TIRRENO-ADRIATICO/ Bartoli: Froome? E’ lui il favorito per la vittoria. Nibali… (esclusiva)

- int. Michele Bartoli

L’inglese Chris Froome ha vinto la quarta tappa della ‘Tirreno–Adriatico’, la Narni–Prati di Tivo di 173 chilometri. Nibali è arrivato terzo. Chi è il favorito? Il punto di MICHELE BARTOLI

vincenzo_nibali_vuelta
Vincenzo Nibali (Infophoto)

L’inglese Chris Froome ha vinto la quarta tappa della “Tirreno–Adriatico”, la Narni–Prati di Tivo di 173 chilometri. Froome ha staccato tutti gli altri corridori negli ultimi metri della salita finale. Ha preceduto di 5 secondi Mauro Santambrogio e di 9 Vincenzo Nibali. Poco più indietro gli altri big Horner a 14 secondi, Contador a 17 secondi. Nibali in ogni caso ha dato battaglia, cercando di opporsi fino alla fine alla supremazia di Froome. In testa alla classifica generale c’è il giovane corridore polacco Kwiatkowski con 4 secondi su Froome e 16 secondi su Nibali. Insomma la “Tirreno – Adriatico” sembra essere diventata un affare privato tra lo stesso Froome e il corridore siciliano, anche se l’ultima tappa a cronometro dovrebbe favorire le caratteristiche del portacolori del team Sky. Domani sarà in programma la quinta tappa, l’Ortona – Chieti di 230 chilometri. Per parlare della “Tirreno – Adriatico” abbiamo sentito Michele Bartoli. Eccolo in questa intervista a ilsussidiario.net.

Chris Froome protagonista in questa quarta tappa della “Tirreno–Adriatico”, è lui il favorito della corsa dei due mari? Penso proprio di si, oggi in salita ha dimostrato una superiorità su tutti gli altri corridori. Se poi si considera che è molto forte a cronometro, dovrebbe fare valere questa sua caratteristica tecnica nell’ultima tappa della “Tirreno – Adriatico”.

E Nibali, quali saranno le sue possibilità di successo finale? Nibali ha disputato una bella tappa oggi, ma è inferiore a Froome a cronometro, credo quindi che le sue possibilità di vittoria finale siano molte di meno rispetto al corridore inglese.

Parliamo invece di Contador, come ha visto il corridore spagnolo oggi? Non l’ho visto bene, l’ho visto indurito, non così in forma, quasi in difficoltà. Non mi è sembrato in grandissime condizioni.

Un giudizio su Kwiatkowski, il corridore polacco che ora è in testa alla classifica della corsa? Personalmente non lo conosco. So solo che uno dei giovani più promettenti del ciclismo attuale.

Secondo lei quali sono i corridori che si giocheranno la vittoria finale? Penso che saranno i primi 4- 5 della classifica attuale della “Tirreno – Adriatico”. Naturalmente Froome e Nibali avranno più possibilità degli altri.

Le piace questa edizione della “Tirreno–Adriatico”, in particolare il percorso di questa corsa?

Si direi, di si. Ci voleva anche un’altra tappa difficile, impegnativa. Quella di domani che porterà i corridori da Ortona a Chieti risponderà a queste esigenze, andrà proprio bene per tutto questo. 

Si può già dire chi saranno i protagonisti della prossima “Milano–Sanremo” o è troppo presto? Credo che Sagan abbia molte possibilità di vincere la Sanremo, è forte in volata e soprattutto riesce a uscire bene da strappi come il Poggio. Cavendish ha anche lui ottime possibilità di far bene ma non lo vedo così competitivo come Sagan. A loro due aggiungerei Pozzato, Moser e Petacchi, i nostri corridori italiani che potrebbero far meglio alla Sanremo. Credo che saranno questi 5 i possibili vincitori. 

Nibali? Nibali non mi sembra in grado di poter vincere. Potrebbe riuscirci se partisse ad esempio in discesa, sfruttando le sue caratteristiche di ciclista adatto a questo tipo di percorso. Tantomeno vedo Froome capace di imporsi alla Sanremo. 

(Franco Vittadini)

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori