GIRO DI CATALOGNA 2016 / Ordine d’arrivo e classifica quarta tappa Bagà-Port Ainè: vincitore De Gendt, maglia a Quintana (oggi giovedì 24 marzo)

- La Redazione

Giro di Catalogna 2016: ordine d'arrivo e classifica quarta tappa Bagà-Port Ainè. Vincitore Thomas De Gendt, secondo Nairo Quintana che è il nuovo leader (oggi giovedì 24 marzo)

quintana_rosa Nairo Quintana in maglia rosa al Giro 2014 (da Facebook)

Ha vinto la quarta tappa Bagà-Port Ainè del Giro di Catalogna 2016, che cambia anche in modo netto il volto della classifica generale, nella quale troviamo adesso al primo posto Nairo Quintana. Per quanto riguarda il successo di tappa, complimenti al belga della Lotto Soudal ma pure all’olandese Pieter Weening della Roompot, gli unici due attaccanti da lontano capaci di resistere fino sull’ultima salita. Ancora a 2 km dall’arrivo era al comando Weening, che però poi è stato superato da De Gendt, arrivato sul traguardo da solo a braccia alzate mentre l’olandese ha chiuso al sesto posto, superato anche dai migliori dei big. In particolare, al secondo posto si è piazzato il colombiano delal Movistar, che così è balzato in testa alla generale. Terzo Richie Porte e quarto Alberto Contador, con lo spagnolo che adesso è secondo a 8″ da Quintana mentre Porte è a 17″ dal colombiano.

Da poco superato anche il terzo Gpm della quarta tappa Baga-Port Ainè del Giro di Catalogna 2016, l’Alt d’Enviny, ciò significa che mancano poco più di 30 km all’arrivo di questa frazione. Il gruppo dei fuggitivi si è decisamente frammentato: davanti sono rimasti solamente in tre, cioè Pieter Weening (Roompot), Imanol Erviti (Movistar) e Thomas De Gendt (Lotto Soudal). Alle loro spalle resistono altri quattro inseguitori, cioè Ruben Plaza (Orica GreenEDGE), Laurens Ten Dam (Giant-Alpecin), Kristijan Durasek (Lampre-Merida) e Alexey Tsatevich (Katusha), mentre gli altri attaccanti hanno ormai alzato bandiera bianca. Intanto il gruppo sta riducendo il ritardo, che adesso si aggira attorno ai 6’30”. Qualcuno dei migliori fuggitivi ce la potrebbe anche fare, ma di certo fra i big sarà in ogni caso grande battaglia sull’ultima salita verso l’arrivo.

Percorsi oltre 90 km della quarta tappa Bagà-Port Ainè del Giro di Catalogna 2016, è in corso la lunga salita veros il secondo Gpm di giornata, il Port de Cantò. Al comando troviamo un folto gruppo di fuggitivi, formato dai seguenti corridori: Philippe Gilbert (BMC), Imanol Erviti (Movistar), Ruben Plaza (Orica GreenEDGE), Thomas De Gendt (Lotto Soudal), Laurens Ten Dam (Giant-Alpecin), Kristijan Durasek (Lampre-Merida), Pieter Weening (Roompot), Boris Dron (Wanty-Groupe Gobert), Ben Swift (Sky) e Alexey Tsatevich (Katusha). Il ritardo del gruppo è molto consistente, dal momento che è superiore ai nove minuti: la strada da fare è ancora tanta e le salite non mancheranno, ma almeno alcuni dei fuggitivi potrebbero anche puntare al colpaccio, anche perché non mancano buoni scalatori.

Iniziata da pochi chilometri la quarta tappa Bagà-Port Ainè del Giro di Catalogna 2016, è già stato affrontato il primo Gpm di giornata, che era collocato subito dopo la partenza. Si trattava della salita del Tùnel del Cadì, dove è passato per primo il corridore estone della Astana Rein Taaramae, che ha preceduto nell’ordine Grosschartner, Weening e Courteille. Una giornata dunque interessante fin da subito, anche se naturalmente per le grandi emozioni c’è ancora molta strada da fare…

In attesa della partenza della quarta tappa Bagà-Port Ainè del Giro di Catalogna 2016, diamo uno sguardo alle previsioni meteo lungo il percorso, particolarmente importanti dal momento che ci sarà da affrontare un arrivo in salita e recentemente ci sono stati problemi in montagna sia alla Parigi-Nizza sia alla Tirreno-Adriatico. Oggi però sulle salite catalane non dovrebbero esserc i particolari problemi: si annuncia infatti cielo poco nuvoloso e inesistente pericolo di precipitazioni, con temperature attorno ai 10°. Condizioni che dovrebbero dunque garantire un regolare svolgimento della tappa.

Oggi si corre la quarta tappa Bagà-Port Ainè del Giro di Catalogna 2016, che prevede un percorso di 172,2 km. Una tappa che si annuncia decisamente significativa, dal momento che proporrà un impegnativo arrivo in salita che di certo avrà un forte impatto sulla classifica della storica corsa a tappe catalana, di cui quest’anno si corre l’edizione numero 96.

Ieri la prima tappa di montagna ha esaltato l’irlandese Daniel Martin, vincitore di giornata e anche nuovo leader della classifica generale davanti ad Alberto Contador, secondo anche sul traguardo della tappa. Nelle prime posizioni anche tutti gli altri big, compreso un ottimo Davide Formolo, che è settimo a 21″ da Martin ed è il migliore degli italiani.

La partenza avrà luogo alle ore 12.30 da Bagà, piccolo Comune di poco più di 2.000 abitanti nella provincia di Barcellona. Immediatamente si salirà verso il primo Gpm di giornata, il Tùnel del Cadì, una ascesa di 5,4 km al 6% di pendenza media e con punte fino al 10%. Il primo momento davvero significativo della tappa sarà però la seconda salita di giornata, il Port de Cantò “Cima Peris”, una ascesa lunghissima (24,3 km) anche se irregolare, nella quale non mancheranno anche tratti in falsopiano e brevi discese. Il dato della pendenza media dunque non è molto alto (4,5%), ma attenzione perché alcuni tratti saranno davvero duri e si toccherà anche il 12% di pendenza massima. Lo scollinamento sarà al km 108,3. La terza salita sarà l’Alt d’Enviny, il cui Gpm sarà al km 136,3 dopo 8 km di ascesa con una pendenza media del 6,8% e punte fino al 12%. Salita dunque piuttosto impegnativa e ormai a poco più di 30 km dal traguardo, che sarà infine raggiunto con l’ultima salita che ci porterà all’arrivo di Port Ainè. Questa salita sarà molto lunga (18,5 km) e probabilmente il punto decisivo dell’intero Giro: 6,8% di pendenza media è un dato assai significativo per una ascesa così lunga e le punte di pendenza massima saranno al 12%.

La quarta tappa Bagà-Port Ainè del Giro di Catalogna 2016 sarà trasmessa in diretta tv su Eurosport, il canale tematico disponibile sia sulla piattaforma satellitare Sky sia sulla pay-tv digitale terrestre di Eurosport, dunque ci sarà pure la diretta streaming video, disponibile sia su Sky Go sia su Premium Play oltre che tramite Eurosport Player.

1. Thomas De Gendt (Lotto Soudal)

2. Nairo Quintana (Movistar)

3. Richie Porte (BMC)

4. Alberto Contador (Tinkoff)

5. Tejay Van Garderen (BMC)

6. Pieter Weening (Roompot – Oranje Peloton)

7. Ilnur Zakarin (Katusha)

8. Chris Froome (Sky)

9. Romain Bardet (AG2R La Mondiale)

10. Daniel Martin (Etixx – QuickStep)

1. Nairo Quintana (Movistar)

2. Alberto Contador (Tinkoff) +8”

3. Richie Porte (BMC) +17”





© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori

Ultime notizie

Ultime notizie