CALCIO/ Squalifiche per il prossimo turno di serie A: 2 turni a Inler e Mauri

- La Redazione

Il giudice sportivo Giampaolo Tosel infatti ha deciso di comminare due giornate di squalifica a ben tre giocatori: Mauri (Lazio), Inler (Udinese) e Rudolf (Bari).

Giudice_sportivo_r400
giustizia sportiva (foto Ansa)
Pubblicità

Mano pesante del giudice sportivo in vista delle prossime gare di serie A. Il giudice sportivo Giampaolo Tosel infatti ha deciso di comminare due giornate di squalifica a ben tre giocatori: Mauri (Lazio), Inler (Udinese) e Rudolf (Bari). Il laziale è stato punito “per avere, a gioco fermo, scalciato un avversario ad una gamba” e salterà due big match non da poco (Lazio-Juventus ed Udinese-Lazio): tuttavia la società di Lotito ha annunciato che ricorrerà contro tale decisione.

Stessa decisione presa dall’Udinese per tentare di riavere Inler proprio in vista del match casalingo con i biancocelesti: lo svizzero sicuramente salterà la gara con la Fiorentina e sperare che arrivi uno sconto di pena è difficile, in quanto, scrive il giudice, “il giocatore all’atto della ammonizione ha contestato platealmente il direttore di gara fronteggiandolo petto contro petto” e tale mancanza di rispetto non può essere tollerata.

Particolare il caso di Rudolf: in Bari-Sampdoria non è stato espulso e nemmeno ammonito, ma si è comunque preso due turni di stop per “aver ripetutamente rivolto all’arbitro, al termine della gara, un epiteto ingiurioso”. Gervasoni, arbitro del match, ha sentito e messo tutto a verbale e il giudice ha potuto così “punire” il giocatore barese.

Sono state inoltre applicate delle sanzioni pecuniare a Lazio (8.000 euro) e Udinese (2.000 euro).

CLICCA SUL SIMBOLO >> PER LEGGERE TUTTE LE LATRE SQUALIFICHE PER IL PROSSIMO TURNO DI SERIE A

Sono infine stati squalificati per una sola giornata:

Pubblicità

Pioli (Sampdoria)
Volta (Sampdoria)
Julio Cesar (Inter)
Colucci (cesena)
Armero (Udinese)
Dainelli (Genoa)
Milanetto (Genoa)
Palacio (Genoa)
Angelo (Parma)
Zaccardo (Parma)
Van Bommel (Milan)

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pubblicità

I commenti dei lettori