CALCIO/ Sampdoria, il capitano Palombo: grazie Genoa!

- La Redazione

Il capitano Palombo ha dettato parole di forza alla squadra, ma soprattutto ha avuto espressioni di ringraziamento per i propri tifosi e per la sportività dimostrata dal Genoa.

Palombo_r400-1
Angelo Palombo (foto Ansa)
Pubblicità

La Sampdoria, terzultima in coabitazione con il Lecce a quota 35 punti, sarebbe al momento salva in virtù degli scontri diretti.

Ma il cammino da qui al 22 maggio è ancora molto lungo e tortuoso: i doriani se la vedranno, da qui alla fine, ancora con il pericolante Brescia, il Genoa, il Palermo e la Roma, che compongono un quartetto di gare da brivido.

A Bogliasco lo sanno benissimo: queste quattro giornate si giocheranno sul campo e alla radiolina, in attesa di buone notizie dagli altri campi. Il primo “favore” alla Samp vittoriosa a Bari è arrivato, inaspettatamente, proprio dagli storici rivali del Genoa che, con la vittoria di Marassi sul Lecce (4-2), hanno fermato la corsa dei pugliesi e permesso ai cugini l’aggancio proprio ai giallorossi.

E il capitano Palombo ha dettato parole di forza alla squadra, ma soprattutto ha avuto espressioni di ringraziamento per i propri tifosi e per la sportività dimostrata dal Genoa nella gara di domenica scorsa. 

CLICCA SUL SIMBOLO >> PER CONTINUARE A LEGGERE LE PAROLE DI PALOMBO SULLA SAMPDORIA

Pubblicità

“L’appoggio che i tifosi continuano a dare alla Sampdoria anche in una situazione di classifica che nessuno avrebbe immaginato è grandioso – dice Palombo – ci sono stati momenti di tensione ma possono essere più che comprensibili in una fase come quella che stiamo vivendo – si legge su primocanalesport.it – . Devo fare i complimenti al Genoa per quello che sta facendo, per il modo con cui sta affrontando questo finale di campionato contro dirette avversarie nostre nella lotta per la salvezza. Devo fare tutti i miei complimenti e devo ringraziare il Genoa, i giocatori si stanno comportando da veri professionisti. Ben vengano quindi anche questo genere di aiuti; però c’è da dire che il resto adesso dobbiamo farlo noi”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pubblicità

I commenti dei lettori