Probabili formazioni / Turchia-Croazia: quote, le ultime novità live. I bomber (Europei 2016 girone D, oggi 12 giugno)

- La Redazione

Probabili formazioni Turchia-Croazia: quote, le ultime novità live su moduli e titolari per la partita degli Europei 2016, prima giornata girone D (oggi 12 giugno)

Fatih_Terim
Fatih Terim (Infophoto)

Nelle probabili formazioni di Turchia-Croazia diamo adesso uno sguardo agli attaccanti titolari delle due squadre in vista della partita valida per il girone D di Euro 2016. La prima punta della Turchia sarà Burak Yilmaz, mentre al centro dell’attacco croato troveremo Mario Mandzukic. Yilmaz a febbraio è migrato in Cina, al Beijing Guoan, dopo tre anni e mezzo con la maglia del Galatasaray; il momento migliore della sua carriera è stato il 2012-2013, quando con la maglia del Galatasaray segnò otto gol in Champions League in sole nove presenze, tanto che a lungo fu il capocannoniere della massima competizione europea per club. Nella stessa stagione però Mandzukic fu uno dei principali artefici del Triplete del Bayern Monaco con 22 gol ufficiali. Era arrivato in Baviera proprio nell’estate 2012 e con il titolo di capocannoniere di Euro 2012 con tre gol – sia pure condiviso con Balotelli, Mario Gomez, Cristiano Ronaldo, Dzagoev e Torres. In questa stagione vanta 13 gol in 36 presenze in partite ufficiali con la Juventus nella sua prima esperienza nel calcio italiano.

In vista di Turchia-Croazia, abbiamo osservato che nella probabile formazione della Croazia abbondano i giocatori che militano nel nostro campionato. Nella Turchia invece ufficialmente non ce ne sono, ma bisogna tenere conto che è già stato definito l’arrivo all’Inter di Caner Erkin a partire dal 1° luglio. Il terzino sinistro era in scadenza di contratto con il Fenerbahce e arriverà dunque ai nerazzurri a parametro zero: per i tifosi dell’Inter ci sarà dunque un motivo in più per guardare questa partita, nella quale Erkin dovrebbe essere titolare. Classe 1988, il terzino è cresciuto nel Manisaspor per poi passare al Cska Mosca nel 2007; questa finora è stata la sua unica esperienza all’estero, dal momento che poi è tornato in patria per giocare prima nel Galatasaray e poi nel Fenerbahce, con il quale ha giocato per ben sei anni raccogliendo 213 presenze ufficiali con 16 gol.

Nelle probabili formazioni di Turchia-Croazia troviamo numerosi giocatori che militano nel campionato italiano. Per essere più precisi, va detto che il merito è tutto della Croazia, che vanta ben sette giocatori pescati dalla nostra Serie A (senza contare gli ex come Jedvaj, Cop e soprattutto Kovacic). In difesa anzi Sime Vrsaljko del Sassuolo e il napoletano Ivan Strinic daranno vita ad un duello per la maglia da titolare come terzino sinistro. In mediana il viola Milan Badelj potrà essere una preziosa alternativa ai titolari, ruolo che spera di conquistare in pianta stabile Marcelo Brozovic. A proposito di Inter, non ci sono invece dubbi che il padrone della fascia sinistra croata sarà Ivan Perisic. Infine l’attacco, dove il titolare designato sarà lo juventino Mario Mandzukic, la cui prima riserva sarà Nikola Kalinic della Fiorentina – che come l’Inter ha dunque due giocatori in questa Croazia.

È la prima partita di giornata ad Euro 2016; nelle probabili formazioni delle due squadre andiamo a vedere quali sono i ballottaggi che i due commissari tecnici devono ancora risolvere. Per quanto riguarda la Turchia, l’unico dubbio per il c.t. Fatih Terim sembra essere in attacco, dove comunque Yilmaz è nettamente favorito su Tosun come punta centrale. Discorso diverso per la Croazia, dove possiamo identificare almeno tre ballottaggi, due dei quali in difesa: in mezzo Corluka è leggermente favorito su Schildenfeld per affiancare Vida, mentre sulla fascia sinistra c’è un derby fra “italiani” che vede Vrsaljko favorito su Strinic. L’ultimo dubbio per il c.t. Ante Cacic è nel reparto offensivo, dove l’interista Brozovic è leggermente favorito su Pjaca per affiancare le certezze Rakitic e Perisic alle spalle della punta centrale Mandzukic.

, partita valida per la prima giornata del girone D degli Europei 2016, si gioca alle ore 15.00 di oggi pomeriggio presso lo stadio Parco dei Principi della capitale Parigi; è una sfida interessante fra due formazioni di buon valore e che hanno l’ambizione di ben figurare a Euro 2016, soprattutto la Croazia che può vantare una buona abbondanza di talenti ed è considerata da molti come una delle possibili sorprese della manifestazione. Arbitra la partita lo svedese Jonas Eriksson; andiamo dunque a dare uno sguardo più approfondito alle probabili formazioni di Turchia-Croazia, dando uno sguardo però anche alle quote per chi volesse scommettere sull’esito finale di questa partita.

Le quote Snai per Turchia-Croazia, partita valida per il girone D degli Europei 2016, ci dicono che il segno 1 per la vittoria della Turchia vale 3,65; il segno X per il pareggio vale 3,20 mentre il segno 2 per la vittoria della Croazia vale 2,15 volte la somma che deciderete di giocare.

La Nazionale turca è allenata da un veterano delle panchine, l’Imperatore Fatih Terim che anche in Italia ricordiamo molto bene. Terim dovrebbe puntare su un modulo 4-2-3-1 nel quale i titolari sembrano già abbastanza ben definiti: nella linea difensiva a quattro davanti a Volkan segnaliamo la presenza come terzino sinistro di Caner Erkin, nuovo acquisto dell’Inter; centrali Topal e Balta, sull’altra fascia Gonul. In mediana ecco la coppia formata da Ozan Tufan e Selcuk Inan, sulla trequarti agiranno le due stelle che sono Hakan Calhanoglu del Bayer Leverkusen e Arda Turan del Barcellona, nomi notissimi a tutti gli appassionati di calcio. Con loro anche Ozyakup alle spalle delal punta centrale, che dovrebbe essere Burak Yilmaz, altro elemento di grande esperienza internazionale.

Molti talenti a disposizione del commissario tecnico croato Ante Cacic, che dunque potrà certamente schierare una formazione di ottima qualità e anzi potrà lasciare in panchina giocatori che altrove sarebbero titolari. C’è pure tanta Italia, nel senso di giocatori della nostra Serie A, presente o passata. In porta Subasic, davanti a lui (modulo 4-2-3-1) il veterano Srna terzino destro, sulla sinistra invece Vrsaljko del Sassuolo, coppia centrale Corluka-Vida. Da centrocampo in su la qualità abbonda: basti pensare che in mediana dovrebbe agire la coppia formata da Modric e Kovacic, entrambi freschi campioni d’Europa con il Real Madrid. L’attacco è il regno degli “italiani”, con un certo Rakitic unico “estraneo”: il giocatore del Barcellona dovrebbe agire da trequartista con al fianco le ali interiste Brozovic (chje però è in ballottaggio con Pjaca, uno dei pochi che giocano ancora in patria) e Perisic per completare il terzetto alle spalle dello juventino Mandzukic.

 

1 Volkan; 7 Gonul, 15 Topal, 3 Balta, 18 Erkin; 16 Tufan, 8 Inan; 6 Calhanoglu, 14 Ozyakup, 10 Turan; 17 Yilmaz. All. Terim.

A disposizione: 12 Kivrak, 23 Tekin, 2 Kaya, 4 Calik, 13 Koybasi, 22 Ozbayrakli, 5 Sahin, 11 Sahan, 20 Sen, 9 Tosun, 19 Malli, 21 Mor.

 23 Subasic; 11 Srna, 5 Corluka, 21 Vida, 2 Vrsaljko; 10 Modric, 8 Kovacic; 14 Brozovic, 7 Rakitic, 4 Perisic; 17 Mandzukic. All. Cacic.

A disposizione: 1 Vargic, 12 L. Kalinic, 3 Strinic, 6 Jedvaj, 13 Schildenfeld, 15 Rog, 18 Coric, 19 Badelj, 9 Kramaric, 16 N. Kalinic, 20 Pjaca, 22 Cop.

 

Arbitro: Eriksson (Sve).

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori