è chiuso, nemmeno per sogno. È meglio aver vinto certo, ma in tutti i casi ci aspettano ancora due partite difficili”.

 Non è d’accordo con lui Maurizio Zamparini, presidente del Palermo, per il quale “è una partita che non merita giudizio, perché quando una squadra gioca senza pubblico in casa, perde il 90%. Mi auguravo che non si dovesse vedere nel nostro campionato, ma non voglio fare giudizi su questa tifoseria”. Stesse critiche da Pietro Lo Monaco, amministratore delegato del Catania: “Lazio-Inter? Ho visto il primo tempo, poi ho spento la tv… Una vittoria annunciata dell’Inter che ci poteva anche stare per i valori in campo, ma non mi è piaciuta questa arrendevolezza. D’altronde per tutta la settimana non si è fatto altro che accennare a questa disponibilità della tifoseria laziale a una vittoria dell’Inter…”.

 
Indignato anche Maurizio Gasparri, parlamentare del Pdl: “Ieri è stata scritta una pagina di vergogna. L’Inter potrà vincere lo scudetto, ma per quello che si è visto ieri all’Olimpico, sarà uno scudetto simile a quello ottenuto con le telefonate di Facchetti agli arbitri. Ho voluto essere testimone di quanto sarebbe accaduto. Capisco la tradizionale contrapposizione tra la tifoseria laziale e quella romanista, ma ieri si è superato ogni limite. C’è lavoro per la Federcalcio. La vittoria dell’Inter ci poteva senz’altro stare, ma non in quel modo e non in quel clima. I neroazzurri rischiano di raggiungere l’obiettivo dello scudetto con modalità ignobili. È stato poi paradossale vedere che come ‘ringraziamento’ al pubblico laziale per l’esultanza ai gol dell’Inter, i tifosi interisti si siano uniti ai cori dei tifosi biancocelesti negli insulti al presidente della Lazio”.

 

 

Un sentimento davvero bipartisan, se Enzo Foschi del Pd non manca di rimarcare: “Ieri sera abbiamo assistito a una vera e propria vergogna, determinata in primo luogo dalla scelta di non far giocare contemporaneamente partite così importanti per la corsa allo scudetto e per la lotta a non retrocedere. Aver permesso alla Lazio di scendere in campo, essendo già a conoscenza del risultato delle altre partite è stata una scelta, sotto gli occhi di tutti, che ha di fatto falsato il campionato. L’impressione vedendola è stata quella di una partita assolutamente finta. Ieri è morto lo sport: l’atteggiamento dei calciatori della Lazio rappresenta, infatti, la negazione dei valori sani che esso porta in sé. Per questo sarebbe opportuno che in un sussulto di dignità la Lega Calcio proponesse un minuto in ricordo dei valori e dell’etica sportiva, prima delle partite della prossima giornata di campionato”.
 
E sempre nel Pd anche Marco Palumbo ammette: “Lo sapevamo. c’era una grossa pressione nei confronti dei giocatori a Formello. Il problema è che non c’è contemporaneità. Anche in eccellenza si gioca in contemporanea. Ieri si è data una brutta immagine della città nel mondo. A noi non verrebbe mai in mente di tifare per gli avverarsi. Purtroppo l’Italia è un Paese morto dal punto di vista culturale. Sono molto pessimista. Ieri qualcuno l’ha detto che la partita è stata un farsa. In Inghilterra non ci sarebbe mai stato un problema del genere e allora nelle ultime giornate è necessaria la contemporaneità delle partite. Non si capisce perché in questo campionato solo due turni si giocheranno in contemporanea. Lotito? Non mi sento di difenderlo. Il bello è che aveva urlato allo scandalo per le insinuazioni fatte in settimana”.

 

 

 

E l’eco della partita si è fatta sentire anche all’estero. Nell’era di Internet e della libera informazione quanto successo ieri tra Lazio e Inter non poteva infatti rimanere confinato solamente in Italia. Così quanto avvenuto ieri all’Olimpico ha fatto presto il giro d’Europa con forum, blog e siti web che non hanno lesinato critiche al calcio italiano, sintetizzate sul portale laroma.net. Sul forum dei tifosi del Liverpool (redandwhitekop.com) è l’utente Ged_Red a commentare incredulo la sfida di domenica: “Non posso immaginare che i tifosi del Liverpool possano essere in grado di fare una cosa simile”. Incredulo anche l’utente “the-lightning”: “A questo punto mi auguro che la Lazio possa perdere le ultime due gare e retrocedere”, mentre “matchyg” conclude : “Da oggi odierò la Lazio”.
 
Duri i commenti del sito spagnolo goal.com, che senza mezzi termini attacca: “La Lazio ha mostrato una preoccupante mancanza di professionalità visto che l’Inter ha dovuto affrontare una Lazio disposta a perdere”. Anche sul forum dei tifosi del Barça (barcaforum.com) i commenti sono dello stesso tenore. Per l’ utente “Plip”, “guardare Lazio – Inter è stato atroce. Non ho mai visto una gara così tenera giocata senza sforzo”, mentre l’utente “Lola” aggiunge: “Odio l’Inter e la Lazio. Spero che la Roma possa vincere il titolo”. Spostandoci sul sito dei supporter dell’Arsenal, (arsenal-mania.com) il primo commento è riservato alla formazione giallorossa con l’utente che si firma “AFCG7” : “La Roma ha mostrato di avere le palle. Magari qualche nostro giocatore dovrebbe prendere nota”. Secco il giudizio di “Amor for sleep”: “E’ una vergogna… L’Inter probabilmente vincerà di nuovo il titolo” e di “Usarsenal”: “E’ stato uno spettacolo disgustoso… vedere i tifosi laziali esultare per i goal dell’Inter”.

Stesso tenore sul forum dei tifosi del Manchester (redcafe.net): “Questo è ridicolo –dice Franq -, i tifosi laziali stanno fischiando ogni tentativo di rete dei propri giocatori. Inoltre, i giocatori della Lazio stanno solo aspettando che l’Inter raddoppi e non stanno facendo assolutamente nulla. Le poche volte che Zarate ha tirato in porta è stato fischiato così forte che sembrava di essere allo stadio Giuseppe Meazza”. Senza mezzi termini il commento dell’utente Sonny: “Dopo questa sera il calcio italiano deve essere bandito dalle competizioni internazionali”.

 

GUARDA IL VIDEO CON I COMMENTI IMBARAZZATI DEI DIRIGENTI DELL’INTER

 

 

GUARDA IL VIDEO CON I COMMENTI DEI GIOCATORI DELL’INTER DOPO LA PARTITA CON LA LAZIO



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori