Probabili formazioni/ Italia-Irlanda del Nord Under 21, le ultime novità (qualificazioni europee, gruppo 9)

- La Redazione

Le probabili formazioni di Italia-Irlanda del Nord Under 21, partita valida per il gruppo 9 delle qualificazioni ad Euro 2015: le ultime notizie, le scelte e le dichiarazioni di Di Biagio

marrone_under21
(INFOPHOTO)

Oggi pomeriggio alle ore 17.00 italiane (le 16.00 locali) si gioca Irlanda del Nord-Italia Under 21, partita valida per il gruppo 9 delle qualificazioni agli Europei di categoria, che si disputeranno nel 2015 in Repubblica Ceca. Contro l’ultima in classifica, per gli azzurrini del c.t. Gigi Di Biagio l’unico obiettivo possibile è la vittoria, anche perché attualmente l’Italia è terza in classifica ma solo le prime di ogni girone più le quattro migliori seconde accedono ai playoff. Vero che capolista è il Belgio, che ha giocato una partita in più, ma oggi le distanze andranno necessariamente ridotte, approfittando anche dello scontro diretto fra il Belgio e la Serbia, attualmente seconda. Tornando però a Irlanda del Nord-Italia Under 21, ecco le ultime notizie sulle due squadre e le loro probabili formazioni per l’incontro che sarà diretto dall’arbitro bulgaro Kabokov.

Così dunque ha parlato Di Biagio nella conferenza stampa alla vigilia della partita: “Loro hanno solo da guadagnare, noi abbiamo un solo obiettivo e dovremo raggiungerlo. Sarebbe certamente stato meglio avere più giocatori a disposizione, ma ho in ogni caso tante soluzioni e posso contare su un gruppo forte e responsabile. Ho una fiducia illimitata in questi ragazzi. Mi aspetto la solita determinazione da parte di chi andrà in campo, ma chi lo farà dovrà essere più uomo che giocatore perché è una partita in cui saranno l’attenzione e la concentrazione, ancor più che le giocate, a fare la differenza. Non cambierò il mio modo di giocare. Non è una sfida da prendere alla leggera, dovremo giocare uniti, palla a terra, e ripartire veloci”. L’elenco degli assenti è molto lungo, per cui la formazione è quasi obbligata: c’è però di positivo il fatto che negli ultimi turni di campionato si sono ritagliati spazi importanti giocatori come Romagnoli (Roma) e Benassi (Livorno), che ora potranno dare un contributo notevole a difesa e centrocampo. Da sottolineare che come terzino sinistro agirà Murru, che in passato ha avuto problemi con il codice etico. In attacco ecco Comi punta centrale, con il trio Dezi-Bernardeschi-Battocchio ad agire alle sue spalle.

La panchina risente delle tante assenze: spiccano il portiere di riserva Leali, Crisetig a centrocampo e il talento di Fedato e Molina per dare varietà al reparto offensivo.

L’elenco è lungo e variegato. Si parte da ben tre squalificati, cioè Antei, Biraghi e Baselli, tutti potenziali titolari e gli ultimi due anche con buon minutaggio in serie A. In difesa Bianchetti e Zappacosta sono infortunati, così come l’attaccante Belotti, per il quale c’è stata una piccola polemica con il Palermo sulla convocazione, simile al caso Chiellini per la Nazionale maggiore (ieri però Di Biagio ha spiegato tutto spegnendo le polemiche). C’è poi Perin convocato da Prandelli e infine la situazione che più ha fatto discutere negli ultimi giorni, cioè l’inevitabile assenza di Berardi dopo che il giocatore del Sassuolo domenica in campionato si è fatto espellere 48 secondi dopo il proprio ingresso in campo. Stavolta nessuna discussione, il codice etico è stato applicato e ancora una volta Berardi non potrà aiutare questa Under 21.

Ultimo posto e tre soli punti in classifica per i nord-irlandesi, frutto della vittoria casalinga contro Cipro dello scorso novembre (1-0). In casa comunque sono avversari ostici: lo conferma il successo di misura (0-1) ottenuto dal Belgio capolista. Di certo l’Irlanda del Nord sta meglio dell’Italia sul fronte degli assenti: nessun squalificato e nessun infortunato, la rosa a disposizione del commissario tecnico Jim Magilton è al completo. Il capitano è Luck McCullough, ventenne difensore che gioca in Inghilterra (Doncaster Rovers): sa fare anche il terzino, ma oggi dovrebbe essere il centrale di una difesa a cinque in cui è da segnalare la presenza del giovanissimo Liam Donnelly, esterno sinistro classe 1996. A centrocampo spicca il regista Greg Tempest, ventenne del Notts County, mentre in attacco si sarà il trequartista e numero 10 Kirk Millar in appoggio alla punta centrale che dovrebbe essere James Gray.

 

Brennan; Winchester, Donelly, McCullogh, Sendles-White, Donnelly; Brobbel, Tempest, Carlson; Millar; Gray. All. Magilton.

A disp.: Jhons, McNair, Gorman, McGeehan, Nolan, Shields, Lavery.

Squalificati: nessuno.

Indisponibili: nessuno.

Bardi; Sabelli, Ceccherini, Romagnoli, Murru; Benassi, Viviani; Dezi, Bernardeschi, Battocchio; Comi. All. Di Biagio.

A disp.: Leali, Rugani, Crisetig, De Col, Fedato, Molina, Trotta.

Squalificati: Antei, Biraghi, Baselli.

Indisponibili: Belotti, Zappacosta, Berardi, Bianchetti.

 

Arbitro: Kabokov (Bul).

 Mercoledì 5 marzo alle ore 17:00 italiane si gioca la partita tra Italia ed Irlanda del Nord Under 21, valida per il gruppo 9 delle qualificazioni ai prossimi campionati europei di categoria, che si svolgeranno in Repubblica Ceca. La situazione di classifica non è delle più semplici per gli azzurrini, che hanno una partita in meno così come la Serbia (5), ma si trovano attualmente al terzo posto nel girone. La classifica vede in testa il Belgio con 13 punti (e 6 partite giocate), poi la Serbia a 10 e l’Italia a 9, infine Cipro a 6 punti e l’Irlanda del Nord a quota 3 (entrambe con 6 gare disputate). Per qualificarsi agli europei bisognerà passare dai playoff, cui accederanno le prime 10 di ogni girone e le 4 migliori seconde. Irlanda del Nord-Italia si gioca a Lurgan, cittadina situata nella fascia centro-sud dell’Ulster.

 I nordirlandesi hanno conquistato gli unici tre punti del loro girone nella sfida casalinga contro Cipro, che risale allo scorso 19 novembre (vittoria per 1-0). Contro l’Italia il commissario tecnico Jim Magilton dovrebbe schierare il modulo 4-3-3, pronto a trasformarsi in nu 4-5-1 in fase difensiva. In porta Conor Brennan, diciannovenne del Kilmarnock. Terzino destro il capitano Luke McCullogh, ventenne che gioca nel Doncaster Rovers, e a sinistra il giovanissimo Liam Donnelly del Fulham (classe 1996); la coppia centrale sarà probabilmente composta da Jamie Sendles-White (QPR) e Luke Conlan (Burnley Rovers). A centrocampo il perno centrale sarà Greg Tempest, ventenne che milita nel Notts County, supportato dagli interni Carl Winchester (terzino prestato al reparto di mezzo) e Ryan Brobbel del Middlesbrough. Sulle fasce previsti Josh Carson (York City) a destra e Caolan Lavery (Sheffield Wednesday) a sinistra; in particolare il primo è uno dei giocatori più quotati della sua nazionale. Unica punta di riferimento Kirk Millar, ventenne dell’Oldham Athletic. Una variazione potrebbe essere l’arretramento di Winchester nel ruolo di terzino a destra con l’inserimento di un altro centrocampista, e la panchina per uno dei due centrali di difesa.

 Diversi indisponibili per l’allenatore Gigi Di Biagio. In tutti i reparti a cominciare dalla porta, dove Perin è stato sottratto da Prandelli: poco male perché il titolare sinora è sempre stato Francesco Bardi che manterrà il suo posto tra i pali. In difesa il quartetto base è interamente fuori gioco, tra squalificati (Antei, Biraghi) ed indisponibili (Bianchetti, Zappacosta): il ct dovrebbe proporre a destra Sabelli, a sinistra Murru e in mezzo la coppia composta da Rugani e Alessio Romagnoli. Centrocampo: squalificato anche Baselli, la regia passerà nei piedi di Federico Viviani che sarà spalleggiato dal livornese Benassi; sulle fasce Molina a destra e Fedato a sinistra mentre Battocchio sarà il trequartista centrale. Unica punta dovrebbe essere Gianmario Comi, vista l’indisponibilità per infortunio di Andrea Belotti. Convocato anche Marcello Trotta, ventunenne del Fulham in prestito al Brentford in League One, la terza serie inglese (10 gol in 24 presenze sinora). Assente anche Domenico Berardi che è stato sospeso via codice etico, dopo la brutta gomitata rifilata a Molinaro durante l’ultimo Sassuolo-Parma.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori