Diretta/ Inghilterra-Islanda (risultato finale 1-2) streaming video e tv: Islanda nella storia! (Rai 1, Euro 2016 ottavi di finale, oggi 27 giugno)

- La Redazione

Diretta Inghilterra-Islanda streaming video e tv, risultato live e cronaca della partita di Euro 2016 valida per gli ottavi di finale degli Europei (oggi lunedì 27 giugno 2016)

vardy_inghilterra_galles
Infophoto

Alla fine è avvenuto il miracolo: allo Stade de Nice, lIslanda ha battuto lInghilterra in rimonta per 2-1. Tutto nel primo tempo, con la rete segnata da Wayne Rooney su calcio di rigore guadagnato da Sturbridge, quindi nel giro di un minuto gol repentino pareggio di Sigurdsson, quindi 12 minuti dopo lincredibile pareggio di Sigthorsson, libero di tirare in porta nonostante fosse in mezzo a tre avversari, sugli sviluppi di una rimessa laterale du Gunnarsson. Calo repentino degli inglesi, poco lucidi e pericolosi, contro lIslanda che ha trovato la forza nellentusiasmo, nel collettivo e nellorganizzazione di gioco, contro un avversario spento e che ha sperato grazie ai tre cambi Wilshire, Vardy e Rashford di trovare la quadratura del cerchio. Bruttissimo epilogo per Hodgson sulla panchina inglese, bruttissima partita per il CT più pagato del torneo, incapace di dare un gioco alla sua nazionale. Sarà meritatamente lIslanda lavversario dei padroni di casa francesi, il sogno di mister Lagerbak per ora può continuare.

Roy Hodgson si gioca la carta Vardy per cercare di raddrizzare la gara ma a nulla è servito fino adesso lingresso in campo della stella del Leicester. Allo Stade de Nice, lAllianz Riviere il risultato è fermo ancora sullincredibile 1-2 per lIslanda, squadra tosta, rocciosa e organizzata a differenza dellInghilterra spaesata, lottatrice sì, ma disorganizzata completamente. Inghilterra imballata che non riesce a incidere, Islanda organizzata e propositiva, più volte vicina alla rete del definitivo 3-1: azioni corali in attacco e a difendere, è il collettivo la vera forza dellIslanda. Inghilterra che vive dei guizzi dei singoli, con un Rooney molto impreciso e Vardy che da solo non basta a portare scompiglio.

Allo Stade de Nice continua la favola dellIslanda e dei suoi quindicimila tifosi che hanno invaso la città della provenza. Inghilterra – Islanda è ancora ferma sull1-2, con lIslanda che al minuto 54 ha rischiato di segnare il terzo gol, in rovesciata, con il solito Sigurdsson. Inghilterra in netto calo dopo un avvio frizzante: LIslanda difende bene e in maniera compatta, sul piano del fisico non cè paragone e anche nellorganizzazione di gioco, per quanto non spettacolare, lIslanda sembra a tratti superiore agli inglesi. Il cambio Wilshire – Dier ha aiutato in avvio di ripresa in fase di impostazione, ma la difesa islandese è difficilmente penetrabile: Solo Sturridge e Alli sembrano in grado di bucare la difesa degli uomini di Lagerback.

Sono già tre le reti in questo primo tempo giocato allo Stade de Nice, o Allianz Riviera. Tra Inghilterra e Islanda il parziale al duplice fischio dellarbitro è sul 1-2 per gli uomini di mister Lagerback. Risultato inatteso e difficilmente prevedibile, frutto dellottimo atteggiamento degli islandesi supportati dai quindicimila tifosi presenti. Dopo il vantaggio segnato da Rooney su calcio di rigore, è arrivato prima il pareggio dellIslanda con Sigurdsson al quinto minuto, quindi il vantaggio incredibile al minuto 17 con Sigthorsson, bella rete in mezzo a tre avversari per lIslandese. La squadra di Hodgson nonostante il buon avvio e la costante ricerca del gol è sembrata in caso, soprattutto con Dier e Kane. Squadra imbambolata e imprecisa, che subisce molto la fisicità degli avversari.

Il risultato che non ti aspetti, tra Inghilterra e Islanda alla mezzora il parziale è sul 1-2 per la squadra di mister Lagerback. Dopo limmediato vantaggio su rigore dellInghilterra grazie a Wayne Rooney, gli islandesi hanno pareggiato i conti in appena un minuto con Sigurdsson, con un bel tiro al volo a seguito di una rimessa laterale battuta da capitan Gunnarsson. Ma le emozioni non finiscono qui: prima Bjarnason fallisce il pallone del 2-1 buttandola alta sopra la traversa a portiere battuto, ma il vantaggio era nellaria: al minuto 17 Sigthórsson in mezzo a tre difensori riceve palla da Sigurdsson e la butta dentro! Inghilterra rimasta parecchio intontita dal vantaggio islandese, certamente inaspettato e che complica di non poco il cammino verso i quarti di finale. Tre reti in 30 minuti, chi si aspettava una partita piatta e dal risultato scontato sarà rimasto piacevolmente colpito.

Inghilterra e Islanda già sul parziale di 1-1 al decimo minuto di gioco allo State de Nice o Allianz Riviera, che dir si voglia. Davanti a quindicimila tifosi islandesi, tra i più apprezzati insieme a quelli irlandesi, si gioca lultimo ottavo di finale di Euro 2016 e una gran fetta del destino di mister Roy Hodgson. Emozioni subito al quarto minuto di gioco con Sterling che si guadagna un preziosissimo calcio di rigore realizzato dal capitano Rooney. Ma bastano 60 secondi per il capovolgimento di fronte, con Sigurdsson che la butta dentro sugli sviluppi di una rimessa laterale. Gara giocata a viso aperto da ambo le squadre, con lInghilterra che da una parte vuole salvare la faccia, dallaltra lIslanda che crede nellimpresa storica. Chi affronterà la Francia ai quarti?

Inghilterra-Islanda si gioca: andiamo subito a vedere quali sono le formazioni ufficiali della partita che chiude a Nizza il programma degli ottavi di finale di Euro 2016. Roy Hodgson ha scelto: gioca Harry Kane supportato da Sturridge e Strerling, Rooney fa la mezzala al fianco di Eric Dier con Dele Alli dallaltra parte e per la prima volta rimane in panchina Lallana. Islanda con il solito 4-4-2: non cambia nulla nella formazione di Lars Lagerback. INGHILTERRA (4-3-3): 1 Hart; 2 Walker, 5 G. Cahill, 6 Smalling, 3 D. Rose; 20 Alli, 17 E. Dier, 10 Rooney; 15 Sturridge, 9 Kane, 7 Sterling. In panchina: 13 Forster, 23 Heaton, 19 Barkley, 21 Bertrand, 12 Clyne, 14 Henderson, 8 Lallana, 4 Milner, 22 Rashford, 16 Stones, 11 Vardy, 18 Wilshere. Allenatore: Roy Hodgson ISLANDA (4-4-2): 1 Halldorsson; 2 Saevarsson, 14 Arnason, 6 R. Sigurdsson, 23 Skulason; 7 Gudmundsson, 10 G. Sigurdsson, 17 Gunnarsson, 8 B. Bjarnason; 9 Sigthorsson, 15 Bodvarsson. In panchina: 13 Jonsson, 12 Kristinsson, 18 E. Bjarnason, 11 Finnbogason, 22 Gudjohnsen, 20 Hallfredsson, 3 Hauksson, 4 Hermannsson, 5 Ingason, 19 Magnusson, 16 Sigurjonsson, 21 Traustason. Allenatore: Lars Lagerback

Analizziamo Inghilterra-Islanda dal punto di vista della possibile chiave tattica dell’ultimo ottavo di Euro 2016. Roy Hodgson, commissario tecnico dell’Inghilterra, insisterà sul 4-3-3 ma cambierà ancora qualcosa riguardo gli interpreti da schierare dal primo minuto. Tra i detrattori dell’allenatore inglese, la critica più pressante è quella di non aver ancora preso una decisione chiara riguardo la squadra titolare da schierare in questa fase cruciale dei campionati Europei. Sono i bomber che stanno tradendo però il CT inglese, con Kane, Rooney e Vardy autori finora di un solo gol in tre. Tutt’altro clima in casa islandese, con il 4-4-2 dell’allenatore svedese Lagerback tatticamente bilanciato in maniera perfetta. L’Islanda probabilmente paga qualcosa in termini fisici visto il grande entusiasmo con il quale approccia alle partite, ma la sensazione è che la squadra sia forse non ancora matura, ma sicuramente competitiva. Già l’ingresso tra le prime sedici d’Europa è stato un trionfo, ma i poco più di 300.000 abitanti dell’Isola più a nord d’Europa vogliono continuare a sognare.

Si giocherà presso lo stadio Allianz Riviera di Nizza. Ad essere pignoli, tecnicamente si dovrebbe parlare di Stade de Nice, come lo definisce la Uefa che in occasione di Euro 2016 “censura” gli sponsor che non facciano parte di quelli ufficiali degli Europei, ma lo stadio della città poco lontana dal confine con l’Italia è sponsorizzato dalla nota compagnia di assicurazioni che dà il nome anche all’impianto di Monaco di Baviera. L’Allianz Riviera è uno degli stadio che è stato costruito ex-novo proprio in vista di Euro 2016 ed è stato inaugurato il 22 settembre 2013: da allora è sede delle partite casalinghe del Nizza, al posto del vecchio Stade Municipal du Ray. In questa edizione degli Europei, l’ottavo di finale Inghilterra-Islanda sarà l’ultima partita a disputarsi a Nizza: in precedenza sono stati giocati tre incontri della fase a gironi, cioè per la precisione Polonia-Irlanda del Nord 1-0 il 12 giugno per il girone C, Spagna-Turchia 3-0 il 17 giugno per il girone D e Svezia-Belgio 0-1 il 22 giugno per il girone E.

Si avvicina, andiamo dunque a vedere che cosa possiamo aspettarci da questo ottavo di finale di Euro 2016 in base alle previsioni delle principali agenzie di scommesse sportive. Quote inevitabilmente sbilanciate per l’ultimo ottavo di finale in programma allo stadio Allianz Riviera di Nizza, vista la differenza di tradizione e anche di forza delle rose (almeno sulla carta) tra le due Nazionali. Le principali agenzie di scommesse quotano con Eurobet a 1.55 il successo della squadra di Roy Hodgson, mentre la vittoria islandese viene proposta ad una quota di 9.50 da 888.it, che offre a 3.95 l’eventualità del pareggio al novantesimo minuto, che naturalmente non potrebbe essere il risultato definitivo in un match ad eliminazione diretta, dunque in questo caso si proseguirà con i tempi supplementari ed eventualmente i calci di rigori.

Chiuderà il programma degli ottavi di Euro 2016. Certamente tutti ricordiamo come si sono comportate queste due Nazionali nella fase a gironi, facciamo allora un passo indietro e ricordiamo come si erano qualificate per questi Europei. Per l’Inghilterra è stato un vero e proprio percorso trionfale: inserita nel gruppo E delle qualificazioni, la Nazionale britannica ha ottenuto dieci vittorie in altrettante partite, dunque 30 punti e logicamente il primo posto; un dominio totale dunque in un girone che comprendeva anche Svizzera (seconda e dunque qualificata), Slovenia, Estonia, Lituania e San Marino, con un totale di ben 31 gol segnati 11 contro i sammarinesi e solamente tre subiti. L’Islanda ha compiuto una vera e propria impresa arrivando seconda nel gruppo A, che comprendeva formazioni certamente più quotate quali Repubblica Ceca, Turchia e soprattutto Olanda, la grande esclusa da questi Europei: per gli islandesi 20 punti in dieci partite, frutto di sei vittorie, due pareggi e altrettante sconfitte, un bottino che è valso la prima, storica partecipazione a una fase finale, che poi ha regalato anche l’ancora più eccezionale passaggio agli ottavi.

Dall’arbitro sloveno Damir Skomina, si gioca questa sera lunedì 27 giugno 2016 alle ore 21.00 presso lo stadio Allianz Riviera di Nizza. La gara è valida come ottavo di finale di Euro 2016 e Inghilterra-Islanda sarà anzi la sfida che chiuderà ufficialmente il programma degli ottavi di finale degli Europei. Sulla carta si tratta di una delle sfide più squilibrate, con gli inglesi che per l’ennesima volta si presentano ai nastri di partenza nella competizione nella speranza di lasciare un segno e puntare alla finale.

Al contrario l’Islanda è stata la matricola assoluta, mai presente finora in una grande competizione per Nazionali, e capace addirittura di passare il turno da imbattuta, con due pareggi ed una vittoria ottenuta all’ultimo respiro contro l’Austria. Anche contro la Slovacchia, nel match che le è costato il sorpasso al primo posto nel girone da parte del Galles, l’Inghilterra ha faticato ad andare in gol e a produrre una manovra di gioco offensiva fluida, a dispetto della presenza di molti talenti e dell’ingresso in campo da titolare del bomber del Leicester campione d’Inghilterra, Jamie Vardy, che era partito dalla panchina nelle precedenti due partite.

Gli islandesi invece hanno stupito tutti con una compattezza ed un gioco di squadra che d’altronde avevano garantito loro la qualificazione in Francia. Una costante dell’Islanda è quella di iniziare benissimo le partite ma di calare nella ripresa. E’ accaduto soprattutto contro l’Ungheria e contro l’Austria, un particolare che potrebbe essere decisivo ora che inizia la fase ad eliminazione diretta degli Europei e che, in caso di pareggio, bisognerà disputate tempi supplementari e calci di rigore.

Ecco le probabili formazioni della sfida di questa sera a Nizza. L’Inghilterra scenderà in campo con Hart tra i pali, Clyne in posizione di terzino destro e Bertrand in posizione di terzino sinistro, mentre i difensori centrali saranno Cahill e Smalling. A centrocampo il terzetto titolare sarà quello formato da Jordan Henderson, Dier e Lallana, mentre in attacco tornerà titolare Rooney al fianco di Vardy (per lui però proseguirà il ballottaggio con Harry Kane) e di Sterling che dovrebbe riprendersi il posto ai danni di Sturridge.

L’Islanda giocherà con Halldorsson in porta, Arnason e Ragnar Sigurdsson al centro della difesa, mentre sull’out di destra della retroguardia si muoverà Saevarsson, con Skulason schierato sulla fascia opposta. Gudmundsson e Bjarnason saranno rispettivamente gli esterni di destra e di sinistra a centrocampo, con Gylfi Sigurdsson e Gunnarson impiegati al centro della linea mediana. In avanti Bodvarsson, autore del primo gol nel match contro l’Austria, farà coppia con Sigthorsson.

La partita di Euro 2016 tra Inghilterra-Islanda sarà trasmessa in diretta tv in chiaro su Rai Uno, essendo la partita di prima serata che – come tutti i giorni – la tv di Stato potrà trasmettere per tutti; da segnalare che ci sarà pure la possibilità di seguire la partita su Rai 4 (canale 21 del telecomando), in questo caso con il salace commento della Gialappa’s Band all’interno di ‘Rai dire Europei’. Oggi doppio appuntamento in chiaro, visto che naturalmente la Rai trasmette anche Italia-Spagna. Euro 2016 sarà però trasmesso integralmente dalla tv satellitare Sky: per Inghilterra-Islanda appuntamento su Sky Sport 1 HD (il numero 201), ma anche su Sky Sport Mix HD (numero 106). Questo significa che avremo a disposizione anche una doppia diretta streaming video per Inghilterra-Islanda: gratuitamente ed accessibile a tutti mediante il sito Internet www.rai.tv; per gli abbonati Sky anche tramite l’applicazione Sky Go. Aggiornamenti in tempo reale saranno inoltre disponibili sul sito ufficiale della Uefa.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori