DIRETTA / Roma-Montreal Impact, video highlights (risultato finale 2-0): i gol dell’amichevole (info streaming e tv, oggi 4 agosto)

- La Redazione

Diretta Roma-Montreal Impact, video highlights (risultato finale 2-0): i gol dell’amichevole disputata a Montreal nella notte italiana di giovedì 4 agosto 2016. Gol di Dzeko e Nainggolan

Roma2016_dietro
(LaPresse)

In attesa di conoscere il nome dellavversario del preliminare di Champions League, la Roma supera per 2-0 il Montreal Impact, vincendo lultima gara amichevole in terra statunitense di questa estate. Decidono i gol di Dzeko e Nainggolan arrivati nel primo tempo. Da segnalare le ottime prove di Alisson, Juan Jesus ed El Shaarawy.

La Roma scende in campo con il 4-3-3. Tra i pali Alisson, davanti a lui Florenzi, Manolas, Juan Jesus ed Emerson. Strootman, De Rossi e Nainggolan a centrocampo. Salah, Dzeko e Perotti compongono il tridente d’attacco, come già fatto qualche giorno da nel match contro il Liverpool. Il tecnico dei canadesi Biello risponde con il 4-2-3-1. Il portiere è Kronberg, la linea difensiva è composta invece da Toia, Cabrera, Fisher e Dia. Bernier e l’ex Milan Donadel in mediana mentre il reparto offensivo è composto da Choiniere, Piatti e Oduro, pronti a innescare Didier Drogba. Giallorossi in vantaggio dopo sei minuti di gioco, grazie a Dzeko. Il bosniaco finalizza un assist di Perotti, il quale riceve un regalo  di Fisher, indeciso sul da farsi in fase di disimpegno difensivo. Tocco facile facile per il bosniaco che sotto porta non fallisce confermando le ottime impressioni rilasciate durante questa tournee. Lex City ha un’occasione simile poco dopo. Questa volta è Salah a ricevere palla in regalo. Tocco per Dzeko che da ottima posizione spara alto. L’appuntamento con il raddoppio è solo rinviato. Ci pensa Nainggolan. Il belga si inserisce in profondità sorprendendo la difesa canadese. Salah lo vede e lo serve al meglio. Tocco di destro che supera Kronberg e la Roma dopo 22 minuti si porta sul 2-0. La squadra di Spalletti domina il gioco, gestendo con pazienza il pallone. Il Montreal non riesce a proporre un pressing efficace rimanendo in balia delle intenzioni avversarie. Intenzioni che si placano dopo la mezzora. Perotti è il più propositivo là davanti. Dia in perenne difficoltà se la cava in qualche modo rischiando anche di causare un rigore, che rivedendo il replay ci poteva stare. Nel finale luci su Alisson. Il brasiliano deve superarsi su Drogba. L’ivoriano batte a botta sicura dopo il palo di Choiniere, ma il riflesso del portiere romanista è da pelle d’oca. Qualche minuto dopo tocca a Salazar provarci. Servito da Drogba il beliziano si fa ipnotizzare dall’estremo difensore, bravissimo a rimanere in piedi fino all’ultimo.

Tanti cambi per Spalletti che muta innanzitutto sistema di gioco: dal 4-3-3 si passa al 4-2-3-1. In porta Alisson, davanti a lui Torosidis, Gyomber, Marchizza e Seck. Mediana pattugliata da Paredes e De Rossi, mentre in avanti Iturbe, Gerson ed El Shaarawy a sostegno di capitan Totti. Il Montreal ci prova subito: verticalizzazione a favore del neo-entrato Ontivero che sguscia via sulla destra, si accentra e conclude con potenza. Fuori di poco. Poco dopo ci riprova ancora l’argentino. Spunti interessanti che però non impegnano Alisson. Il portiere brasiliano deve superarsi poco dopo su Mancosu opponendosi di piedi sul tap-in dell’ex Bologna. Gerson e Iturbe intanto si fanno ammonire. Il Montreal si fa rivedere poco con uno squillo di Tabla che stampa sulla traversa il suo tentativo. La palla schizza in area e Jackson insacca. L’arbitro annulla giustamente per posizione di fuorigioco. Al 78esimo Tabla ottiene l’uno-due da Bekker e si precipita in area. Cross preciso per Mancosu che di testa sbaglia tutto. La squadra di Spalletti sfiora il tris nel finale. Gerson prende dimestichezza con il tiro da fuori, non centrando mai la porta. El Shaarawy invece tocca sotto porta sugli sviluppi di un corner ma non riesce a battere Crepeau. Quest’ultimo si supera poco dopo sull’italo-egiziano giunto solo davanti a lui dopo un’ottima giocata in progressione con tanto di lob su un avversario. Vittoria meritata per la Roma. (Francesco Davide Zaza)

La Roma vince 2-0 contro il Montreal Impact grazie ai gol siglati nel primo tempo da Dzeko e Nainggolan. Nei minuti finali i canadesi provano a regalare una soddisfazione ai 20 mila accorsi al Saputo Stadium ma non ci riescono. Tabla ottiene l’uno-due da Bekker e si precipita in area. Cross preciso per Mancosu che di testa sbaglia tutto. Poco prima Jackson aveva trovato il gol dopo una traversa di Tabla, tra i migliori nella ripresa, ma l’arbitro aveva giustamente annullato per posizione di fuorigioco. La squadra di Spalletti sfiora il tris nel finale. Gerson prende dimestichezza con il tiro da fuori, non centrando mai la porta. El Shaarawy invece tocca sotto porta sugli sviluppi di un corner ma non riesce a battere Crepeau. Quest’ultimo si supera poco dopo sull’italo-egiziano giunto solo davanti a lui dopo un’ottima giocata in progressione con tanto di lob su un avversario. Vittoria meritata per la Roma.

Il Montreal insiste ma non riesce a trovare il gol. Tabla dopo aver portato palla al limite dell’area conclude angolando troppo e non trovando lo specchio. La squadra canadese si mostra maggiormente propensa all’attacco rispetto al primo tempo, trovando più spazi, probabilmente anche perchè la difesa di riserva della Roma concede di più rispetto a quella titolare, in campo nella prima frazione. Alisson deve superarsi su Mancosu opponendosi di piedi sul tap-in dell’ex Bologna. Gerson e Iturbe intanto si fanno ammonire. Il Montreal si fa rivedere poco dopo con uno squillo di Tabla che stampa sulla traversa il suo tentativo. La palla schizza in area e Jackson insacca. L’arbitro annulla giustamente per posizione di fuorigioco. Il Montreal insiste pur non trovando il gol che potrebbe riaprire i giochi. Tabla ottiene l’uno-due da Bekker e si precipita in area. Cross preciso per Mancosu che di testa sbaglia tutto.

Tanti cambi per Spalletti che muta innanzitutto sistema di gioco: dal 4-3-3 si passa al 4-2-3-1. In porta Alisson, davanti a lui Torosidis, Gyomber, Marchizza e Seck. Mediana pattugliata da Paredes e De Rossi, mentre in avanti Iturbe, Gerson ed El Shaarawy a sostegno di capitan Totti. Verticalizzazione esatta per Ontivero che sguscia via sulla destra, si accentra e conclude con potenza. Fuori di poco. Poco dopo ci riprova ancora l’argentino. Spunti interessanti che però non impegnano Alisson. La ripresa è iniziata sulla falsariga della fine del primo tempo. Il Montreal prova a riaprire il match con sordite interessanti, la Roma prova invece ad addormentare il match. L’unica occasione del secondo tempo per la Roma capita al decimo. Azione insistita che provoca una serie di rimpalli. Nainggolan di testa serve Torosidis che transita da destra calciando al volo con forza. Fuori di poco la conclusione del greco.

Primo tempo chiuso in vantaggio dalla Roma. I giallorossi trovano il gol nei primi 22 minuti grazie a Dzeko e Nainggolan. La squadra di Spalletti domina il gioco, gestendo con pazienza il pallone. Il Montreal per gran parte della prima frazione di gioco non ha proposto un pressing efficace rimanendo in balia delle intenzioni avversarie. Intenzioni che si placano dopo la mezzora. Perotti è il più propositivo là davanti. Dia in perenne difficoltà se la cava in qualche modo rischiando anche di causare un rigore, che rivedendo il replay ci poteva stare. Il Montreal si sveglia nel finale ma trova la sua strada Alisson. Il brasiliano deve superarsi su Drogba. L’ivoriano batte a botta sicura dopo il palo di Choiniere, ma il riflesso del portiere romanista è da pelle d’oca. Qualche minuto dopo tocca a Salazar provarci. Servito da Drogba il beliziano si fa ipnotizzare dall’estremo difensore, bravissimo a rimanere in piedi fino all’ultimo. Tra poco si riparte con il secondo tempo.

La Roma sta dominando il match. La squadra di Spalletti ha il completo controllo del possesso palla, mentre gli avversari attendono molto non pressando minimamente a centrocampo. Così sono i giallorossi a far circolare palla cercando un varco. La prima occasione della gara è però creata dai canadesi. Piatti appoggia per Drogba che stoppa e tira. Alisson vola e devia sulla traversa. Poco dopo uno sciagurato passaggio di Fisher premia Perotti che subito trova Dzeko in area che insacca. Il bosniaco ha un’occasione simile poco dopo. Questa volta è Salah a ricevere palla in regalo. Tocco per l’ex City che spara alto. L’appuntamento con il raddoppio per la Roma è solo rinviato. Ci pensa Nainggolan. Il belga si inserisce in profondità sorprendendo la difesa canadese. Salah lo vede e lo serve al meglio. Tocco di destro che supera Kronberg e la Roma dopo 22 minuti si porta sul 2-0. Per il momento non c’è partita.

Giallorossi in vantaggio dopo sei minuti di gioco, grazie a Dzeko. Il bosniaco finalizza un assist di Perotti, il quale riceve un regalo  di Fisher, indeciso sul da farsi in fase di disimpegno difensivo. La Roma scende in campo con il 4-3-3. Tra i pali Alisson, davanti a lui Florenzi, Manolas, Juan Jesus ed Emerson. Strootman, De Rossi e Nainggolan a centrocampo. Salah, Dzeko e Perotti compongono il tridente d’attacco, come già fatto qualche giorno da nel match contro il Liverpool. Il tecnico dei canadesi Biello risponde con il 4-2-3-1. Il portiere è Kronberg, la linea difensiva è composta invece da Toia, Cabrera, Fisher e Dia. Bernier e l’ex Milan Donadel in mediana mentre il reparto offensivo è composto da Choiniere, Piatti e Oduro, pronti a innescare Didier Drogba. Lo fa subito Piatti. L’ex Lecce trova l’ivoriano spostato a sinistra in area. Stop e tiro morbido che centra la traversa dopo le punte delle dita di Alisson. Due minuti dopo il gol di Dzeko fredda gli entusiasmi.

Con la partita di questa sera tra Roma e Montreal Impact si conclude la tournée americana dei giallorossi guidati da Spalletti. Un percorso in chiaroscuro quello della Roma in terra statunitense, dove a rinfrancanti prestazioni di squadra e convincenti automatismi che sembrano essere sempre meglio oliati si è alternato il clamoroso colpo di sfortuna dellinfortunio di Mario Rui. Una brutta botta per la Roma che sa già di non essere testa di serie nellurna della Champions League e che dovrà fare buon viso a cattivo gioco sperimentando anche nuove soluzioni tattiche in difesa, in attesa di capire cosa succederà ai preliminari. E ora la testa al cmapo, Roma-Montreal Impact sta per cominciare!

Alisson; Florenzi, Manolas, Juan Jesus,Emerson; Strootman, De Rossi, Nainggolan;Salah, Dzeko, Perotti. A disp.: Lobont, Crisanto, Romagnoli, Gyomber,Marchizza, Torosidis, De Santis, Seck,Vainqueur, Paredes, Gerson, D’Urso, Di Livio,Totti, Soleri, El Shaarawy, Iturbe, Ricci. All. Spalletti.

Kronberg; Dia, Fisher, Cabrera, Toia; Donadel, Bernier; Oduro, Piatti, Choiniére; Drogba. A disp.: Bush, Crepeau, Lefevre, Meilleur-Giguère, Gagnon-Laparé, Bekker, Bernardello, Venegas, Ontivero, Ballou, Jackson, Salazar, Mancosu. All. Biello.

Roma-Montreal Impact: andiamo a studiare la squadra avversaria della Roma in questa amichevole. I Montréal Impact, che giocano allo Stade Saputo nel Parco Olimpico della città, nascono nel 1992 dalla famiglia che dà il nome allimpianto di gara; sono affiliati alla MLS, il massimo campionato di calcio americano, dal 2012. In parallelo giocano il Canadian Championship di cui sono stati campioni nel 2013 e 2014; negli Stati Uniti invece hanno avuto poca fortuna, con una sola partecipazione ai playoff avvenuta un anno fa (eliminazione per mano del Columbus Crew). Torneranno in post season tra poco: sono giunti quinti nella Eastern Conference con 30 punti (7 vittorie, 9 pareggi e 5 sconfitte); è una squadra che ha avuto una forte impronta italiana, vista la presenza negli anni scorsi di Alessandro Nesta, Marco Di Vaio (40 gol in 88 partite), Matteo Ferrari e Bernardo Corradi oltre a Marco Donadel che gioca qui dallo scorso anno. Come lattaccante ivoriano Didier Drogba, che ha chiuso la sua prima stagione con 12 gol in 14 partite e ora è fermo a 8 in 12.

Roma-Montreal Impact: nella partita amichevole che la Roma gioca nella notte italiana cè un avversario che i giallorossi hanno incrociato in passato. Parliamo naturalmente di Didier Drogba: attaccante ivoriano che ha scelto di continuare a giocare nella MLS (dopo aver esplorato il campionato cinese ed essere passato dal Galatasaray), Drogba ha giocato un totale di 381 partite con la maglia del Chelsea, segnando 164 gol e vincendo tanti trofei. Nel 2008-2009 la Roma sfidò i Blues nel girone eliminatorio di Champions League: vinse 3-1 allo stadio Olimpico con la doppietta di Mirko Vucinic e il gol di Christian Panucci, mente per il Chelsea segnò Terry. A Stamford Bridge aveva invece perso 1-0, autore del gol lo stesso John Terry con un colpo di testa al 77 minuto. Unici superstiti di quella Roma sono Daniele De Rossi, Francesco Totti e Luciano Spalletti, che allepoca era alla quarta stagione consecutiva sulla panchina dei giallorossi. Per quanto riguarda Drogba, quella stagione fu difficile per gli infortuni e il fatto che Luiz Felipe Scolari gli preferiva Anelka: giocò soltanto il secondo tempo della partita di Roma

Roma-Montreal Impact, giovedì 4 agosto 2016 all’1.30 di notte in Italia, sarà il nuovo impegno amichevole per i giallorossi di Luciano Spalletti nel loro tour americano. La Roma è reduce da una importante affermazione contro il quotato Liverpool allenato da Jurgen Klopp. A Boston i capitolini si sono imposti con il punteggio di due a uno ed hanno dimostrato di poter già schierare una formazione competitiva in vista del preliminare di Champions League, fondamentale appuntamento da affrontare a cavallo di Ferragosto. La squadra di Spalletti nell’amichevole contro i Reds ha dimostrato di soffrire ancora i difetti, ma anche di potersi avvalere dei pregi, della passata stagione. Attacco di elevatissima fattura, con prestazione nobilitata da un gran gol di Dzeko, che vuole affrontare la nuova stagione per riscattarsi degli errori della passata. Ma anche Salah con le sue accelerazioni (ed il suo opportunismo, considerando il gol della vittoria siglato come un vero rapinatore d’area) si è confermato necessario: quando il reparto recupererà a tempo pieno anche El Shaarawy (schierato contro il Liverpool ma appena tornato dopo le vacanze e l’avventura agli Europei) con Perotti e Totti la Roma avrà poco o nulla da invidiare a Juventus e Napoli sul fronte offensivo. Diverso il discorso in difesa dove anche contro il Liverpool il reparto ha ballato non poco. In attesa di un nuovo terzino che possa tamponare l’infortunio di Mario Rui, è arrivato dal Siviglia via Tottenham Federico Fazio, elemento d’esperienza che potrà essere utile in una stagione che vedrà i giallorossi impegnati su tre fronti.

Questa la probabile formazione che Spalletti schiererà contro i canadesi del Montreal Impact, squadra che vanta tra le sue fila l’ex Chelsea Didier Drogba. Roma in campo con il brasiliano Alisson in porta, i suoi connazionali Emerson Palmieri sulla corsia di sinistra e Juan Jesus al centro della difesa al fianco del greco Manolas, mentre come esterno destro della retroguardia giallorossa agirà Florenzi. A centrocampo l’argentino Paredes, ex Empoli e rivelazione di questa fase di preparazione, sarà affiancato dal belga Nainggolan e dall’olandese Strootman, mentre nel tridente offensivo partiranno titolari l’egiziano Salah, Stephan El Shaarawy e il bosniaco Dzeko.

Il Montreal Impact di Mauro Biello sarà schierato con l’americano Bush tra i pali alle spalle dell’argentino Cabrera e del belga Ciman, schierati come difensori centrali. Il francese Camara sarà l’esterno destro di difesa con il camerunese Oyongo schierato sulla fascia opposta, mentre l’italiano Donadel sarà il playmaker arretrato di centrocampo assieme al canadese Bekker. In avanti il beliziano Salazar, l’altro argentino Piatti e l’altro americano Shipp supporteranno il bomber ivoriano Drogba.

Alisson; Florenzi, Manolas, Juan Jesus, Emerson; Nainggolan, L. Paredes, Strootman; Salah, Dzeko, El Shaarawy. Allenatore: Luciano Spalletti

Bush; Camara, Cabrera, Ciman, Oyongo; Donadel, Bekker; Salazar, I. Piatti, Shipp; Drogba. Allenatore: Mauro Biello

Questa esperienza estiva americana sta lanciando segnali incoraggianti in vista della nuova stagione per una Roma chiamata a raccogliere trofei dopo anni di buoni piazzamenti, ma senza riuscire neanche in Coppa Italia ad ottenere il massimo obiettivo, che sarebbe molto suggestivo se raggiunto nell’ultima stagione da calciatore di Totti. 

Roma-Montreal Impact, giovedì 4 agosto 2016 all’1.30 di notte in Italia, sarà trasmessa in diretta tv dal canale tematico dedicato alla formazione giallorossa, Roma Tv, numero 213 del boquet di Sky. Tutti gli abbonati al pacchetto calcio o al pacchetto sport della pay tv satellitare potranno seguire il match in diretta, usufruendo anche del servizio SkyGo per vedere la sfida in diretta streaming video, collegandosi tramite pc, tablet oppure smartphone al sito skygo.sky.it. 



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori