Diretta / Presentazione Giampiero Ventura ct dell’Italia, oggi la conferenza: info streaming video-tv. ‘Voglio una squadra eccitante’ (19 luglio 2016)

- La Redazione

Diretta presentazione Giampiero Ventura, info streaming video e tv. Oggi, martedì 19 luglio 2016, avrà luogo la prima conferenza stampa da commissario tecnico dell’Italia, ecco chi è. 

buffon_ventura
Il nuovo ct dell'Italia Giampiero Ventura assieme a Gigi Buffon (LaPresse)

In diretta la presentazione di Giampiero Ventura, nuovo ct dell’Italia: il mister risponde all’invito di un giornalista che chiede di riaprire gli allenamenti alla stampa. “Se i giornalisti vedono gli allenamenti si godono anche meglio la partita. Il problema però è che ogni volta che si lavora a porte aperte diventa un boomerang al contrario. Rimango dell’idea che attraverso i rapporti si possa costruire qualcosa, però ai giornalisti interessa sapere i convocati o chi gioca, nella stragrande maggioranza dei casi. Io preferirei avere un confronto di calcio, perché poi mi dà la possibilità di parlare la stessa lingua nelle disquisizioni e nei confronti“.

Si sente un pò orfano di Marcello Lippi? Quanto le dispiace che non sia lui il direttore tecnico della sua Nazionale? Ha in mente un nome per questa carica? “Lungi da me, i nomi li sceglie la Federazione. Per quanto riguarda Marcello c’è grande amicizia, ma non è colpa di nessuno se lui oggi non è qua. L’obiettivo oggi è la Nazionale e il raggiungimento degli obiettivi. Credo ci sia stato un problema tecnico, di fronte al quale non posso commentare“. Come dev’essere la sua Nazionale? “Proprio perché riparto da quello che ha lasciato Conte, dico che la sua squadra era umile, determinata e feroce e vorrei che rimanesse tale. Vorrei che fosse anche eccitante, oltre alle qualità della squadra di Conte“.

La libidine dell’allenare, del selezionatore: quale può essere, dove la troverai? “Prima la devo provare, non si può inventare Sono un misto fra curioso e voglioso, non vedo l’ora di iniziare. Oggi parlavo con i miei collaboratori mentre guardavamo le immagini di due partite dell’Italia; io ho già in mente e negli occhi quello che vorrei vedere, tanta è la voglia di iniziare, di evolverci in maniera ben precisa. Se riusciamo a fare un passo avanti possiamo riuscire a stupire“. 

In diretta la presentazione di Giampiero Ventura, nuovo ct dell’Italia: domanda, ha parlato molto dell’ultima gestione Conte a livello tecnico; oltre ai giovani di prospettiva di cui ha parlato pensa anche a qualcuno dei giocatori esclusi dagli Europei? “Bonaventura e Berardi, per fare degli esempi, sono stati convocati più volte ma poi non sono andati agli Europei, ma questo fa parte di un percorso della Nazionale. E’ evidente che non ci sono solo i 23 degli Europei: non ho detto che parlo solo con quelli, ma parto da quelli. Penso agli infortunati, Marchisio e Verratti. Il problema è sfruttare il poco tempo che c’è per non bruciare i giocatori. I giovani non hanno l’obbligo di vincere, quello ce l’ha la Nazionale“.

Ha pensato in un futuro anche non immediato di dare una possibilità a Balotelli? E’ preoccupato dall’età media generalmente alta di questa nazionale, in vista del prossimo mondiale? Agli Europei la squadra aveva un’età media di 31 anni. “Prima parlavamo di Barzagli, che ha superato i 33 anni: oggi può essere un giocatore importante ma non puoi pensare che tra quattro anni sia lo stesso, questo lo dice la vita di ognuno di noi. Oggi ci sono giocatori che possono dare un contributo, anche dando la possibilità a quelli dietro di crescere. Per esempio Romagnoli è un giocatore che proiettato nel futuro può avere un senso, ma per il momento gli diamo la possibilità di crescere dietro un riferimento come Barzagli. Balotelli parte come tutti gli altri a patto che giochi e faccia professionista. Se n’è parlato in tutte le salse, dal punto di vista tecnico è un giocatore naturalmente importante, da quello caratteriale a volte può aver lasciato a desiderare. Il fatto stesso che Balotelli non giochi nel Milan e che il Liverpool lo abbia abbandonato, indica che si trova davanti ad un bivio. Io però sono uno degli ultimi romantici, ricordo ad esempio la rovesciata di Gigi Riva a Vicenza: io amo il calcio e Balotelli quelle poche volte che ha fatto il calciatore ha dimostrato di avere qualità assoluta. Io non ho pregiudizi ma poi è il campo che deve parlare“.

In diretta la presentazione di Giampiero Ventura: altra domanda, all’estero si vive il luogo comune della vecchia storia del calcio italiano, si parla sempre del catenaccio, anche se si sono succeduti tanti tipi di gioco. L’Italia di Ventura quanto sarà lontana o vicina a questa idea? “Sono andato a vedere Francia-Albania, e i francesi quando gli avversari avevano la palla erano tutti nella propria trequarti. Se la vediamo in quest’ottica la Francia stava facendo catenaccio contro l’Albania. Oggi non è più così, non c’è una squadra che quando entri in possesso di palla non tiene minimo dieci uomini sotto la linea della palla. Il problema è la capacità di leggere gli spazi nei tempi giusti, per essere in grado di creare gli spazi oppure aggredirli“.

Pensando alla carriera di Ventura ci si chiede come mai non sei arrivato prima in una panchina di un grande club, però c’è anche chi dice che non ha mai vinto titoli. Come rispondi? Poi è vero che guadagnerà di più di quanto avrebbe guadagnato al Torino? “Non guadagno un euro di più, perché la Federazione ha furbescamente rilevato il mio contratto con il Torino. Per quanto riguarda i titoli bisogna capire che cosa significa aver vinto: se parliamo di titoli, campionati o coppe è la verità, è impossibile vincere se non alleni le cinque squadre forti del campionato. Se per vincere allenando le squadre che ho allenato io significa mandare i giocatori in nazionale, ai mondiali, o prendere una società e farle fare 150 milioni di plusvalenze, queste sono le mie vittorie. Su queste vittorie credo di avere un palmares importante“.

In diretta la presentazione di Giampiero Ventura: era stato il successore di Conte anche Bari, qual è la prima cosa da fare appena dopo Conte? E poi è riuscito a convincere Barzagli a tornare? Ha già chiesto gli stage? “Sul cosa fare dopo Conte mi verrebbe da fare una battuta: tranqullizzarvi tutti Quando c’è un calcio organizzato può essere migliorato nei dettagli, non nella sua grossolanità del gioco. Quello che è stato fatto da Conte in poco tempo è stato assolutamente importante; spero che questo sia rimasto e di poter lavorare sui dettagli. Su Barzagli adesso non lo chiamo perché è in vacanza, e non mi risponde. Battute a parte, se voglio ripartire dalla base di Conte lui sulla carta farebbe comodo alla Nazionale, e dico una banalità“.

Pellè è andato in Cina: può essere un problema come lo è stato per Pirlo andare in America? “E’ da verificare perché il problema è al 50% la Cina e al 50% uno stipendio importante. E’ evidente che il giocatore deve essere forte per essere psicologicamente affamato anche in un contesto diverso. Portavo l’esempio di Diamanti, un grande giocatore che però andando in Cina ha un pò perso la Nazionale. Parlerò con tutti i 23 dell’Europeo, poi ci saranno altri giocatori perché il calcio va avanti. Chiamerò Pellè e cercherò di capire se ha un senso, al di là del rigore sbagliato che ha un pò annacquato al sua immagine è stato un giocatore importante per la Nazionale. Parto dal presupposto che i giocatori che hanno sbagliato hanno sofferto, e la sofferenza ti permette di avere grande voglia di rivalsa. Pellè e Zaza potrebbero aver capito più nei dieci minuti dopo i rispettivi rigori sbagliati che nei due anni precedenti. La Cina però è lontana“.

In diretta la presentazione di Giampiero Ventura: domanda, la Nazionale ha vissuto gli ultimi sei anni su due linee di gioco abbastanza diverse, al di là del modulo. Quella di Prandelli era basata sul centrocampo di qualità, quella di Conte ha fatto di necessità virtù e credo abbia trovato il punto giusto per il suo calcio; il suo calcio è diverso da quello visto agli Europei, nella sua testa è un gioco che si avvicina più a quello di Prandelli a quello di Conte? “Qualsiasi gioco se fatto bene paga, se fatto male no. Nel momento in cui speri di fare risultato vuol dire che ti affidi o all’individualità o alla casualità. Quando invece vuoi fare risultato è una componente globale, per cui tutti spingono nella stessa direzione. Il calcio di Conte ha pagato in un momento particolare nostro, se andate a vedere i giocatori che erano in panchina al Mondiale di Lippi erano tutti grandissimi nomi, quelli dell’ultimo Europeo erano importanti che però devono lavorare per diventare importantissimi. Si può anche migliorare: quando ci riusciremo ci sarà la possibilità di ritagliarsi uno spazio importante“.

In diretta la presentazione di Giampiero Ventura. Parla il mister: “Il vero problema, in attesa che arrivino i giovani in rampa di lancio, cui bisogna dare possibilità senza bruciarli, è che avrò pochissimo tempo per vedere i giocatori prima dell’amichevole con la Francia. Però ripeto, ci sono giovani che vale la pena aspettare“.

Lei ha sempre portato qualcosa di nuovo, dal Cagliari al Torino passando per Bari. Ha detto che ripartirà dal 3-5-2, ma quali idee di sviluppo ha? E quando pensa sia possibile cominciare ad inserire qualcuno dei giovani più importanti del nostro calcio? “Ci sono le annate in cui emergono un sacco di difensori, poi centrocampisti, oggi ad esempio l’Italia offre un’infinità di esterni. Il problema è che il modulo 3-5-2 va a penalizzare gli esterni, allora è evidente che bisogna anzitutto pensare alla qualificazione europea, perché fare un’amichevole contro la Germania e rischiare i giovani potrebbe significare la loro bocciatura, cosa che non ci possiamo permettere“. 

In diretta la presentazione di Giampiero Ventura, domanda: il suo primo saluto? “Buongiorno a tutti, sono assolutamente felice di essere qui, ma soprattuto sono orgoglioso di essere stato scelto per rappresentare una delle nazionali più importanti dal punto di vista calcistico. Ringrazio il presidente Tavecchio che in questi giorni mi è stato vicino, e anch’io ringrazio Antonio Conte, perché mi ha lasciato la squadra con delle conoscenze, con la cultura del lavoro, che sono poi le cose che mi hanno accompagnato nel mio percorso calcistico. Questo mi dà la possibilità di partire leggermente avvantaggiato, perché allenare la Nazionale significa avere pochissimo tempo. L’Europeo ci ha dato la consapevolezza che attraverso l’organizzazione, la disponibilità, l’unione si possono raggiungere risultati importanti. L’Italia li ha raggiunti e potevano essere anche importantissimi, non fosse stato per i rigori. Io e il mio staff abbiamo grande voglia, sappiamo che per raggiungere grandi obiettivi c’è bisogno di tutti; soprattutto abbiamo una gran voglia di diventare protagonisti insieme alla squadra. C’è stato un grande riavvicinamento del popolo italiano nei confronti della maglia azzurra e questo è un bene che non va disperso“.  

In diretta la presentazione di Giampiero Ventura, nella conferenza stampa da nuovo ct della Nazionale italiana. Le parole del mister che risponde alle domande dei giornalisti, dopo le foto di rito e la stretta di mano con il presidente FIGC Carlo Tavecchio. Proprio quest’ultimo esordisce: “Si apre una nuova stagione, la nazionale che esce da un Europeo importante dove ha recuperato un’immagine particolare, un patrimonio etico, ha recuperato una nazionale sotto certi aspetti. Non vi mancherà di sapere che siamo stati i più gettonati in Europa, i più gettonati sui social. Proprio per un nonnulla eravamo quasi della partita per arrivare a fare ancora meglio. Ringrazio Conte perché ha dato un’immagine di assoluta novità, ha creato un nuovo stile che io chiamerei del sacrificio e del rispetto della squadra, e non dell’individualità. Ventura è un maestro di calcio, Michele Uva sa che ho sempre detto di sapere che Conte avrebbe lasciato. Gli orizzonti sono questi, Giampiero Ventura era sempre stato nella mia ipotesi il futuro della Nazionale, e abbiamo superato tutto quel che c’è da superare per ersero qui insieme. Quando una perosna arriva a dirigere una nazionale di calcio, e una come l’Italia, abbia raggiunto il top della carriera, non ci sono altre mete che deve raggiungere un allenatore. Noi siamo lieti di consegnarli una squadra in cui dovrà esposris in prima persona, davanti a tutti. Carta bianca, operatività, non ci saranno interventi federali. Lo staff se l’è scelto, faremo le nostre valutazioni per inglobare lo staff federale, ma lui si è scelto le sue persone“.

Tutto pronto per la conferenza stampa di presentazione di Giampiero Ventura come nuovo allenatore della Nazionale italiana, che si tiene in diretta dal centro sportivo di Coverciano. Si è già parlato della continuità a livello tattico tra l’impostazione di Antonio Conte e quella di Giampiero Ventura: entrambi gli allenatori adottano come modulo prediletto il 3-5-2, il ct precedente ha sperimentato anche soluzioni alternative e in tal senso lo stesso Ventura si presenta come un tecnico elastico, dall’alto del grande bagaglio d’esperienza accumulato finora. In ogni caso, negli ultimi anni l’allenatore ligure ha fatto le fortune del Torino partendo dal 3-5-2, che dovrebbe essere anche l’iniziale modulo di riferimento per la Nazionale azzurra. Di questo e di tutti gli altri temi inerenti al nuovo corso dell’Italia ci parlerà proprio Giampiero Ventura, nel suo primo incontro ufficiale con la stampa da nuovo ct della Nazionale. A lui la parola quindi, l’inizio della conferenza è fissato per le ore 16:00. 

Mentre si avvicina la presentazione ufficiale di Giampiero Ventura da nuovo allenatore della Nazionale, Sky Sport 24 ha raccolto le dichiarazioni di Damiano Tommasi, presente a Coverciano. L’ex centrocampista, oggi presidente dell’Associazione Italiana Calciatori, si è augurato che la gestione Ventura possa proseguire nel solco tracciato da Antonio Conte, il quale ha predicato più volte una maggiore vicinanza alla squadra azzurra: “Al di là del dialogo che vi sarà lo spirito è di stare vicino alla nazionale, di stare vicino alla maglia azzurra anche da dietro la scrivania, come ci aveva chiesto Conte”. In tema di Nazionale anche la questione del prossimo Mondiale Under 20, che si terrà in Corea nel 2017: un argomento all’ordine del giorno nel consiglio federale, perché richiederà ai club l’impiego di giocatori in date non tradizionali. Tommasi ha dichiarato: “Si è parlato un pò più del Mondiale Under 20 cui parteciperemo, ma che si terrà in date che non saranno quelle FIFA. Si vedrà se la maglia azzurra riuscirà ad avere fascino e precedenza su tutto il resto”. Il rischio è che le varie squadre preferiscano non concedere i propri giocatori alla Nazionale, anche se il Mondiale Under 20 è un appuntamento cui l’Italia non partecipa da nove anni: “E’ un’ipotesi possibile e un tema che sta affiorando anche a livello olimpico, anche se l’Italia non ci sarà a Rio. Mi auguro da calciatore e da atleta che la convocazione in nazionale sia un vantaggio per tutti e non diventi solo un capriccio di un dirigente o meno“.

già arrivato al centro tecnico federale di Coverciano, dove oggi, martedì 19 luglio 2016, verrà presentato alla stampa. Appuntamento alle 16:00, ma intanto il nuovo commissario tecnico della Nazionale ha rilasciato una brevissima dichiarazione: «Sto da Dio. Nel frattempo Ventura ha ricevuto gli auguri di Giancarlo Abete, vicepresidente della Uefa: «E’ un’ottima persona. Un forte augurio e che faccia bene, ha dichiarato al suo ingresso nel centro tecnico di Coverciano. Poi ha parlato dell’eredità lasciata da Antonio Conte e della nuova sfida per Giampiero Ventura in vista della qualificazione ai Mondiali 2018 in Russia: «Ci troveremo in un girone difficile. L’eredità di Conte è pesante, ma lo sono state anche quelle lasciate da Prandelli, Lippi e Donadoni. Quindi, al di là delle qualità indubbie di Conte, il problema è che è pesante il fardello di essere il commissario tecnico dell’Italia, ha concluso Abete, come riportato dall’Ansa.

Alle 16:00 presso il centro tecnico federale di Coverciano parte la nuova avventura della Nazionale: oggi, infatti, è in programma la presentazione alla stampa di Giampiero Ventura, il nuovo commissario tecnico dell’Italia. Accolto questa mattina dal presidente FIGC, Carlo Tavecchio, Ventura incontrerà i giornalisti al termine del Consiglio federale. Il suo esordio, invece, sulla panchina azzurra è previsto a Bari, il primo settembre, per l’amichevole contro la Francia vicecampione d’Europa. Contratto biennale per Ventura, a cui è stato affidato il compito di guidare la Nazionale verso i Mondiali 2018 in Russia. In ballo c’è la qualificazione, ma l’ex allenatore del Torino punta al quadriennio: vuole, infatti, restare al timone della squadra azzurra fino agli Europei 2020. Un obiettivo ambizioso quello di Ventura, che dovrà confermarsi sul campo la conferma e, di conseguenza, il rinnovo. Nel frattempo trapela il nome del nuovo coordinatore delle nazionali giovanili: come riporta Sportmediaset, si tratterebbe di Viscidi.

Un uomo solo al comando: Giampiero Ventura comincia oggi il suo cammino alla guida della Nazionale. Il nuovo commissario tecnico dell’Italia lo fa a fari spenti, senza sponsor né proclami. Dopo aver perso per strada Marcello Lippi, che doveva ricoprire il ruolo di direttore tecnico azzurro, Ventura si prepara a rilanciare il movimento calcistico italiano che solo con Antonio Conte ha ritrovato un po’ di splendore. Oggi Ventura sarà presentato alle 16:00 a Coverciano. Dopo una gavetta di ben 40 anni l’ex allenatore del Torino ha coronato il sogno di allenare l’Italia. Il nuovo commissario tecnico punta su un calcio divertente, quindi dovrà trarre il meglio da una generazione che ha pochi talenti. Ma Ventura è un allenatore che sa gestire bene i giovani, quindi con lui troveranno maggiore spazio in Nazionale; inoltre sta stimolare i suoi giocatori e aiutarli a costruire una mentalità che si fonda sull’applicazione sul lavoro.

Oggi è un giorno importante per Giampiero Ventura e la Nazionale: l’ex allenatore del Torino alle 16:00 verrà presentato a Coverciano per dare il via alla sua nuova avventura da commissario tecnico dell’Italia. Reduce da un buon quinquennio granata, Ventura è chiamato a condurre gli azzurri verso i Mondiali 2018 in Russia. Bisognerà puntare al primo posto nelle qualificazioni per evitare lo spareggio. In attesa delle dichiarazioni di Ventura, che spiegherà anche le linee guida che caratterizzano il nuovo ciclo azzurro, emergono già dei particolari in merito alla nuova Nazionale: c’è l’intenzione, secondo Il Giornale, di confermare il gruppo di Antonio Conte, che però andrà integrato con giovani. I principali candidati sono Marco Benassi, Andrea Belotti e Domenico Berardi. Sotto osservazione anche il baby talento Paolo Vanoli (Under 19). Ventura, infatti, punta al quadriennio azzurro, come Cesare Prandelli e Giovanni Trapattoni, quindi agli Europei 2020.

Oggi comincia ufficialmente la nuova avventura di Giampiero Ventura da commissario tecnico dell’Italia. Dopo il biennio di Antonio Conte, la Nazionale volta pagina e riparte con l’ex allenatore del Torino. In attesa della conferenza stampa di presentazione di Ventura, che si terrà oggi alle 16:00 a Coverciano, cominciano ad emergere indiscrezioni su un caso interno. Lo staff azzurro, infatti, rischia di perdere pezzi: Gabriele Oriali, che è stato team manager di Antonio Conte, non ha ancora rinnovato il suo contratto e i colloqui intercorsi con il presidente della FIGC, Carlo Tavecchio, non hanno portato ancora a nulla. C’è la volontà di proseguire il rapporto, ma va trovata l’intesa. Si discute, come evidenziato da La Gazzetta dello Sport, di aspetti economici e di competenze del nuovo mandato. Oriali non vuole sentirsi delegittimato dal nuovo direttore tecnico, quindi proseguiranno i contatti per risolvere questo rebus. Non è da escludere che l’argomento venga sfiorato nel corso della presentazione odierna di Ventura.

Oggi avrà luogo la presentazione di Giampiero Ventura come nuovo commissario tecnico della Nazionale italiana. L’appuntamento è alle ore 16.00 di oggi pomeriggio presso l’Aula Magna del Centro tecnico federale di Coverciano (Firenze): Giampiero Ventura terrà una conferenza stampa nella quale sarà dunque possibile ascoltare le sue prime dichiarazioni da allenatore dell’Italia, un’avventura nella quale Ventura dovrà dare continuità agli ottimi risultati ottenuti ai recenti Europei dal suo predecessore Antonio Conte. Non sarà facile, perché il primo obiettivo sarà ottenere la qualificazione ai Mondiali di Russia 2018: nel nostro gruppo c’è anche la Spagna e la promozione diretta al torneo iridato senza dover passare dai playoff è garantita solo alla vincitrice. Ventura però godrà del totale appoggio del presidente federale Carlo Tavecchio, che siederà al suo fianco a Coverciano. Ricordiamo che sarà possibile seguire in diretta tv la conferenza stampa di presentazione di Giampiero Ventura tramite i collegamenti che saranno garantiti dai canali tematici sportivi delle principali emittenti televisivi e di conseguenza anche in diretta streaming video tramite i rispettivi servizi, senza dimenticare inoltre i social network, dove vi ricordiamo i riferimenti ufficiali della Nazionale azzurri, cioè su Facebook la pagina Nazionale Italiana di Calcio e su Twitter il profilo @Vivo_Azzurro.

Domani è il giorno della presentazione di Giampiero Ventura come nuovo commissario tecnico della Nazionale italiana. Ricordiamo che l’annuncio ufficiale dell’incarico all’ex allenatore del Torino era arrivato il 7 giugno, cioè pochi giorni prima dell’inizio degli Europei, quando il presidente della Figc Carlo Tavecchio aveva fatto il nome di Ventura aggiungendo di avere mantenuto “almeno con me stesso la mia prima idea, che è maturata un mese fa e quindi comunico che Giampiero Ventura sarà il ct della nazionale dopo l’esperienza degli Europei. Avrà un contratto biennale che va fino al mondiale in Russia”. Tavecchio aveva spiegato con dichiarazioni molto significative anche il perché della scelta di Ventura: “I criteri che mi hanno portato su Giampiero è che lui è un maestro di calcio. Ha insegnato anche a tanti allenatori le sue regole innovative, ha lanciato tanti calciatori in Nazionale, ha esperienza smisurata nella formazione del settore giovanile e credo che abbia sempre avuto un sano concetto di appartenenza”.

In attesa della presentazione di Giampiero Ventura come nuovo commissario tecnico della Nazionale italiana di calcio, ricordiamo che quando si parla di ct con importanti trascorsi al Torino è inevitabile pensare ad Enzo Bearzot, anche se nel caso dell’allenatore campione del Mondo in Spagna nel 1982 fu un’esperienza soprattutto da giocatore, visto che Bearzot trascorse ben nove stagioni con la maglia dei granata (in due diversi periodi inframezzati da un solo anno all’Inter) e poi intraprese la carriera da allenatore nelle giovanili del Torino, del quale però non guidò mai la prima squadra. Ventura invece è legato al Torino come allenatore: i cinque ottimi anni trascorsi sulla panchina dei granata hanno spinto la Figc a puntare proprio su di lui.

Avrà luogo domani, martedì 19 luglio 2016, da Coverciano, la presentazione di Giampiero Ventura come nuovo commissario tecnico della Nazionale italiana di calcio. Il neo-selezionatore parlerà a partire dalle ore 16 presso lAula Magna del Centro tecnico federale di Coverciano, e al suo fianco siederà il presidente della Figc Carlo Tavecchio. Ventura, 68 anni, nato a Genova, assume la guida dell’Italia dopo moltissimi anni di “gavetta” sulle panchine di squadre di Serie A e di categorie minori. Dopo aver iniziato la sua carriera da tecnico nelle giovanili della Sampdoria ed essere successivamente promosso a vice-allenatore della prima squadra, si rende protagonista di diverse esperienze tra Albenga, Rapallo, Entella Bacezza, Spezia, Centese, Pistoiese, Giarre e Venezia. I primi successi significativi arrivano alla guida del Lecce, portata in due anni dalla C1 alla A. Da questo momento in poi la carriera di Ventura si sviluppa soltanto in piazze abituate al calcio che conta: dal Cagliari alla Samp, dall’Udinese al Napoli (in terza serie), dal Messina al Verona, ripartendo poi da Pisa (qui lancerà Cerci), fino al ritorno in A col Bari e al quinquennio a Torino. Ventura, allenatore capace di far crescere le proprie squadre e in particolare i giovani a disposizione nel suo organico, rileva Antonio Conte dopo l’ottima performance dell’Italia agli ultimi Europei. Far dimenticare il neo-allenatore del Chelsea agli italiani non sarà semplice: Ventura ci proverà, come sempre ha fatto, con umiltà e impegno.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori