GIRO D’ITALIA/ Esclusiva eruzione Etna, l’esperto: nessun rischio per la tappa di domenica

DOMENICO PATANE’ responsabile dell’INGV di Catania rassicura gli amanti della due ruote: il tappone di domenica che si concluderà sull’Etna si correrà senza problemi

13.05.2011 - La Redazione
ciclisti_etna_R400_12mag11
Foto Ansa

«Salvo variazioni improvvise nelle ultime ore la tappa di domenica si correrà regolarmente». Domenico Patanè, dirigente di ricerca e Direttore della Sezione di Catania dell’Ingv (Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia), tranquillizza gli appassionati del Giro d’Italia: la Messina – Etna si correrà senza problemi. Lui conosce nei minimi dettagli l’attività del vulcano, lo tiene monitorano da anni, ne conosce i segreti, i momenti di riposo e quelli di attività. E in questa intervista esclusiva rilasciata a ilsussidiario.net si dice ottimista sul fatto che la corsa rosa fra due giorni salirà senza problemi sulle pendici dell’Etna.

Dottor Patanè quanti rischi ci sono che l’Etna torni a eruttare?

Si tratta di episodi intensi che durano anche alcune ore. Si stanno intervallando ciclicamente in questo ultimo periodo: ogni 30-40 giorni il vulcano torna in attività. Abbiamo riscontrato che una volta conclusasi, i parametri sono rientrati e tutto è tornato alla normalità

Ci dice che non registrate possibile eruzioni tra oggi e domenica?

Dai dati in nostro possesso non riscontriamo una possibile ripresa dell’attività nelle prossime 72 ore. Al momento non registriamo variazioni che possono far cambiare questa lettura. Non prevediamo al momento un risveglio dell’attività dell’Etna.

Parliamo invece delle cenere vulcanica: di cosa si tratta?

La cenere vulcanica per dimensione e densità pare assomigliare per granulosità alla sabbia del mare. Sono particelle di rocce e minerali piccolissime, con un diametro inferiore ai 2 millimetri e sono prodotte durante l’eruzione.

 

Se respirate possono essere nocive per gli atleti?

Possono creare dei problemi ma se rimosse, ad esempio dall’asfalto, non c’è più nessun problema per l’uomo. Su questo aspetto mi sento di tranquillizzare gli atleti …

 

La presenza di cenere sull’asfalto può creare qualche problema di tenuta da parte dei ciclisti?

E’ possibile anche se so che il comune di Nicolosi, che ha nel suo territorio di competenza il tratto di strada che porta al rifugio Sapienza, sta lavorando per portar via nel più veloce tempo possibile le tonnellate di ceneri presenti sul percorso. Le strade per domenica saranno perfettamente passate…

 

Stiamo tranquilli allora: domenica si corre…

Sono ottimista: l’Etna non dovrebbe più fare scherzi…

 

(Francesco Montini)

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori