PAGELLE / Verona-Sampdoria: Fantacalcio, i voti della partita (Serie A 2016, 28^ giornata)

- La Redazione

Pagelle Verona-Sampdoria: i voti della partita di Serie A 2015-2016, anticipo della 28^ giornata. I protagonisti, i migliori e i peggiori al Bentegodi: i giudizi per il Fantacalcio

Tonigol_capitano
Luca Toni (Infophoto)

Eccoci puntuali con le pagelle di Verona-Sampdria, proprio al termine della gara. Allo Stadio Bentegodi di Verona la Sampdoria s’impone sull’Hellas per 3 reti a 0. La partenza degli ospiti blucerchiati lascia i padroni di casa senza possibilità di replica con il vantaggio di Soriano al 6′, chirurgico nel trovare il varco di prima sulla respinta di Gollini, e con il raddoppio di Cassano all’11’, fortunato nel trovarsi il pallone sui piedi dopo che aveva sbattuto sulla traversa a causa del tiro di Quagliarella, protagonista in entrambe le azioni da goal. La terza marcatura arriva poi alla mezz’ora del primo tempo con una splendida girata al volo di Lazaros Christodoulopoulos su suggerimento di De Silvestri dalla destra. La reazione dei Veneti è affidata agli sporadici, e decisamente poco incisivi, tentativi di Toni che, quando riesce ad arrivare sul pallone, sbatte contro il muro eretto da Viviano. I suoi compagni si rivelano oltretutto incapaci di fare la cosa giusta al momento giusto, come dimostrano le azioni di Wszolek e Rebic, e le azioni più pericolose della ripresa sono costituite dalle occasioni capitate a Romulo al 72′ ed a J.Gomez all’87’. Nel finale inoltre, Ranocchia sfiora il poker con un colpo di testa al 92′ che manca di pochissimo lo specchio della porta.

Gara dai due volti: nel primo tempo la Sampdoria passeggia sull’avversario con grandi giocate, anche frutto delle mancanze del Verona, mentre nel secondo tempo il match si spegne a causa della rinuncia dei doriani nel voler insistere e degli stucchevoli tentativi dei gialloblu.
Getta via la partita a cominciare dal primo tempo in cui non sembra nemmeno scendere in campo e lo spirito non migliora nemmeno nella ripresa.
Fa sue le redini del match con una partenza ed un primo tempo impeccabili decidendo poi di gestire il vantaggio.
Amministra bene una gara non facile con l’aiuto dei suoi assistenti.

Allo Stadio Bentegodi di Verona l’Hellas e la Sampdoria sono da poco rientrate in campo dopo l’intervallo sul punteggio di 0 a 3. I Blucerchiati partono molto forte rispetto agli avversari impegnando infatti Gollini al 2′ con Alvarez e passando in vantaggio al 6′ con Soriano, preciso nel colpire al volo la respinta del portiere gialloblu su Quagliarella. All’11’ poi la squadra di Montella, approfittando dell’errore di Fares, raddoppia quasi in maniera analoga grazie a Cassano, bravo ad approfittare del pallone rimpallato dalla traversa sulla conclusione di Quagliarella. Il terzo goal arriva alla mezz’ora con la splendida girata di Christodoulopoulos di prima intenzione su assist di De Silvestri dalla destra. Gli sforzi dei padroni di casa non si concretizzano e sono costituiti solo dagli sporadici, e fuori misura, tentativi di Rebic.

Squadra sfortunata ma anche poco attenta, potrebbe accorciare ma sbaglia proprio in fase di finalizzazione.  L’unico ad impegnare Viviano, prova a tenere alto il morale dei compagni commettendo comunque qualche errore a sua volta.  Non ne azzecca una e propizia anzi la rete del raddoppio doriano. Al 28′ Delneri si convince a sostituirlo mandando in campo Gilberto.  Passeggia sul Verona senza particolari difficoltà e mostrando grande fiducia nei propri mezzi.  Protagonista nei primi due goal, manca di poco lo specchio in un altro paio di occasioni.  Un po’ troppo irruento, si lascia sfuggire Wszolek sulla destra più di una volta. (Alessandro Rinoldi)

LE PAGELLE DELL’HELLAS VERONA:

GOLLINI 6 La fortuna non aiuta i suoi buoni interventi.
PISANO 5 Poco funzionale sia in fase offensiva che in quella offensiva.
MORAS 5 Rincorre gli avversari provando a salvare all’ultimo.
HELANDER 5 Non riesce sempre a coordinarsi con il compagno di reparto.
FARES 3,5 Commette troppi errori e tutti gravi, compreso quello decisivo sul raddoppio della Sampdoria. La sua partita dura appena 28 minuti ed al suo posto entra Gilberto.
WSZOLEK 5 La sua presatazione lascia l’amaro in bocca a causa delle tante belle azioni sciupate sul più bello.
MARRONE 5 Recordman tra i suoi compagni per quanto riguarda i palloni persi.
IONITA 5 Si nasconde senza riuscire ad entrare nel vivo della manovra.
SILIGARDI 5 Si perde per il campo senza fornire aiuto.
REBIC 5 Pecca di superficialità nel gestire le proprie azioni offensive.
TONI 5,5 Impegna Viviano ma oggi il pallone non sembra proprio intenzionato a voler entrare.
GILBERTO 5,5 Prende il posto di Fares senza lasciare il segno.
J.GOMEZ 6 Prova a fare il suo nei pochi minuti a disposizione.
ROMULO 6 Dà subito una scossa con una conclusione pericolosa.

All. DELNERI 4 Sbaglia la formazione iniziale e non riesce a correggere in corsa lo spirito dei suoi giocatori.

LE PAGELLE DELLA SAMPDORIA:

VIVIANO 7 Ottimo nelle sue uscite con i piedi, infonde fiducia in tutta la squadra.
CASSANI 6,5 Spezza con autorità una serie di azioni gialloblu.
RANOCCHIA 6,5 Offre un rendimento costante dal primo all’ultimo minuto e avrebbe meritato la rete del recupero.
MOISANDER 6 Nonostante l’irruenza, chiude in qualche modo senza strafare.
DE SILVESTRI 6,5 Spinge sulla propria corsia e serve un assist al bacio per Lazaros.
SORIANO 7 Fondamentale per la fluidità della manovra, realizza la rete che apre le marcature con grande precisione.
FERNANDO 6,5 Sempre utile con le sue abilità nel palleggio.
CHRISTODOULOPOULOS 6,5 Realizza una rete spettacolare con la girata al volo del 30′ ma non adempie a tutti i compiti affidatigli dal mister che lo richiama al 58′.
ALVAREZ 6 Parte bene salvo poi finire col perdere qualche pallone di troppo.
CASSANO 7,5 Aiuta la squadra con la sua tecnica e firma il goal del raddoppio.
QUAGLIARELLA 6,5 Dopo un primo tempo in cui si è rivelato immarcabile, nella ripresa si dedica maggiormente a difendere lasciando spazio ai compagni.
SILVESTRE 6 Rinforza la difesa colmando le lacune di Lazaros.
BARRETO 6 Sostituisce Soriano senza farlo rimpiangere.
MURIEL Senza Voto Entra al posto di Cassano per tenere alti i compagni con il suo lavoro sporco.

All. MONTELLA 7 Prepara evidentemente bene la gara e decide di gestire con cambi che non stravolgono la squadra.

(Alessandro Rinoldi)

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori