DIRETTA / Cittadella-Spal (risultato finale 1-3): vittoria e trofeo ai ferraresi (Supercoppa Lega Pro 2016, oggi 22 maggio)

- La Redazione

Diretta Cittadella-Spal, risultato finale 1-3: la formazione ferrarese espugna il Tombolato e mette in bacheca la Supercoppa Lega Pro. Reti di Zigoni, Lazzari e Finotto, Pascali per i veneti

tombolato_cittadella
(Infophoto)
Pubblicità

Il risultato finale premia la formazione ospite, che dunque vince la Supercoppa Lega Pro 2015-2016 succedendo nell’albo d’oro al Novara, e ottenendo il primo titolo della storia. Per la squadra di Leonardo Semplici arriva il coronamento di una stagione straordinaria, con un campionato condotto dall’inizio alla fine e che ha regalato la promozione diretta in Serie B; tutto facile questa sera, il Cittadella aveva già mollato mentalmente e nel primo tempo ha incassato tre gol (Zigoni, Manuel Lazzari e Finotto) che hanno di fatto chiuso i conti con 45 minuti di anticipo). Nella ripresa infatti è successo poco; soltanto al 90’ la squadra di Roberto Venturato ha avuto un sussulto di orgoglio trovando il gol della bandiera grazie a Manuel Pascali. A quel punto però era troppo tardi: vince la Spal che con pieno merito si mette in bacheca la Supercoppa Lega Pro. L’appuntamento per queste due squadre arriverà in piena estate con il primo turno della Coppa Italia Lega A; a seguire l’esordio in Serie B, per la Spal un’attesa durata oltre 20 anni mentre il Cittadella torna nel campionato cadetto dopo un solo anno in terza serie.

Pubblicità

È ormai fatta per la formazione di Leonardo Semplici, che con un primo tempo davvero perfetto va negli spogliatoi con tre gol di vantaggio e la forte sensazione di avere in tasca la Supercoppa Lega Pro 2015-2016. Prova di forza devastante per la Spal: che avesse un grande attacco lo sapevamo (il secondo migliore del campionato, due gol in meno di quello del Foggia) ma resta certamente sorprendente come sia riuscito a liberarsi in questo modo di un Cittadella che ha pur sempre dominato il suo girone, non dando mai la sensazione di poter perdere la promozione diretta in Serie B. Stasera invece è dominio Spal: dopo il gol di apertura di Zigoni, i ferraresi bussano altre due volte in tre minuti. Al 31’ Manuel Lazzari infila il gol del raddoppio, al 41’ Mattia Finotto trova il quattordicesimo gol della sua stagione e di fatto chiude partita e discorso per l’assegnazione del trofeo.

Pubblicità

Il gol di Gianmarco Zigoni dopo 10 minuti di gioco spalanca alla Spal le porte della Supercoppa di Lega Pro, che sarebbe una gran bella soddisfazione dopo aver ottenuto la promozione diretta in Serie B (che mancava da più di 20 anni). Per il classe ’92, che ha fatto le giovanili con Milan e Genoa, una stagione splendida: arrivato in prestito proprio dal Milan nel gennaio 2015 – via Monza, dove aveva giocato la prima parte del campionato scorso – ha segnato 11 gol in campionato esplodendo nelle ultime giornate (6 reti in 10 partite), in Coppa Italia ha due gol in sei gare mentre in questa Supercoppa aveva timbrato un assist contro il Benevento. I suoi gol stagionali sarebbero 14: contiamo anche quello – decisivo – segnato sul campo del Catania in Coppa Italia Lega A, un gol poi cancellato dalla Giustizia Sportiva avendo la Spal perso 3-0 a tavolino per aver schierato un giocatore squalificato.

Sta per cominciare: quale sarà la squadra che si aggiudicherà la Supercoppa Lega Pro 2015-2016? Il Cittadella si affida al 4-4-2 con Lamin Jallow – autore di una doppietta contro il Benevento – al fianco di Coralli nel tandem offensivo (panchina per Litteri, capocannoniere in campionato); la Spal gioca con un 5-3-2 che diventerà 3-5-2 in fase di possesso palla, Marco Cellini parte dalla panchina mentre la coppia d’attacco è formata da Zigoni e Finotto, con Mora e Lazzari che sono i giocatori destinati a percorrere le fasce laterali. Calcio d’inizio alle ore 20:45. Alfonso; Salvi, De Leidi, Pascali, Benedetti; Zaccagni, Iori, Paolucci, Chiaretti; Jallow, Coralli. A disposizione: Vaccarecci, Donazzan, Varnier, Minesso, Lora, Schenetti, Sgrigna, Bonazzoli. Allenatore: Roberto Venturato.

Branduani; M. Lazzari, Gasparetto, Ceccaroni, Giani, Mora; Spighi, Castagnetti, Schiavon; G. Zigoni, Finotto. A disposizione: Thiam, Beghetto, Bellemo, Cottafava, Cellini, Silvestri, F. Gentile, Posocco, Ferri, Grassi. Allenatore: Leonardo Semplici. 

A pochi minuti dal calcio d’inizio di Cittadella-Spal, lo scenario che si presenta è quello di una partita decisiva come abbiamo detto: la squadra che vincerà infatti si aggiudicherà la Supercoppa Lega Pro 2015-2016, succedendo nell’albo d’oro al Novara. Cosa succederebbe invece qualora dovesse terminare pari? Semplice: il regolamento parla chiaro, e dice che in caso di arrivo a pari punti ad aggiudicarsi la vittoria sarebbe la squadra con la migliore differenza reti globale. Dunque la Spal, che parte in vantaggio: i ferraresi hanno vinto 4-1 contro il Benevento, mentre il Cittadella lo ha fatto per 4-2. Ci fosse stata una differenza reti uguale si sarebbe proceduti al numero di gol segnati; poi, ai gol esterni realizzati e qui ad avere il vantaggio sarebbe stato il Cittadella, anche se la Spal avrebbe potuto cambiare le cose con un 5-5. Soltanto con tutti questi criteri pari si sarebbe proceduto al sorteggio.

Si avvicina Cittadella-Spal. Tra le sorprese di questa stagione nella formazione veneta c’è Mattia Zaccagni, calciatore di ventuno anni protagonista della stagione. Questi ha parlato così in conferenza stampa: “Non sono un centravanti e non vivo con l’ossessione del gol, ma segnare la prima rete è stato come sciogliere un nodo allo stomaco. E’ stato un gol pesante in una gara importante. Vogliamo questa Supercoppa ora e vogliamo cancellare il risultato dell’ultima trasferta che avevamo fatto al sud perdendo la finale della Coppa Italia contro il Foggia. Certo se contro il Benevento avessimo trovato il 5-2 oggi sarebbe statato diverso, così i pronostici sono a favore dei ferraresi che potranno anche accontentarsi del pareggio. Non è di certo un vantaggio da poco”.

Si gioca tra poco Cittadella-Spal, che come abbiamo detto deciderà il vincitore della Supercoppa Lega Pro 2015-2016. Della gara ha parlato il tecnico della squadra veneta Roberto Venturato, in conferenza stampa svelando anche alcune cose sulla formazione titolare: “E’ difficile che Scaglia e Cappelletti siano a disposizione” ha detto l’allenatore “hanno ricevuto un trauma cranico in mezzo alla settimana e il rischio è troppo alto. Litteri e Jallow invece sono pronti per scendere in campo reduci rispettivamente da una botta e da crampi. Bisognerà invece capire bene come reagirà alle ultime ore Nava”. Sulla gara: “La Spal cerca sempre di giocare per vincere e non si snatureranno. Hanno grandi valori e possono contare anche sulla presenza di un grande allenatore. C’è titolo prestigioso da raggiungere, ci proveremo”.

Dall’arbitro, si gioca oggi alle ore 20:45 allo stadio Piercesare Tombolato. Si tratta di una partita valida per la Supercoppa di Lega Pro 2015/2016. Chi vince oggi si aggiudica il trofeo, dato che il Benevento è fuori dai giochi in questo speciale triangolare tra le prime tre classificate dei tre gironi. In caso di parità i parametri da seguire per l’assegnazione della coppa saranno in serie i seguenti: differenza reti nelle gare di girone, maggior numero di reti segnate nella gare di girone, maggior numero di reti segnate nella gara esterna di girone, sorteggio.

Il Cittadella di Roberto Venturato mercoledì sera ha sconfitto abbastanza agevolmente il Benevento in trasferta per 4-2. Dopo un primo tempo ricco di emozioni e terminato sul 2-2, reti di Jallow e Benedetti per i veneti (due volte in vantaggio e poi raggiunti), nella ripresa i granata hanno dilagato e vinto grazie ai gol messi a segno da Zaccagni e ancora da un ispirato Jallow. Affermazione importante per i ragazzi di Venturato, che oggi di fronte al loro pubblico hanno l’occasione per alzare un trofero importante e poi prepararsi al meglio per la prossima stagione in Serie B. Il Cittadella ha vinto il Girone A di Lega Pro con 76 punti (23 vittorie, 7 pareggi, 4 sconfitte) guadandosi la promozione diretta nella serie cadetta, a un anno di distanza dalla retrocessione. Oggi vogliono fare l’ultimo sforzo e provare a vincere. Non sarà facile, perché di fronte c’è un avversario molto forte. Veneti in campo con il solito 4-3-1-2 con centrocampo a rombo, il finalizzatore sarà Litteri, cannoniere della squadra con 15 gol.

La Spal di Leonardo Semplici ha vinto il Girone B di Lega Pro con 71 punti (21 vittorie, 8 pareggi e 5 sconfitte) e nello scontro precedente con il Benevento si è imposta con il risultato netto di 4-1 al Paolo Mazza. Le reti sono state realizzate da Giani, Cellini, Finotto e Schiavon. Risultato importante che, considerando anche quello del Cittadella con i campani, rende difficile pensare a chi può partire favorita tra le due oggi. Il fattore campo può risultate importante, ma gli emiliani non sono una squadra che si fa intimorire e che difetta in quanto a personalità. Tutt’altro. Mister Semplici dovrebbe riproporre il collaudato 3-5-2 per espugnare il Tombolato, puntando molto su bomber Cellini, migliore marcatore dei biancazzurri con 17 gol. Dubbi su chi sarà il suo partner in attacco, ma Finotto appare in vantaggio su Zigoni.

Per quanto riguarda le quote proposte dall’agenzia di scommesse Snai, il segno 1 (vittoria Cittadella) viene dato a 2,20 mentre il segno X (pareggio) a 3,30. Invece per il segno 2 (vittoria Spal) la quota è 3,10.

Ricordiamo infine che non sarà possibile assistere alla diretta tv di Cittadella-Spal, ma come sempre il portale Sportube.tv offre la possibilità della diretta streaming video, dopo aver già messo a disposizione tutte le partite di campionato e Coppa Italia Lega Pro per tutta la stagione, oltre a contenuti live e on demand; dovete semplicemente accedere al sito, disponibile senza costi. I profili ufficiali delle due società sui social network, che trovate in particolare su Facebook e Twitter, offrono aggiornamenti e informazioni utili sulla partita e sul campionato, mentre l’account ufficiale @LegaPro su Twitter informa in termini generali sul torneo e sui suoi gironi.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pubblicità

I commenti dei lettori