Calendario e tabellone Euro 2016 / Semifinale: la Francia affronterà la Germania. Le sfide storiche (Europei 4 luglio)

- La Redazione

Calendario e tabellone semifinale Euro 2016. la Germania affronterà la Francia. Europei 2016, tutte le informazioni e gli aggiornamenti, statistiche e curiosità.

Griezmann_Pogba_Euro2016
Foto La Presse

Il tabellone di Euro 2016 ci proporrà le semifinali. In calendario ecco alle ore 21.00 di mercoledì 6 luglio Portogallo-Galles allo stadio del Parc Olympique Lyonnais di Lione e poi Francia-Germania alla stessa ora del giorno dopo, giovedì 7 luglio, allo stadio Velodrome di Marsiglia. Concentriamoci adesso sui precedenti proprio di questa sfida classica del calcio europeo. I precedenti più illustri sono due semifinali e un quarto di finale dei Mondiali, tutti favorevoli alla Germania. Negli anni Ottanta ecco due semifinali consecutive, prima nel 1982 con la vittoria tedesca ai rigori per 5-4 ai calci di rigore dopo il pirotecnico 3-3 maturato nel corso dei 120 minuti, mentre nel 1986 la Germania vinse in modo più netto (2-0). Entrambe le volte però poi i tedeschi persero la finale, dunque non sono ricordi del tutto gradevoli nemmeno per loro. Nel 2014 in Brasile invece la Germania, dopo avere battuto di nuovo la Francia (1-0, Hummels), ma in questo caso ai quarti, vinse il titolo iridato. Per la Francia invece è un tabù da sfatare, come lo era l’Italia proprio per la Germania…

Il tabellone di Euro 2016 ci proporrà nei prossimi giorni le semifinali. In calendario ecco alle ore 21.00 di mercoledì 6 luglio Portogallo-Galles allo stadio del Parc Olympique Lyonnais di Lione e poi la grande classica Francia-Germania alla stessa ora del giorno dopo, giovedì 7 luglio, allo stadio Velodrome di Marsiglia. Concentriamoci per il momento sulla prima delle due sfide in programma: appare subito chiaro che Portogallo-Galles sia la semifinale meno affascinante quanto a prestigio delle due Nazionali che si affronteranno mercoledì, tanto è vero che portoghesi e gallesi si affronteranno per la prima volta in partite ufficiali. Non si sono mai incrociati nemmeno nelle qualificazioni ad Europei o Mondiali, curiosamente lo fanno in un match che potrebbe scrivere una pagina storica del loro calcio; in tutto sono solamente tre i precedenti, naturalmente tutti in amichevole, con il Portogallo che è in vantaggio avendo vinto due di questi incontri.

Il tabellone di Euro 2016 ci proporrà nei prossimi giorni le semifinali. In calendario ecco prima Portogallo-Galles alle ore 21.00 di mercoledì 6 luglio allo stadio del Parc Olympique Lyonnais di Lione e poi la grande classica Francia-Germania alla stessa ora del giorno dopo, giovedì 7 luglio, allo stadio Velodrome di Marsiglia. Manca ancora un po’ di tempo però a queste due partite, quindi andiamo nel frattempo a vedere come erano andate le semifinali l’ultima volta, cioè quattro anni fa a Euro 2012 in Polonia e Ucraina. Il 27 giugno a Donetsk ci fu il derby iberico fra Spagna e Portogallo, vinto dai primi solamente ai calci di rigore per 4-2 dopo che i tempi regolamentari e supplementari si erano chiusi senza modificare lo 0-0 di partenza. Decisivi gli errori di Moutinho e Bruno Alves, che resero ininfluente l’unico errore spagnolo di Xabi Alonso. Il giorno dopo a Varsavia ci fu la vittoria per 2-1 dell’Italia contro la Germania, ricordo che in questi giorni è ancora più piacevole rievocare. Fu la notte forse più bella delal carriera di Mario Balotelli, che annichilì i tedeschi con una splendida doppietta, mentre il gol su rigore di Mesut Ozil al 92′ vale soltanto per le statistiche.

Il tabellone di Euro 2016 è ormai arrivato alle semifinali. In calendario ecco prima Portogallo-Galles alle ore 21.00 di mercoledì 6 luglio allo stadio del Parc Olympique Lyonnais di Lione e Francia-Germania alla stessa ora del giorno dopo, giovedì 7 luglio, allo stadio Velodrome di Marsiglia. Adesso però apriamo ancora una parentesi sull’Italia, che ha terminato il proprio cammino nel torneo con la sconfitta di sabato sera ai quarti contro la Germania: gli azzurri hanno incassato un totale di 14 milioni di premi Uefa, dei quali 8 erano dovuti per la partecipazione, 2 per i successi contro Belgio e Svezia nella fase a gironi (dove ogni vittoria valeva un milione), 1,5 per la qualificazione agli ottavi e 2,5 per il passaggio ai quarti. Da notare che la spedizione azzurra è costata in tutto 4 milioni, dunque la Figc chiude con un ottimo attivo dal punto di vista economico. Da notare inoltre che questo è l’Europeo più ricco di sempre: ad Euro 2008 avevamo incassato 11 milioni uscendo sempre ai quarti, 15 milioni nel 2012 ma arrivando sino alla finale. Otto squadre partecipanti in più, l’aumento del numero delle partite e il fatto che si gioca in un mercato ricco come la Francia sono all’origine di questa crescita degli incassi per la Uefa e di conseguenza dei premi per le Nazionali.

Il tabellone di Euro 2016 è ormai arrivato alle semifinali. In calendario infatti ci saranno Portogallo-Galles alle ore 21.00 di mercoledì 6 luglio a Lione, stadio del Parc Olympique Lyonnais, e Francia-Germania alla stessa ora del giorno dopo, giovedì 7 luglio, allo stadio Velodrome di Marsiglia. Stiamo arrivando alle partite più attese anche per gli arbitri, che sognano di dirigere la finale di domenica 10 luglio. In primissimo piano c’è il nostro Nicola Rizzoli, probabilmente il grande favorito dopo che l’Italia è stata eliminata ai rigori dalla Germania. Il fischietto italiano completerebbe così il ‘Triplete’ personale con la finale di Champions League 2013 e quella dei Mondiali 2014. L’avversario dovrebbe essere Mark Clattenburg: quasi certamente toccherà a loro due dirigere la semifinale più prestigiosa (Francia-Germania) e la finalissima, bisogna solo capire a chi verrà assegnato un match e a chi l’altro. Oggi invece è il giorno della designazione per Portogallo-Galles e per questo incontro le ultime indiscrezioni danno per favorito lo svedese Jonas Eriksson, ma attenzione anche a Viktor Kassai, l’ungherese che ha convinto in Italia-Germania.

E’ arrivato all’intervallo l’ultimo quarto di finale di Euro 2016 che regalerà il tabellone finale con le due semifinali. Francia-Islanda è al momento sul 4-0 con la squadra di Didier Deschamps padrone di casa che sta demolendo la favola allenata da Lagerback. Il gol del vantaggio l’ha segnato Olivier Giroud imbeccato in area di rigore da Umtiti. Il raddoppio invece l’ha messo a segno con uno stacco imperioso sugli sviluppi di un calcio d’angolo dalla sinistra Paul Pogba. La gara viene messa in ghiaccio da Payet che con un tiro secco fa tre a zero. Ultima rete segnata da Antoine Griezmann che sale a quattro ed è per ora il capocannoniere della manifestazione. Nella ripresa i transalpini potrebbero provare qualcosa in vista dell’ormai sicura semifinale contro la Germania di Joachim Löw. Nel secondo tempo i gol di Sigthorsson K, Giroud, Bjarnason fissano il risultato finale sul 5-2 a favore la Francia.

Pochi minuti al fischio d’inizio di Francia-Islanda, l’ultimo quarto di finale in calendario a Euro 2016: fischio d’inizio che è infatti in programma alle ore 21.00 allo Stade de France di Saint Denis per la partita che completerà il tabellone delle semifinaliste, che vede già definita da una parte la sfida Portogallo-Galles e dall’altra invece c’è la Germania che attende di scoprire se dovrà giocare una grande classica del calcio internazionale contro la Francia padrona di casa o se ci sarà un nuovo capitolo dell’incredibile favola dell’Islanda. Lo capiremo naturalmente stasera: sulla carta è una sfida che rasenta l’impossibile per i “vichinghi” di Lars Lagerback, che devono affrontare a casa sua una delle grandi potenze del calcio europeo, la Francia. L’unico punto favorevole all’Islanda sulla carta è la pressione, perché per i francesi di Didier Deschamps uscire di scena stasera sarebbe un flop terrificante mentre l’Islanda è già andata molto oltre le previsioni della vigilia. Dunque serenità e organizzazione di gioco contro (quasi) tutto il resto: Davide riuscirà a sorprendere Golia? La parola al campo!

In attesa di Francia-Islanda, in calendario questa sera alle ore 21.00 per completare il tabellone dei quarti di finale di Euro 2016, facciamo un passo indietro a ieri ma sempre rimanendo sulla Francia. La Nazionale transalpina ha infatti vissuto una vigilia decisamente intensa: il programma originario per la Francia prevedeva la conferenza stampa allo Stade de France di Saint Denis con il c.t. Didier Deschamps e il portiere Hugo Lloris più l’allenamento di rifinitura sul campo designato dalla Uefa, poco lontano dal Parco dei Principi – niente allenamenti aggiuntivi allo Stade de France, per non stressare un manto erboso già piuttosto sofferente. Il problema è che Saint Denis e il Parco dei Principi sono decisamente lontani, quindi ecco la decisione di rimanere il più a lungo possibile nel ritiro di Clairefontaine, la ‘Coverciano’ francese che ospita il Centro tecnico della Federcalcio. Spostamento dunque solo per Deschamps e Lloris, che naturalmente non potevano saltare la conferenza ufficiale nello stadio sede della partita: per fare Clairefontaine-Saint Denis e ritorno, ecco allora un elicottero per ridurre al minimo i tempi…

In attesa di Francia-Islanda, in calendario questa sera alle ore 21.00 per completare il tabellone dei quarti di finale e definire dunque quale sarà l’ultima squadra a qualificarsi per le semifinali di Euro 2016, dobbiamo rendere conto di una notizia ben poco gradevole, che riguarda in qualche modo Euro 2016 anche se avvenuto a centinaia di chilometri di distanza dalla Francia, per la precisione in Croazia. Infatti Ivan Rakitic, centrocampista del Barcellona, aveva affittato una villa per le vacanze al mare dopo l’eliminazione della propria Nazionale agli ottavi per mano del Portogallo. Un rendimento che evidentemente non ha soddisfatto i focosi ultrà croati, notoriamente fra i più caldi: sei di loro hanno cominciato a tirare sassi contro l’abitazione nella baia di Ceprljanda, sull’isola di Ugljan. Non solo, hanno anche tentato di sfondare la porta prima di scappare, mentre Rakitic e famiglia fuggivano dalla porta posteriore. Ricordando il caso del fumogeno lanciato in campo nel corso di Croazia-Repubblica Ceca, la fama degli ultrà croati non fa che peggiorare… 

Nell’attesa che Francia-Islanda, in calendario questa sera alle ore 21.00, completi il tabellone delle semifinali di Euro 2016, bisogna parlare di una squadra che è stata eliminata proprio in questi quarti di finale degli Europei. Ci riferiamo al Belgio, perché sono forti in patria le polemiche sull’eliminazione dei Diavoli Rossi per mano di una squadra tecnicamente inferiore come il Galles. Inevitabilmente nel mirino c’è soprattutto il commissario tecnico Marc Wilmots, la cui posizione adesso è fortemente a rischio. Già pesantemente criticato dopo la sconfitta all’esordio contro l’Italia, che però aveva avuto come benefico effetto collaterale la collocazione nella metà più “facile” del tabellone, adesso il crollo contro i gallesi nonostante avesse a disposizione il Belgio più talentuoso di tutti i tempi lo espone alle polemiche – quel che è peggio, sembra anche dall’interno del gruppo, con il portiere Thibaut Courtois che avrebbe espresso giudizi molto duri. Un bruttissimo finale di Europeo per un Belgio che certamente cullava sogni di un finale ben diverso.

In attesa di Francia-Islanda, in calendario questa sera alle ore 21.00 per completare il tabellone delle semifinali di Euro 2016, ricordiamo cosa era successo quattro anni fa nei quarti alla Francia – mentre naturalmente l’Islanda, che è alla prima partecipazione alla fase finale di un Europeo, non si era mai spinta così avanti in un grande torneo. Il ricordo di Polonia&Ucraina 2012 non è certamente dei più piacevole per i francesi, che proprio ai quarti di finale finirono la loro corsa. Era sabato 23 giugno e si giocava Spagna-Francia alla Donbass Arena di Donetsk: vinsero gli spagnoli per 2-0 con la doppietta di Xabi Alonso, grande protagonista grazie al primo gol al 19′ minuto e al sigillo finale su rigore al 91′. In questi quattro anni però la Spagna è andata in calando mentre la Francia è cresciuta e adesso può raggiungere un’affascinante semifinale che vedrebbe i ‘galletti’ transalpini sfidare la Germania. Naturalmente Islanda permettendo…

In attesa che Francia-Islanda, in calendario questa sera alle ore 21.00, completi il tabellone delle semifinali di Euro 2016 che ha già visto la qualificazione di Portogallo, Galles e Germania, diamo uno sguardo alla classifica marcatori degli Europei. Ieri hanno segnato per la prima volta Mesut Ozil e Leonardo Bonucci in una “eterna” Germania-Italia risolta solamente dopo 18 rigori, dunque non cambiano le prime posizioni che vedono sempre in testa con 3 gol ciascuno il terzetto formato da Gareth Bale, Alvaro Morata e Antoine Griezmann. Oggi dunque il francese potrebbe isolarsi da solo al primo posto se riuscirà a segnare contro l’Islanda, ma Bale potrà rispondergli in semifinale, mentre Morata è a casa ormai da quasi una settimana. Tra i giocatori a quota 2 gol oggi potrebbe avanzare Dimitri Payet, mentre per l’Islanda finora i 6 gol segnati sono arrivati grazie ad altrettanti marcatori diversi.

Gli Europei 2016 sono tornati e lo hanno fatto regalandoci nuove emozioni. Oggi è in calendario l’ultimo dei quattro match dei quarti di finale. Il tabellone è ormai ben definito. Ieri l’Italia di Antonio Conte è uscita ai calci di rigore dopo aver lottato per centoventi minuti e dopo aver prolungato la lotteria dei calci di rigori fino al nono tiro dal dischetto. Oggi si gioca allo Stade de France di Saint Denis un’altra bellissima partita Francia-Islanda. Da una parte c’è la squadra padrone di casa allenata da Didier Deschamps e con grandissimi calciatori nella rosa come Antoine Griezmann e Paul Pogba. Dall’altra parte invece c’è la matricola scatenata Islanda che ha eliminato a sorpresa l’Inghilterra con una partita di grande spessore tecnico e ottima tenacia.

Soono diversi i precedenti tra Francia e Islanda. Sono undici le partite giocate dal 1957 a oggi con otto vittorie dei transalpini e tre pareggi. L’ultima gara risale a un’amichevole del maggio del 2012, partita terminata 3-2 con gli islandesi che erano passati in doppio vantaggio con Bjarnason e Sigthorsson. Nella ripresa però i gol di Debuchy, Ribery e Rami regalavano la vittoria alla squadra francese. Sempre 3-2 era terminata la gara di qualificazione all’Europeo del 2000 nell’ottobre del 1992. Il primo scontro tra le due squadre risale invece al giugno del 1957, gara terminata addirittura 8-0 per la Francia.

La squadra che vincerà questa gara andrà a completare il tabellone verso le due semifinali che porteranno all’attesissima finale della competizione. Ad aspettare Francia e Islanda c’è proprio la Germania di Joachim Löw che ha vinto ai calci di rigore contro l’Italia di Conte. Dall’altra parte invece del tabellone c’è da giocare uno splendido Portogallo-Galles che mette di fronte due squadre a loro modo sorprendenti e che sono arrivate fino a questo punto con un cammino diverso. Portogallo-Galles si gioca mercoledì 6 luglio alle ore 21.00 mentre la Germania affronterà la vincente di Francia-Islanda il giorno sette.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori